fino al 26.VII.2008 - Luigi Ghirri - Prato, Enrico Fornello 3067 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/06/2019
Tracce di assenza. All'Hotel Hilton Molino Stucky di Venezia le opere di Mimmo Catania
19/06/2019
Ad Alberto Angela la laurea honoris causa dell’Università Suor Orsola di Napoli
19/06/2019
Flaminia Bonciani e i colori degli anni ’80, al RUFA Space
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 26.VII.2008
Luigi Ghirri
Prato, Enrico Fornello

   
 La fotografia? Un antidoto alla banalità. Quella della storia e quella della modernità. I luoghi si complicano, diventano strutture, acquistano dimensioni. Un Luigi Ghirri prima maniera... donata panizza 
 
pubblicato
Fotografie del periodo iniziale è il nome che lo stesso Luigi Ghirri (Scandiano, Reggio Emilia, 1943 - Roncocesi, Reggio Emilia, 1992) attribuisce a un corpus di scatti dei primi ‘70, esposti in occasione della retrospettiva del suo lavoro che si tenne a Parma nel ‘79. Il 1970 è un anno cruciale per la biografia del fotografo, come rivela egli stesso in un’intervista dei primi anni ’80. È l’anno in cui, ventisettenne, inizia a “fare sul serio” con la fotografia, pur avendola avuta in testa fin da quando aveva tredici anni. Guardando queste foto, appare evidente come Ghirri già sapesse cosa fare della fotografia, dal punto di vista tecnico ma soprattutto da quello concettuale.
E concettuale è una parola fondamentale per la storia di Ghirri, che a partire dal 1969 comincia a frequentare un gruppo di artisti, tra i quali Franco Guerzoni e Claudio Parmiggiani, da cui imparerà a considerare il proprio lavoro come progetto piuttosto che come realizzazione. E a lavorare su serie tematiche piuttosto che su singoli scatti.
La mancanza di quest’ultima caratteristica, tuttavia, è forse l’unico elemento che differenzia questo primo corpus dal resto della sua opera e che lo definisce realmente come un periodo iniziale. Si tratta, infatti, di foto in qualche modo disparate, non legate da un filo conduttore, scattate in diversi luoghi dell’Italia e dell’Europa.
Luigi Ghirri - [Svizzera] dalla serie Fotografie del periodo iniziale - 1971 - cm 12,5x17,5 - (c) Fondo di Luigi Ghirri - courtesy Galleria Enrico Fornello, Prato
I soggetti delle fotografie in mostra, quasi tutte vintage print, sono già quelli del Ghirri successivo: immagini prese dall’ambiente urbano (scritte sui muri, cartelloni pubblicitari) oppure oggetti e luoghi familiari, comuni. Opere d’arte osservate e marine affollate. Tutti soggetti che si possono ricondurre a un’idea di banalità: lo spazio urbano saturato dai segni della modernità o da quelli del passato e dell’abitudine, i nuovi spazi a una dimensione creati dal boom economico del decennio immediatamente precedente. Ghirri non si arrende a questa banalità, non la denuncia e non le sfugge, ma cerca di trasformarla.
Ripresi con un’inquadratura frontale, che rimarrà tipica del suo modo di operare, gli spazi, le cose, gli oggetti sono inchiodati a una fissità che si fa struttura. Una struttura che a volte è geometrica e altre volte mobile, come nel caso delle foto delle opere d’arte, in cui gli sguardi e i punti di vista s’incrociano: quello del pubblico che osserva tele o sculture, quello del fotografo e, infine, quella dell’opera stessa.
Luigi Ghirri - Francia dalla serie Fotografie del periodo iniziale - 1972 - cm 12,6x17,4 - (c) Fondo di Luigi Ghirri - courtesy Galleria Enrico Fornello, Prato
Gli spazi a una dimensione si complicano, diventano rigorosi, quasi maestosi, oppure sfuggenti e ambigui. E, quasi ad anticipazione della serie Infinito (1974), in cui Ghirri fotograferà il cielo per 365 giorni, in Modena 1970 c’è un cielo di carta stropicciato, di quelli che si usano per il Presepe, che riempie completamente lo spazio della foto. La luce crea un sistema di segni, quasi una griglia, sulla superficie della carta.
Una griglia che, ci s’immagina, prosegue oltre i margini della foto. All’infinito, appunto.

articoli correlati
Ghirri da Massimo Minini a Brescia

donata panizza
mostra visitata il 29 maggio 2008


dal 24 maggio al 26 luglio 2008
Luigi Ghirri - Fotografie del periodo iniziale
a cura di Elena Re
Galleria Enrico Fornello
Via Paolini, 21 - 59100 Prato
Orario: da martedì a sabato ore 10-13 e 15-20
Ingresso libero
Catalogo Gli Ori
Info: tel. +39 0574462719; fax +39 0574471869; info@enricofornello.it; www.enricofornello.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di donata panizza
vedi calendario delle mostre nella provincia Prato
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Claudio Parmiggiani, Elena Re, Franco Guerzoni, Luigi Ghirri
 

1 commento trovato 

07/07/2008
laboratorio saccardi, Palermo
http://www.laboratoriosaccardi.com
grande Ghirri!

Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram