fino al 22.I.2006 - Pasolini e Roma - Roma, Museo di Roma in Trastevere 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/03/2019
La storia di Galleria Borghese raccontata in un nuovo volume della Treccani
20/03/2019
Per questo fisico, la storia dell’arte si racconta con l’algoritmo dell’entropia
19/03/2019
L’open day della Rome University of Fine Arts, per rilanciare San Lorenzo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 22.I.2006
Pasolini e Roma
Roma, Museo di Roma in Trastevere

   
 Storia di un libero pensatore e della sua città d’adozione. Stupenda e misera. A trent’anni dalla tragica morte, Roma rende omaggio a Pier Paolo Pasolini. Con un racconto di immagini e parole... Maria Cristina Bastante 
 
pubblicato
Io so” scriveva Pier Paolo Pasolini in un celebre articolo, pubblicato sul Corriere della Sera nel 1974. L’incipit è tassativo, ma il tono del testo non è quello dell’invettiva, piuttosto è un’accorata, lucida dichiarazione intellettuale. Così, a trent’anni dalla morte, al di là di qualsiasi retorica, l’omaggio è naturale: si ricorda lo scrittore, il regista, il poeta e il pensatore appassionato, soprattutto.
Nel calendario denso di tributi e commemorazioni, la mostra allestita a Roma si ritaglia una posizione importante, vuoi per il rapporto strettissimo che legò Pasolini alla Città Eterna, vuoi per la capacità di raccontare utilizzando testi, documenti, immagini come binari paralleli. E riuscendo nel non facile intento di costruire un percorso rigoroso, netto: per ricordare, riannodare fili, allacciare connessioni.
Dell’interesse di Pasolini per l’arte è stato scritto e detto molto: dagli studi a Bologna con Roberto Longhi, alle prove di pittura e disegno, alle fonti iconografiche rintracciabili nel suo cinema, all’amicizia e allo scambio assiduo con gli artisti a lui contemporanei. A questo allestimento va il merito di aver messo insieme un mosaico composito ed eterogeneo di opere ed interventi, che –tra passato e presente– riesce a restituire la complessità del rapporto tra Pasolini e le arti visive: reciprocità di ispirazione (ed è un’ispirazione che lo scrittore continua ad esercitare anche sulle giovani generazioni, basti per questo la lettura dell'articolo di Alfredo Sigolo sull'appena uscito Exibart.onpaper), militanza critica, continua, sentita riflessione.
Fabio Mauri ricorda con un’installazione la performance Intellettuale (documentata dalle foto suggestive di Antonio Masotti), realizzata nel maggio 1975 alla GAM di Bologna: performer d’eccezione proprio Pasolini, seduto su una sedia, in camicia bianca che offriva il proprio petto come schermo per la proiezione del suo Vangelo secondo Matteo.
Bruno Canova, Quaderno romano (particolare), 1964- 65, tecnica mista su lamiera di zinco, collezione dell
Di Renzo Vespignani sono esposte quattro opere, immagini cocenti di corpi e luoghi (che poi è il titolo di un libro-album dedicato a Pasolini, a cura di Michele Mancini e Giuseppe Perrella): dall’ombra bituminosa del ponte di ferro, al segno bruciante, tormentato e corroso (come scrivono in catalogo Lorenzo Canova e Federica Pirani) che descrive prostituite, protettori, volti abbrutiti e disperati. Fanno quasi da contraltare le immagini di un artista appartato, ma vicinissimo alla poetica pasoliniana come Bruno Canova: nel suo Quaderno Romano s’incastrano e s’intersecano dettagli d’interni, frammenti di oggetti, paesaggi, dal centro alla periferia, senza soluzione di continuità, sul filo di una memoria lucida nel cogliere il particolare ed evocare le emozioni. Una serie di disegni di Fabrizio Plessi documenta la nascita dell’installazione video Bombay-Bombay (1992) dedicata al viaggio in India di Pasolini. Tra i più giovani: Cerith Wyn Evans rende omaggio allo scrittore nel luogo dove fu ucciso; Piero Pompili fotografa oggi i ragazzi di vita di allora e a questi accosta i ritratti – in un vigoroso b/n – dei figli; Stefania Fabrizi affida a tre figure velate di nero un messaggio di dolente certezza. C’è il paesaggio urbano, periferie e scorci di cielo, ritratti con lenticolare precisione da Giorgio Ortona o con quieta malinconia da Angelo Bellobono. E c’è l’omaggio sognante e delicato di un grande dell’animazione italiana: Essere morti o essere vivi è la stessa cosa (2000), di Gianluigi Toccafondo.

articoli correlati
Alfredo Jaar – Le ceneri di Gramsci
E’ morto Sergio Citti

mariacristina bastante
mostra visitata il 3 novembre 2005


Pasolini e Roma - a cura di Enzo Siciliano con Federica Pirani
sezione arte a cura di Lorenzo Canova
Museo di Roma in Trastevere, piazza di Sant’Egidio 1b, +39 065813717, museodiroma.trastevere@comune.roma.it www.comune.roma.it/museodiroma.trastevere 
mar-dom 9-20, ch lun, ingresso 6 euro, ridotto 5 euro


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Maria Cristina Bastante
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Alfredo Jaar, alfredo sigolo, Angelo Bellobono, Cerith Wyn Evans, Enzo Siciliano, Fabio Mauri, Fabrizio Plessi, Federica Pirani, Gianluigi Toccafondo, Giorgio Ortona, Lorenzo Canova, mariacristina bastante, Pier Paolo Pasolini, Piero Pompili, Renzo Vespignani, Roberto Longhi, Stefania Fabrizi
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram