fino al 10.II.2008 - Antonio Canova - Roma, Galleria Borghese 3098 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 10.II.2008
Antonio Canova
Roma, Galleria Borghese

   
 Lo studio appassionato dell'antico in un'arte innovatrice, attraverso lo splendore dei marmi settecenteschi. Cinquanta opere del più grande scultore neoclassico. Che ne celebrano il suo ritorno fra le mura della Galleria Borghese... alessio crisantemi 
 
pubblicato
Quieta e disinvolta, leggiadra e sensuale; bella come una Dea e fiera, come una Bonaparte. È Paolina Borghese come Venere Vincitrice, la giovane sorella di Napoleone resa immortale nella sua bellezza da Antonio Canova (Possagno, 1757 - Venezia, 1822), distesa sulla sua dormeuse nella già splendida cornice della Galleria Borghese: “un Paradiso”, come la definiva lo stesso Canova nei suoi Quaderni di viaggio. Una serie di sculture che si affiancano con armonia alle opere di Bernini, altro genius loci della Galleria, offrendo un confronto irripetibile fra i due scultori, accomunati dalla minuziosa lavorazione finale delle superfici e da una continua ricerca tecnica e del gusto antico nelle loro creazioni. E quella “Venere Borghese”, adagiata in una stanza propria, sembra vivere nella sua immobilità, con il marmo bianco, tipico dello scultore veneto, che diventa “vera carne”.
Nella mostra, tutta la grazia e la sensualità dell’opera di Canova si coglie già all’ingresso, dove Le Tre Grazie fanno strada al pubblico: l’opera forse più emblematica dell’artista, tanto da essere ritenuto il suo più grande capolavoro. Non soltanto per le qualità artistiche dell’opera, quanto per l’emozione suscitata dalla visione delle tre figure femminili a grandezza naturale, ricavate da un unico blocco di marmo, dove Canova “creatore consapevole” individua un linguaggio completamente nuovo per l’arte. Antonio Canova - Amorino Alato - 1793-1797 - marmo - cm 142x54,5x48Nelle sue creazioni non esistono un davanti o un dietro: le statue possono (e devono) osservarsi a tutto tondo per coglierne il legame con lo spazio. E difficile diventa resistere alla tentazione di sfiorare quella “carne” bianca, resa splendida e all’apparenza soffice dal trattamento della superficie, in cui la lucidatura del marmo riesce a rendere l’effetto dei chiaroscuri nella pittura.
Ma le sue opere erano una vera sfida proprio alla pittura: obiettivo che egli stesso spiegava per la statua di Paolina Borghese, prendendo spunto per il suo soggetto di Venere dormiente da due celebri dipinti di Giorgione e Tiziano. Del resto, Canova poteva vantare anche una produzione pittorica. Modesta nel numero di tele ma non nei contenuti, seppur di qualità non paragonabile a quella delle sue sculture. E nell’itinerario proposto scorrono, oltre a una serie di schizzi e bozzetti che produceva con rigore durante la fase preparatoria di ogni scultura, anche qualche dipinto, in cui si coglie la sua idea di bellezza universale. Bellezza che però esprime, rasentando la perfezione, con le sculture: perfette a tal punto che lo stesso scultore si sentiva costretto a intaccarle con qualche difetto. Come nella Testa di Elena, in cui inserisce un leggero incavo nella pupilla dell’occhio sinistro, “per equilibrare e aggraziare il volto perfetto”.
Il resto della mostra porta all’immersione totale nell’opera canoviana: da Apollo in terracotta, prima opera realizzata da Canova ancora giovanissimo, ai quattro Amorini (per la prima volta esposti insieme), al più celebre Amore e Psiche. Il lavoro finito, svelato dai meccanismi della sua produzione: dagli studi su carta, con tanto di proporzioni e calcoli, alle statue in gesso che precedevano tutte le sue grandi opere in marmo.
Antonio Canova - Paolina Bonaparte Borghese come Venere Vincitrice - 1804-1808 - marmo - lunghezza cm 200
Così, tra le stanze della Galleria, spunta anche la gemella in gesso di Paolina Borghese, in cui sono ancora visibili i répère, i chiodini piantati sulla statua preliminare, utilizzati per mantenere le proporzioni. Come se Canova fosse tornato a Villa Borghese, per creare ancora.

articoli correlati
Il Principe Henryk Lubomirski come Amore alla Gipsoteca canoviana di Possagno

alessio crisantemi
mostra visitata il 13 gennaio 2008


dal 17 ottobre 2007 al 10 febbraio 2008
Canova e la Venere Vincitrice
a cura di Anna Coliva e Fernando Mazzocca
Galleria Borghese
Piazzale Scipione Borghese, 5 (Villa Borghese) - 00197 Roma
Orario: da martedì a domenica ore 9-19 solo su prenotazione
Ingresso: intero € 12,50; ridotto € 9,25
Catalogo Electa
Info: tel. +39 068413979; fax +39 068840756; info@canovaelavenerevincitrice.it; www.canovaelavenerevincitrice.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di alessio crisantemi
vedi calendario delle mostre nella provincia Roma
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Anna Coliva, Antonio Canova, Bernini, Fernando Mazzocca, Giorgione, Tiziano
 

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram