fino al 21.II.2009 - Jelena Vasiljev - Torino, Gagliardi Art System 3129 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
recensioni
rubriche
         
 

fino al 21.II.2009
Jelena Vasiljev
Torino, Gagliardi Art System

   
 La registrazione fissa di otto sguardi. Il controllo globale e massmediatico di un legame affettivo. Una performance in loop, che incatena il gesto, lo trasforma in un codice espressivo e lo trasmette all’esterno del sistema-coppia in tempo reale...  
 
pubblicato
Quattro coppie, ognuna composta da fratello e sorella, sono i protagonisti della performance di Jelena Vasiljev (Zrenjanin, 1976; vive a Milano), artista serba che ha all’attivo un curriculum interessante. L’ultima sua mostra, Essendo così i lupi, aveva come tema la guerra fratricida che ha infiammato le terre dell’ex Jugoslavia.
Da Gas, varie telecamere circondano il gruppo sparso nel salone centrale. La donna è seduta e accoglie in grembo la testa del fratello, sdraiato e inerme; lo sguardo è fisso, l’uno negli occhi dell’altra. Il movimento è quello lento e ripetuto di bagnare la mano in una scodella colma di argilla liquida e accarezzare continuamente il viso del giovane.
Entrambi hanno imbrigliata alla testa una telecamera che registra ogni sussulto dello sguardo del consanguineo, che rimane fisso e impenetrabile e viene proiettato su otto grandi schermi davanti all’ingresso della galleria, sotto i portici di Corso Vittorio Emanuele II. Le coppie indossano abiti in garza e gesso creati dall’artista, che alla fine della performance rimarranno abbandonati sul pavimento, sagome vuote.
Il vincolo familiare è fondamentale. Non sarebbe lo stesso se fosse un’amante a riportare alla terra ciò che la terra ha fatto germogliare, perché il gesto di sfiorare la pelle non è solo un atto d’amore, è anche un segno di purificazione, di ricomposizione delle linee del volto, di ricongiungimento alla natura comune. Mani che si riconoscono e si sfiorano, per pulire ogni ferita.
Jelena Vasiljev - Of three friendly warnings, this is the third one (particolare) - 2008 - tecnica mista - dimensioni variabili - courtesy Gagliardi Art System, Torino - photo Enzo Isaia
Una moderna Antigone sta sfidando la legge dell’uomo e seppellisce il proprio fratello: un’interpretazione forte, questa della sepoltura. Eppure sembrano guerrieri morti, vestiti di bianco, questi ragazzi accasciati, a fissare il caro volto della sorella. E le fanciulle paiono comparse di una tragedia sofoclea cibernetica, con la pelle diafana e una telecamera in testa.
È una composizione estremamente bilanciata, armoniosa, quella ottenuta da Vasiljev, due corpi che si chiudono all’interno del proprio circuito visivo e che si fondono nell’espressione di un sentimento freddo e controllato, eppure forte e inevitabile.
La figura di Antigone riappare nella nostra mente, coraggiosa e ferma fino al sacrificio finale, a definire la forza del legame di sangue che dovrebbe creare una barriera difensiva nei confronti del mondo esterno, o forse un vincolo che la performance vuole ossessivo e quasi morboso. A sottolineare la difficoltà della comunicazione in un rapporto importante, l’assenza della parola ma la presenza forzata del contatto fisico che, registrato e inoltrato in tempo reale all’esterno della coppia, ne viola l’intimità e lo trasforma in comunicato sociale.
Jelena Vasiljev - Of three friendly warnings, this is the third one - 2008 - tecnica mista - dimensioni variabili - courtesy Gagliardi Art System, Torino - photo Enzo Isaia
Jelena Vasiljev ha spesso denunciato la capacità dell’uomo di usare violenza contro i propri simili, di togliere la vita ai propri fratelli. Ora lancia un messaggio di speranza, una visione di conforto. Reclama la volontà di soccorrere e proteggere, muta e determinata, coloro che sono parte di noi.

articoli correlati
La mostra da Gas nel 2006

barbara reale
mostra visitata l’8 novembre 2008


dall'undici dicembre 2008 al 21 febbraio 2009
Jelena Vasiljev - Of three friendly warnings, this is the third one. Work in progress. Step 2
a cura di Francesco Poli
Gagliardi Art System Gallery
Corso Vittorio Emanuele II, 90 (zona Porta Nuova) - 10121 Torino
Orario: da martedì a sabato ore 15-20
Ingresso libero
Info: tel. +39 01119700031; fax +39 01119700032; gallery@gasart.it; www.gasart.it


[exibart]
 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
vedi la scheda tecnica dell'evento
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di barbara reale
vedi calendario delle mostre nella provincia Torino
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: Francesco Poli, Jelena Vasiljev
 

1 commento trovato 

21/12/2008
a
Cara Barbara,
ricorda che abbiamo un appuntamento
sull'Empire State Building.


trovamostre
@exibart on instagram