fino al 20.XII.2007 - Emilio Tadini - Milano, sedi varie 3126 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 20.XII.2007
Emilio Tadini
Milano, sedi varie

   
 Il rapporto tra immagini e cose. La riproduzione del trauma del primo sguardo, che scopre un mondo non più a portata di mano. Le figure di un pittore che era un poeta. Un’esposizione interessante, ma non del tutto riuscita... stefano mazzoni 
 
pubblicato
L’opera di Emilio Tadini (Milano, 1927-2002) ha attraversato, come poche altre, la vita culturale di Milano, contribuendo all’arte e alla letteratura, prendendo ispirazione e trasfigurando eventi che ne hanno caratterizzato la storia, dal design alla moda, ai grattacieli che animeranno uno dei cicli dell’artista. Nell’ottantenario dalla nascita, la Fondazione Giorgio Marconi, con la Provincia di Milano, l’Accademia di Brera e la Fondazione Mudima, ha dedicato un’importante mostra ai primi vent’anni dell’opera dell’artista milanese, articolata in tre sedi espositive.
La Fondazione Mudima ha ospitato le opere del primo decennio, 1965-1975, quello in cui la fama di critico e scrittore cede di fronte al riconoscimento delle qualità dell’artista. Attraverso vari cicli pittorici, da Le vacanze inquiete a Colour and Co., passando per Vita di Voltaire e L’uomo dell’organizzazione, Tadini sviluppa influssi della Pop Art britannica, della pittura metafisica e del surrealismo di Max Ernst e Victor Brauner, iniziando a costituire un proprio mondo figurativo. Interessato più alle connessioni che ai significati, Tadini muove dall’intensa densità cromatica a forti contrasti dei primi lavori, a una rappresentazione più essenziale in cui le figure si stagliano all’interno di uno spazio vuoto. Con Museo dell’uomo, le forme e i colori costituiscono configurazioni e sistemi di oggetti, che tendono a porsi come un universo autonomo.
Le opere del periodo successivo, esposte alla Fondazione Marconi, riprendono e approfondiscono questo tema. Elefanti, tricicli, armature, secchi, trottole sono tra i protagonisti di Figura, in cui le configurazioni, o costellazioni, di oggetti si collocano ai margini del quadro, come violentemente allontanate da una bianca esplosione primordiale che ne costituisce l’origine, mentre ne Il posto dei piccoli valori gli oggetti assumono l’ironica dimensione di piccole ancore etiche.
Emilio Tadini - Figura - 1979 - acrilico su tela - cm 150x195
La riflessione su immagine e sistemi di segni porta come conseguenza l’introduzione di parole e lettere, mentre appaiono anche figure umane monocrome, in contrasto con il mondo colorato degli oggetti. Negli stessi anni, Tadini sviluppa un assiduo confronto con l’opera di altri artisti, ispirandosi a Cézanne, Klee, Duchamp e Renoir. L’occhio della pittura, una grande scena corale, costituita per blocchi e ricca di citazioni e autocitazioni, è il punto d’arrivo di questo periodo, che porta alla rappresentazione della pittura come primo sguardo sul mondo, quello che scopre la lontananza e la separazione delle cose, il trauma del non poter toccare ed essere toccati. I quadri della prima metà degli anni Ottanta caratterizzano una fase intermedia. Da un lato, le opere del ciclo Disordine in un corpo classico rinnovano tematiche precedenti, passando da sistemi di oggetti a sistemi di figure umane; dall’altro, in Olimpo e ne La notte, si intravedono le atmosfere, le verticali oblique e le movenze da saltimbanchi che caratterizzeranno negli anni successivi i cicli Città e Fiaba.
Emilo Tadini - Il posto dei piccoli valori - 1981 - acrilico su tela - cm 150x195
Nel complesso, si tratta di un’esposizione ricca, complessa ma ben articolata, approfondita e importante, impreziosita da un pregevolissimo catalogo. Ma non del tutto riuscita, perché rimane il rammarico di aver visto abbandonata al buio nell’aula magna di Brera, dietro a uno schermo da proiettore, l’opera più imponente e significativa che, anche a causa degli angusti orari di visita, è praticamente invisibile al pubblico. E quasi a esclusivo uso e consumo degli sguardi di qualche studente distratto.

articoli correlati
La retrospettiva milanese del 2001
Il senso della fiaba a Loano

stefano mazzoni
mostra visitata il 4 dicembre 2007


dal 30 ottobre 2007 al 20 dicembre 2007
Emilio Tadini - Tadini: 1965-1985. L’occhio della pittura
a cura di Vittorio Fagone
Fondazione Mudima (fino al 30 novembre)
Via Tadino, 26 (zona Piazza Lima) – 20124 Milano
Accademia di Brera - Sala Napoleonica
Via Brera, 28 (zona Brera) - 20121 Milano
Orario: da martedì a venerdì ore 10-13 e 14.30-18.30
Ingresso libero
Fondazione Giorgio Marconi
Via Tadino, 15 (zona Piazza Lima) – 20124 Milano
Orario: da martedì a sabato ore 10,30-12,30 e 15,30-19
Ingresso libero
Catalogo Skira, a cura di Vittorio Fagone, pp. 304, € 40
Info: tel. +39 0229419232; fax +39 0229417278; info@fondazionemarconi.org; www.fondazionemarconi.org


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di stefano mazzoni
vedi calendario delle mostre nella provincia Milano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Duchamp, Emilio Tadini, Giorgio Marconi, Klee, Max Ernst, Renoir, Vittorio Fagone
 

1 commento trovato 

13/12/2007
elisabetta potthoff, milano/italia
Nelle tele di Tadini ,grande catasto dell'immaginario, lo sfondo rigorosamente bianco ricorda il foglio della scrittura e le parole o anche le lettere isolate coesistono accanto alla figura così che scrittura e immagine possano reciprocamente potenziarsi. Infatti, se a volte la pittura pare ferita come nelle 'Mani di Renoir',dove scorgiamo una sedia a rotelle e un pennello infranto, ecco nella 'Montagna Sainte- Victoire' rifiorire appieno quel valore pittorico che rimanda a valenze letterarie. Non per nulla la montagna prediletta da Cézanne è ritratta mediante l'angolo di una tela voltata...Bisogna pur sempre capovolgere l'immagine per riscoprirla oltre i suoi limiti e così riusciremo a ricordare la montagna di Cézanne che Rainer Maria Rilke descrive nel suo 'Malte' e che poi diviene per Peter Handke motivo di narrazione, iconico specchio dell' anima.

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram