Primo Novecento 3141 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/07/2019
A settembre, a Roma apriranno le porte di una nuova Fondazione
19/07/2019
Addio a Mattia Torre, raffinato autore di teatro e tv, padre della serie Boris
19/07/2019
Il segreto di Stonehenge? Secondo un recente studio, era il lardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NUOVA GALLERIA CAMPO DEI FIORI ​ Via di Monserrato 30 Roma 00186

Roma - dal 27 marzo al 30 aprile 2004

Primo Novecento

Primo Novecento

 [Vedi la foto originale]
NUOVA GALLERIA CAMPO DEI FIORI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Monserrato 30 (00186)
+39 0668804621
info@nuovagalleriacampodeifiori.it
www.nuovagalleriacampodeifiori.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L’esposizione è un tentativo di documentare attraverso i lavori di differenti artisti una stagione ricca di linguaggi pittorici, scegliendo le opere che in qualche modo li rappresentano e che sono in linea con la grande tradizione ottocentesca.
orario: lu-sa: 10.00 - 13.00 / 16.00 - 19.00 - ingresso libero
chiuso lunedì mattina e festivi
(in altro orario solo su appuntamento)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 27 marzo 2004. ORE 18.00 - 21.00
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sabato 27 marzo , presso la Nuova Galleria Campo dei Fiori in via di Monserrato 30 - Roma, si apre la mostra Primo Novecento a cura di Daina Maja Titonel.
L’esposizione è un tentativo di documentare attraverso i lavori di differenti artisti una stagione ricca di linguaggi pittorici, scegliendo le opere che in qualche modo li rappresentano e che sono in linea con la grande tradizione ottocentesca.
Si espongono 20 opere tutte dei primi anni del Novecento ad eccezione di una veduta del 1894 del pittore tedesco Willy Hamacher che apre la mostra con la forza di un tramonto divisionista sul porto di Genova. Sempre in ambito divisionista sono esposti un ritratto a mezza figura del pittore Enrico Lionne , maestro di Boccioni; una Maternità (1911) di Ferruccio Ferrazzi ispirata alla Madonna del Parto di Piero della Francesca; Valeria con fiocco verde (c. 1918) di Giovan Battista Crema .
Tre sono le nature morte di cui due accomunate dallo sfondo scuro in cui spicca con forza il colore dei fiori ritratti: violette per Francesco Trombadori e gladioli per Arturo Noci, la prima circa del 1915 e la seconda del 1934. E ancora violette nella natura morta di Cesare Maggi (1920 c.).
Di ispirazione simbolista i Glicini di Guido Marussig (1908 c.).
Di Armando Spadini si espone il Bozzetto per la Bagnante del 1923 mentre di Antonio Mancini è una Carmen del 1915.
Una sezione della mostra è invece dedicata a paesaggi, vedute e scorci di città: di Francesco Cangiullo è la Strada di Parigi circa del 1911, un anno prima dell’adesione da parte dell’artista al futurismo, opera ancora influenzata dall’impressionismo francese. Di Marussig è esposto Parco Vendramin (Venezia) del 1907, oltre ai Glicini. Per le vedute: Ischia di Romolo Leone e Gubbio la città vecchia (1926) dell’artista modenese Vellani Marchi. Per i paesaggi un olio di Amedeo Bocchi, Castel Giubileo, del quale si espone anche Villa Strohl-Fern (Roma 1930). Di Carlo Prada Paesaggio lacustre, dove un albero solitario si affaccia su di un lago tratteggiato alla maniera divisionista. Di Giulio Aristide Sartorio Stretto di Magellano, eseguito dall’artista durante il suo viaggio in America Latina nel 1924. E ancora un bellissimo pastello di Casciaro, Pergolato e mandorlo in fiore.
Conclude la rassegna un inedito capolavoro di Felice Carena , Nudo del 1927.
La mostra sarà aperta fino al 30 aprile.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram