Yvan Salomone - Rear View Mirror 3089 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE / REFETTORIO DELLE STELLINE ​ Corso Magenta 59 Milano 20123

Milano - dal 25 gennaio al 16 marzo 2011

Yvan Salomone - Rear View Mirror

Yvan Salomone - Rear View Mirror

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA GRUPPO CREDITO VALTELLINESE / REFETTORIO DELLE STELLINE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Magenta 59 (20123)
+39 0248008015 , +39 024814269 (fax)
galleriearte@creval.it
www.creval.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La Galleria Gruppo Credito Valtellinese, proseguendo l'indagine sul tema del "paesaggio costruito", presenta una personale dedicata al celebre artista francese Yvan Salomone, oggetto anche di un recente omaggio al Beaubourg.
orario: da martedì a domenica 10 - 18 chiuso il lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 4,00 intero
gratuito per bambini fino a 10 anni compiuti, un accompagnatore per gruppo, due insegnanti accompagnatori per classe, giornalisti e guide turistiche con tesserino, disabili e accompagnatore, correntisti del Gruppo bancario Credito Valtellinese
vernissage: 25 gennaio 2011. ore 18.30
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Yvan Salomone
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La Galleria Gruppo Credito Valtellinese, proseguendo l'indagine sul tema del "paesaggio costruito", presenta una personale dedicata al celebre artista francese Yvan Salomone, oggetto anche di un recente omaggio al Beaubourg.
Cinquanta acquerelli di grandi dimensioni raccontano i porti di Saint-Malo, Le Havre, Rotterdam, Shanghai, Dakar e altre città di mare. Questi vengono visti come luoghi dove finisce la città più che come spazi di apertura verso l'immenso acqueo. Il mare anzi è escluso da queste visioni anche se è presupposto e immaginabile, mai direttamente raccontato o mostrato. Sono luoghi situati "ovunque purché da nessuna parte", che rientrano più nel campo dell'immagine mentale che della descrizione topografica.

"Decidendo, undici anni fa, di dipingere ad acquerelli il soggetto del porto che aveva sotto gli occhi quotidianamente, Yvan Salomone raccoglieva - scrive Véronique Vauvrecy - due sfide: l'una, trasformare un luogo ordinario in paesaggio singolare; l'altra, attualizzare una tecnica desueta.
Il suo primo quadro, una serie di vagoni su una banchina indefinita, quella di una stazione o di un porto, era emblematico. Esso orientava immediatamente la sua ricerca verso l'idea di transito e, per estensione, quella d'impermanenza. Le zone portuali progressivamente integrate con le zone industriali sono così diventate le basi di questa esplorazione. Ambito e luoghi senza fondamenta, come le navi, in preda agli stessi pericoli e alle stesse turbolenze, questi oggetti sono talora fluttuanti, talora in naufragio, costruiti a partire da una pratica pittorica energica e puntuale, nella quale si affrontano l'acqua e il colore in modo non tradizionale.
Yvan Salomone si dedica infatti a dominare la tecnica e mascherare la tavolozza dell'acquerello affinché si carichi di nuovi significati. Il fenomeno della diluizione materializza l'ondeggiamento, il crollo, la dislocazione.
Il lavoro di Yvan Salomone - secondo Valerio Dehò - ha caratteristiche che lo collocano fuori degli schemi ricorrenti dell'opposizione tra pittura e arte concettuale, mostrando come le categorie critiche siano spesso insufficienti a leggere l'individualità dei percorsi e delle scelte. Così avviene per la tecnica dell'acquarello: "L'artista la sceglie con il linguaggio e ne conosce anche i limiti e la storia. La rinnova negandola". Ecco i grandi formati, la loro fissità dimensionale. Ma a colpire è innanzitutto la loro genesi. Sono immagini raccolte fotograficamente in lunghi viaggi su lontane rotte, oppure dietro casa. Istantanee che vengono selezionate in studio e poi alcune diventano dei grandi lavori realizzati con la tecnica da lui preferita, l'acquarello appunto. Un lavoro a settimana - sottolinea ancora Dehò - con una regolarità certosina, maniacale: una vera e propria disciplina. Questa è forse una parola chiave, qualcosa che conduce a dichiarare un metodo, ad adottare una procedura di lavoro che è una filosofia dell'arte. Yvan Salomone mette insieme la manualità del fare, ma proprio nel senso della parola greca poiein, qualcosa che è distaccato dalla pura e semplice esecuzione materiale di qualcosa, che possiede regola, che ha qualcosa di monastico che riesce ad accompagnare le giornate, a scandirle di ordine e di libertà.
La mostra è accompagnata da un catalogo bilingue edito dalla Fondazione Gruppo Credito Valtellinese, con saggi critici di Valerio Dehò e Thierry Davila.
In contemporanea giovedì 20 gennaio presso il Centre Culturel Francais di Milano inaugura la prima mostra personale in Italia di Aurélien Froment, dal titolo Forme della natura, forme della conoscenza, forme della bellezza, a cura di Andrea Viliani, direttore della Fondazione Galleria Civica - Centro di Ricerca sulla Contemporaneità di Trento.
L'esposizione, in corso fino al 16 marzo 2011, costituisce il quarto appuntamento del progetto Una certa idea della Francia, ideato e promosso dal direttore del Centre Olivier Descotes, che nell'arco di due anni coinvolge artisti francesi invitati da sei curatori italiani.
Aurélien Froment utilizza abitualmente molteplici media, dall'installazione alla fotografia, dalla scultura al video, per mettere in scena un universo che interroga il potere semantico delle immagini e il modo in cui esse si formano nel corso del tempo e nello spazio. Costruite attorno al principio della narrazione, le opere di Froment, che traggono la loro ispirazione dalla storia culturale e dalla memoria collettiva, dialogano tra di loro ponendo il visitatore in uno spazio-tempo aperto nel quale elementi di fiction e documentari si fondono.
Per ulteriori informazioni: www.culturemilan.com
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram