Thomas Scheibitz - Il fiume e le sue fonti 3052 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva COLLEZIONE MARAMOTTI - MAX MARA ​ Via Fratelli Cervi 66 Reggio Nell'emilia 42100

Reggio Nell'Emilia - dal 5 febbraio al 10 aprile 2011

Thomas Scheibitz - Il fiume e le sue fonti

Thomas Scheibitz - Il fiume e le sue fonti

 [Vedi la foto originale]
COLLEZIONE MARAMOTTI - MAX MARA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Fratelli Cervi 66 (42100)
+39 0522382484 , +39 0522934479 (fax)
info@collezionemaramotti.org
www.collezionemaramotti.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Tre grandi dipinti, una scultura, un libro d’artista: questo il progetto di Thomas Scheibitz - uno dei più significativi artisti tedeschi contemporanei - realizzato per la Collezione Maramotti
orario: Il sabato e la domenica la Collezione sarà aperta con orario continuato dalle 10.30 alle 18.30, con visite accompagnate alla collezione permanente, sempre su prenotazione, alle 10.30 e alle 15.00.
Gli orari di apertura e di visita per il giovedì e venerdì resteranno invariati: 14.30-18.30, con visita accompagnata alle ore 15.00.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 febbraio 2011. ore 18 su invito, alla presenza dell'artista
editore: GLI ORI
ufficio stampa: STUDIO PESCI
autori: Thomas Scheibitz
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Collezione Maramotti di Reggio Emilia presenta una mostra di dipinti e sculture di Thomas Scheibitz, uno dei più significativi artisti tedeschi contemporanei (nel 2005 ha rappresentato la Germania alla Biennale di Venezia).
Nella complessa struttura compositiva delle opere di Scheibitz, i variati elementi iconici e tettonici costituiscono o alludono a trasposizioni astratte, para-geometriche, di figure e segni tratti dal deposito collettivo di immagini che la cultura visuale storica e i diversi media, dalla pubblicità al cinema, mettono oggi a disposizione. Nel processo di costruzione pittorica messo in atto dall’artista, questi elementi sono sempre caratterizzati da un’accentuata inscrizione prospettica, che si è mantenuta costante nell’evolversi del suo linguaggio.
Un analogo procedere si manifesta nelle sue sculture: l’artista traspone ermeticamente in articolazioni plastiche astratte le figure che ha raccolto nell’esplorazione sistematica dell’immaginario visuale collettivo, evolvendo la citazione in invenzione. Per questo da oltre un decennio egli fa regolarmente coesistere nelle sue esposizioni opere su tela e strutture tridimensionali.
Il progetto concepito da Scheibitz per la Collezione Maramotti è costituito da tre grandi tele e da una scultura, dove né la scultura è un’estensione tridimensionale dell’iconografia del quadro, né i dipinti ripetono bidimensionalmente la tipologia d’immagini della scultura. Mentre quest’ultima appare come la possibile versione monumentale di un geroglifico estrapolato da un linguaggio sconosciuto, le tre opere su tela mettono piuttosto in atto una rappresentazione astratta che evoca e mitifica la scena e gli elementi plastici del teatro suprematista e del Bauhaus.

Accompagna la mostra un libro d’artista, con un regesto di immagini e disegni selezionati dall’artista dal proprio archivio iconografico che costituisce la base del suo lavoro.
Il volume è strutturato in capitoli, ognuno dei quali rimanda a una delle opere presentate nella mostra, mettendone in luce la modalità processuale e di ideazione.
Il libro, edito da Gli Ori, contiene inoltre un testo critico di Mario Diacono, in italiano e in inglese.


La Collezione Maramotti con questa mostra prosegue l’attività progettuale, esponendo opere realizzate ad hoc dagli artisti invitati, che divengono parte della Collezione permanente con l’obiettivo di fondere pratiche di acquisizione e di accrescimento del patrimonio iconografico con quelle della sua fruizione pubblica.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram