fino al 18.V.2005 - Claudio Parmiggiani – Pinxit et celavit - Roma, Galleria dell’Oca 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 18.V.2005
Claudio Parmiggiani – Pinxit et celavit
Roma, Galleria dell’Oca

   
 Quello che resta delle cose. Fumo, fuliggine e ombre di un bianco che abbaglia. Come in una vanitas contemporanea. Una piccola, ma significativa antologica di Claudio Parmiggiani…  Maria Cristina Bastante 
 
pubblicato
A parlare pare che sia l’ombra. Quella che s’insinua tra gli scaffali e resta sul muro, a tracciare il profilo dei libri che mancano. Un paradosso, questo dell’ombra solidificata, non nuovo nell’arte di Claudio Parmiggiani (Luzzara, Reggio Emilia, 1943; vive a Bologna). Le prime delocazioni, infatti, sono del ‘70, eppure il fascino del lavoro lento di fuoco, fumo, fuliggine è il medesimo: qualcosa che sta a metà tra l’alone di mistero e la sottigliezza del gioco intellettuale, condotto con rigore –certamente- ma simile pure ad una riflessione intima, attraversata da un afflato malinconico.
Così, in una delle sale della galleria, l’intervento dell’artista può materializzare un’imponente scaffalatura: il luogo è quello dove un tempo era la biblioteca dello studioso Giuliano Briganti. L’immagine che risulta è simile ad un’apparizione, con la massa dei libri -ormai scomparsi- che diventa un muro compatto, di un candore abbacinante, come pura luce.

Se i riferimenti –da quelli più diretti ed espliciti a quelli più nascosti- vanno naturalmente all’opus alchemico è altrettanto palpabile la vena nostalgica, il senso della fine inesorabile. C’è una profonda, abissale solitudine, dopotutto.
E il bianco luminoso del vuoto lasciato dai libri più che rischiarare ipnotizza.
In mostra, con un allestimento un po’ troppo concentrato, una serie di opere traccia un arco cronologico dagli anni ’70 ad oggi, sul filo di una coerenza che sorprende. Per la continuità di lessico, di immagini (come veri e propri topoi), di sensazioni.
Da una delle prime delocazioni (datata proprio 1970), dalla resa pastosa, quasi pittorica, ai pani fusi in ghisa e accatastati in un angolo, impossibili da muovere (Pane, 1998), ai calchi in gesso di matrice classica cui si accosta un dettaglio rivelatore (il passerotto impagliato nel Senza Titolo del 1995, la lampada ad olio nel Senza Titolo datato 1982).

È un’opera del 1977 ad aprire la mostra: un ceppo, un’incudine, alle spalle una tela bianca, come un schermo abbagliante, perfetta. Il percorso pare chiudersi nel volo di farfalle di una tela datata 2005: questa volta il fondo -ottenuto dal deposito di fumo e fuliggine- è di un grigio quasi uniforme, interrotto da pochi frammenti di ali colorate. Elegia discreta per qualcosa che non c’è più.

articoli correlati
Claudio Parmiggiani alla GAM di Bologna

mariacristina bastante
mostra visitata il 14 aprile 2005


Claudio Parmiggiani – Pinxit et celavit
Galleria dell’Oca, via della Mercede 12 a (piazza di Spagna), ingresso scala principale 3 piano, 066781825, www.galleriadelloca.it, info@galleriadelloca.it lun_ven 10-13 / 16.30-19.30


[exibart]


 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Maria Cristina Bastante
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Claudio Parmiggiani, Giuliano Briganti, mariacristina bastante
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram