Manifesta7 - Fortezza - Scenarios 3102 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.loves - Centrale Fies
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

Manifesta7 - Fortezza
Scenarios

   
 Labirinti di un tempo sospeso in un non-luogo di scenari fantastici e immaginifici. Echi e voci provenienti dalle viscere della fortezza ci parlano. Rapiti dalla pietra inattaccabile e inattaccata, che i nostri sensi intorpiditi si destino... marta silvi 
 
pubblicato
L’estrema tappa di Manifesta 7 sottintende da parte degli spettatori un atto partecipativo completo. Lo sguardo fugace, abituato a correre da un lavoro all’altro, si fa insufficiente. Indispensabile, invece, un atteggiamento di generosa con-partecipazione emozionale, che metta in corrispondenza il tempo e i fatti con il luogo.
Nel sussurrio di voci, racconti, diafani pensieri recitati e diffusi tra le fessure delle pietre secolari, dell’arte cosa resta? L’essenza, probabilmente. Il suo valore comunicativo e meditativo. Una mostra (fuori luogo definirla tale?) che ci “parla” senza farsi “vedere”, lasciandosi immaginare. Su diciotto personalità coinvolte, soltanto sette sono artisti; i restanti sono scrittori, filosofi, romanzieri, storici, poeti e commediografi, chiamati a comporre testi per e all’interno della fortezza, restituendole una voce dopo quasi due secoli di storia e silenzio. Inoltrandoci nei suoi reconditi, una misteriosa babele di parole (italiano, inglese e tedesco le lingue tradotte) avvolge le menti, obbligandoci a sostare in ascolto.
Franzenfeste si presenta come luogo di confine per antonomasia, sospesa tra le montagne, l’acqua e il cielo, a un passo dall’Austria, snodo fondamentale sull’asse del Brennero, luogo di passaggio e smistamento, perimetro chiuso e delimitato, custode leggendario dell’oro della Banca d’Italia prima di essere trafugato dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale, fortezza inattaccabile ma mai attaccata, presidio militare fino al 2005, poi concesso in affitto al Comune e finalmente visibile al pubblico.
Il forte di Fortezza - photo Andrea Pozza
Le voci che popolano le sale, le feritoie, i corridoi, le prigioni, le scale e i passaggi si nutrono di questo luogo (finemente restaurato) e ne resuscitano i fantasmi. Le mura si raccontano attraverso le parole degli scrittori: Glen Neath trasmette il torpore nervoso della sentinella nascosta nell’oscurità, lasciando percepire la fatica mista di adrenalina e tensione; Mladen Dolar incanta gli uditori con una riflessione su due opposte logiche, quella della voce (interiore, evanescente, impalpabile) e della fortezza (esteriore, durevole, immobile). Un dualismo che ritorna nel riferimento alla caverna platonica del testo di Adriana Cavarero: la fortezza è un “utero di pietra che protegge dal fuori perché riverberi all’interno il gioco dei suoi suoni”.
La questione del confine, del viaggio, dello spostamento geografico è un ulteriore fil rouge che accompagna i pensieri. Shahid Amin racconta le trasmigrazioni delle parole che si mescolano agli idiomi dei paesi ospitanti, generando curiosi pastiche linguistici; Martino Gamper - Hands On - 2007 - photo by Angus MillMargareth Obexer riporta, attraverso un telefono senza fili, le lettere di un’immigrata nigeriana costretta a mentire ai genitori sulla sua reale condizione di prostituta in terra straniera.
Il Silent Film Programme costituisce una pausa visiva nel cuore del forte: i film di Haroun Farocki, Karo Goldt, Larry Gottheim, Karl Kels e Michel Snow ci risucchiano nell’oscurità delle proiezioni e nel silenzio delle pellicole prive di sonoro.
In un percorso che si snoda tra dentro e fuori, tra luce abbagliante e oscurità, gli occhi faticano ad abituarsi al buio, subendo un effetto di continuo spaesamento. Le sedie disegnate da Martino Gamper per le postazioni sonore, a tre gambe e dalle sedute irregolari, accentuano lo stato di equilibrio precario cui i luoghi conducono. Il catalogo diventa strumento indispensabile per ripercorrere i testi ascoltati e rielaborarne il senso; mentre le foto di Hélène Binet in apertura restituiscono briciole di spiritualità.
Adam Budak, Anselm Franke, Hila Peleg e il Raqs Media Collective -qui in concerto dopo gli assoli rispettivamente di Rovereto, Trento e Bolzano- propongono a Fortezza una pausa del viaggio, domandando allo spettatore la sua risorsa più preziosa: il tempo.

articoli correlati
Manifesta: intervista ai coordinatori

marta silvi
mostra visitata il 18 luglio 2008


dal 19 luglio al 2 novembre 2008
Manifesta 7 - Scenarios
a cura di Adam Budak, Anselm Franke, Hila Peleg e Raqs Media Collective
Forte asburgico - 39045 Fortezza/Franzenfeste (BZ)
Orari: da lunedì a domenica ore 10-19; venerdì ore 10-21
Ingresso: € 15
Catalogo Silvana Editoriale
Info: tel: +39 0461493670; info@manifesta7.it; www.manifesta7.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di marta silvi
vedi calendario delle mostre nella provincia Bolzano
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Adam Budak, Adriana Cavarero, Anselm Franke, Glen Neath, Haroun Farocki, Hélène Binet, Hila Peleg, Karl Kels, Karo Goldt, Larry Gottheim, Margareth Obexer, Martino Gamper, Mladen Dolar, Raqs Media Collective, Shahid Amin
 

trovamostre
@exibart on instagram