fino al 15.I.2003 - Quotidiana 02 - Padova, Museo Civico al Santo 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
23/03/2019
Un nuovo investitore per Wopart. Alberto Rusconi punta sulla fiera di Lugano
22/03/2019
Il Design Museum di Londra dedica una grande mostra a Stanley Kubrick
22/03/2019
André Aciman ha annunciato che presto uscirà il romanzo sequel di Call me by your name
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche
         
 

fino al 15.I.2003
Quotidiana 02
Padova, Museo Civico al Santo

   
 Del circuito del GAI (Giovani Artisti Italiani), la sezione di Padova è tra le più attive e meglio organizzate. La qualità dell'edizione 2002 di Quotidiana, la tradizionale collettiva dal 1996, non fa che confermare questa opinione... Alfredo Sigolo 
 
pubblicato
Dal G.A.I. di Padova sono partiti o transitati nomi che in seguito hanno acquisito una certa notorietà sulla scena artistica italiana, come Bittente, Boldrin, Bolmini, Calligaro, Contin, Culpo, Gilmour, Lucietti, Nicoletta, Renzi, Sissi e Zimmer Frei.
In tempi recenti un notevole impulso alle selezioni è stato dato dal giovane critico Guido Bartorelli, figura un po' anomala del nostro panorama curatoriale per rigore teorico e per la capacità di saper offrire una visione non stereotipata dell'arte attuale.Cerutti, Manuele: "Lina I", olio su tela, cm. 90x100, 2002 (particolare
La mostra curata dallo stesso Bartorelli, Virginia Baradel e Stefania Schiavon, presenta i lavori di 22 artisti provenienti da tutt'Italia, selezionati tra 204 candidati di età compresa tra i 18 ed i 35 anni.
Sono molte le cose interessanti: l'artificiale metamorfosi simbolica di Paolo Angelosanto in "Venezia souvenir", il recupero della tradizione della street art ed il suo sviluppo in senso plastico operato da Paolo Bordino, la fascinosa pittura di Manuele Cerutti, che riesce ad unire alla fredda prassi analitica una drammatica ed intensa resa psicologica, e quella psichedelica di Silvia Chiarini , tra suggestioni pop anni '50 e figurazione minimalista bidimensionale, raccordati da un'originale interpretazione della tecnica del ricamo che, da Boetti a Bourgeois, da Maja Bajevic a Vezzoli fino a Claudia Losi e Marina Bolmini, ha attraversato il millennio senza passare di moda.
Intelligente è poi l'obiettivo di Emma Innocenti, che nelle "Kitchen stories" ribalta il rapporto tra soggetto e oggetto, rarefacendo la scena domestica per mettere a fuoco forma e logo del packaging dei cibi di produzione industriale: una geniale liofilizzazione dell'immaginario pubblicitario, prosciugata dagli artifici glam dei media, che preserva intatta la simbologia. Nel tempo dei non-luoghi di Marc Augé e delle eteroutopie di Focault, trovano legittima esistenza gli oggetti metafisici realizzati con la spettrale luce bianca dei neon di ChiaraInnocenti, Emma: "Kitchen Stories", stampa fotografica da negativo colore, cm. 10x100, 2002Lampugnani, ma anche, di Alessio Pancanti, le grandi foto pornografiche censurate per ca. il 90%, pure sufficienti a ricostruire gli stereotipi voyeuristici attuali, o l'essenziale e sintetico alfabeto grafico di Gaia Zebellin, vicina forse più alla sensibilità iconografica paleocristiana che a quella barocca del graffitismo. Solo una citazione, doverosa per altro, per il video shock di Anna De Manincor degli Zimmer Frei, dal titolo "Stop kidding", già presentato alla rassegna "Avances" di Trento, in cui personaggi noti del mondo dell'arte e non si avvicendano per ripetere ossessivamente la frase: "Io non farò figli per questo paese ".
Insomma una buona edizione per Quotidiana , gratificata anche dalla partecipazione di un folto pubblico all'inaugurazione, attirato dalla presenza di Francesco Bonami, curatore della prossima Biennale veneziana, che ha accettato, in perfetto stile politically correct, una chiaccherata disimpegnata con i curatori della mostra.
In mostra sono anche: Carmen Cardillo, Giuliano Carli, Arianna Carossa, Nicola Evangelisti, Francesco Finotti, Alessandra Ghirardelli, Dario Lazzaretto, Michela Lorenzi, Caterina Ongaro, Sandra Raccanello, Gianluca Ranno, Paola Risoli ed Alessia Zuccarello .

articoli correlati
Quotidiana 00
Gemine Muse, un progetto del G.A.I.
Anna De Manincor ad Avances a Trento
link correlati
Mostra e testi on line sul sito del G.A.I. di Padova
Il sito nazionale del G.A.I.Quotidiana 00

alfredo sigolo


“Quotidiana 02”
Dal 19.XII.2002 al 15.I.2003.
Padova, Museo Civico al Santo, piazzale del Santo 12
Ingresso: gratuito.
Orari: dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.30 alle 18.30. Chiuso il lunedì.
Info Assessorato alle Politiche Giovanili - Progetto Giovani: Tel 0498757893 Fax: 0498753259 E–mail: pg.creativita@comune.padova.it
Segreteria Nazionale Associazione G.A.I.: tel. 0114430020

 


strumenti
inserisci un commento alla notizia
versione in pdf
versione solo testo
le altre recensioni di Alfredo Sigolo
vedi calendario delle mostre nella provincia Padova
registrati ad Exibart
invia la notizia ad un amico
indice dei nomi: alfredo sigolo, Anna De Manincor, Arianna Carossa, Boetti, Claudia Losi, Dario Lazzaretto, Francesco Bonami, Gaia Zebellin, Gemine Muse, Guido Bartorelli, Maja Bajevic, Manuele Cerutti, Nicola Evangelisti, Paola Risoli, Paolo Angelosanto, Rossi, Silvia Chiarini, Virginia Baradel
 

7 commenti trovati  

13/01/2003
Alf
Sì, Massimo, esiste un catalogo e anche fatto discretamente (compatto, buona grafica, buone, 3 contributi critici, breve introduzione all'opera a cura degli artisti e schede biografiche). Non ne ho accennato nell'articolo perché, a riguardo, non esistevano informazioni certe. Il giorno dell'inaugurazione i cataloghi erano contati per gli artisti (ne ho avuto uno di straforo). Guido Bartorelli mi ha riferito che non erano riusciti, per i tempi ristretti, a stamparne più copie, cosa che avevano in animo di fare nelle settimane successive. Se hai pazienza, lo contatto e gli chiedo se ci sono novità, in questo senso e, in caso positivo, le modalità per poterlo ricevere.

13/01/2003
kranix
Esiste un catalogo? Mi piacerebbe riceverlo...

09/01/2003
kranix
cosa buona e giusta! Quotidina sembra aver ingranato come si deve. Ne sono felice. E poi a Padova si sente il bisogno di aria fresca, rimangono poche gallerie con il topic di divulgazione giovane (leggi Estro, Fioretto e Perugi). Mi sarebbe piaciuto esserci...ma ahimè...

09/01/2003
internotre
messaggio promozionale
i lavori di alessandra ghirardelli, è che in realtà siamo sfacciatamente viziati da lunga amicizia, probabilmente funzionavano meglio nella personale friulana che non in "sta collettiva" che da quanto ho visto in un video mi pare davvero bruttina. i pezzi della ghirardelli in realtà fanno parte di una storia, o tentativo di narrazione, su un quanto mai ipotetico personaggio femminile "elle/ella". appunto dal francese. sono appunti in off, fuori campo, narrati si di un'idea "del femminile". così delicata dal concedergli qualunque cosa.
per il resto occhio e croce fa tanto, dico "sta collettiva", vorrei ma non posso. così' come parte delle domande e l'atteggiamento generale dei curatori/organizzatori nei confronti di bonami.
mah... la demanNiOcor


09/01/2003
Alf
Strana caratteristica di questa mostra: ogni volta che parlo con qualcuno che c'era, mi si dice della qualità altalenante complessiva, ma si segnalano anche i nomi di artisti apparsi particolarmente interessanti. La cosa curiosa è che i nomi di questi ultimi cambiano sempre. Laura dice della Ghirardelli, ma ho sentito, di volta in volta, giudizi entusiastici su Chiara Lampugnani, Anna De Mannincor, Manuele Cerutti, Gaia Zebellin e anche sul vituperato in calce Paolo Angelosanto. Per quanto mi concerne, le mie preferenze vanno a Emma Innocenti e Silvia Chiarini. Alla fine credo che la mostra possa essere considerata veramente positiva: ha accontentato quasi tutti, Bonami compreso, a quanto mi dicono.

08/01/2003
laura
complimmenti ai lavori pittorici di alessandra ghirardelli.
nel complesso una mostra dignitosa anche se la qualità di alcuni lavori è abbastanza "scadente".
potevano risparmiarsi alcune domande "ingenue" e forse inutili al caro f.bonami.



07/01/2003
sonia, treviso
ancora in giro l,angelosanto con i suoi orrori visivi.
sonia


Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram