Ah che rebus! Percorso nell'arte dal 500’ ad oggi 3063 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ISTITUTO CENTRALE PER LA GRAFICA - PALAZZO POLI ​ Via Poli 54 Roma 00187

Roma - dal 16 dicembre 2010 all'otto marzo 2011

Ah che rebus! Percorso nell'arte dal 500’ ad oggi

Ah che rebus! Percorso nell'arte dal 500’ ad oggi

 [Vedi la foto originale]
ISTITUTO CENTRALE PER LA GRAFICA - PALAZZO POLI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Poli 54 (00187)
+39 0669980242
www.grafica.arti.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Più di più di cento opere tra disegni, incisioni, dipinti, libri, riviste, video, propongono un percorso originale nei rapporti fra arte e rebus in Italia.
orario: ore 10.00 - 19.00 – chiuso: lunedì e domenica
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 16 dicembre 2010.
editore: MAZZOTTA
ufficio stampa: MAZZOTTA
curatori: Ada De Pirro, Antonella Sbrilli
autori: Stefano Della Bella, Maria Ghezzi Brighenti, Lorenzo Lotto
note: La mostra è realizzata con la collaborazione dell'Associazione Rebussistica Italiana e del Cattid Sapienza; tra gli sponsor Lottomatica.
genere: arte antica, arte contemporanea, collettiva, disegno e grafica, arte moderna
email: mghio@beniculturali.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Più di più di cento opere tra disegni, incisioni, dipinti, libri, riviste, video, propongono un percorso originale nei rapporti fra arte e rebus in Italia.
Il percorso si snoda attraverso i rebus disegnati da Maria Ghezzi Brighenti per “La Settimana Enigmistica”, ripresi dai pittori della Pop Art italiana, le imprese del Rinascimento; i rebus per i ventagli incisi da Stefano Della Bella, e quelli sulle riviste ottocentesche; i rebus politici del Risorgimento e i graffiti metropolitani; passando per il ritratto di Lucina Brembate di Lorenzo Lotto, i Bagni misteriosi di de Chirico, i rebus filmati nei video d'artista, le pagine antiche con sonetti in forma di rebus, le poesie visive che permettono una doppia lettura.
Una selezione di opere di artisti contemporanei mostra in che misura il rebus sia presente in opere che sono da vedere, da leggere e da indovinare.
Fra le sorprese in mostra: un drappo del 1846 con un lungo rebus disegnato a tempera in onore di Papa Mastai, Pio IX, restaurato per l'occasione e mai esposto, e la decifrazione animata dei “rebus” di Leonardo da Vinci.

La mostra è curata da Antonella Sbrilli e Ada De Pirro con la consulenza di Stefano Bartezzaghi.
Il titolo si deve a una canzone del musicista e compositore Paolo Conte, autore di un rebus inedito in mostra.
Per il periodo dell'esposizione sono previsti incontri, laboratori e conferenze sul tema del rebus e su artisti ed opere legati all'esposizione.
La mostra è realizzata con la collaborazione dell'Associazione Rebussistica Italiana e del Cattid Sapienza; tra gli sponsor Lottomatica.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram