Toni Benetton - Per una scultura vivibile 3086 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DEI TRECENTO ​ Piazza Dei Signori Treviso 31100

Treviso - dal 16 febbraio al 24 aprile 2011

Toni Benetton - Per una scultura vivibile

Toni Benetton - Per una scultura vivibile

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DEI TRECENTO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Dei Signori (31100)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il 16 febbraio del 1910 nasceva Toni Benetton. Giusto a conclusione del centenario, Treviso, la sua città, gli dedica una importante retrospettiva che fa seguito all'omaggio che negli scorsi mesi gli ha tributato la Biennale di Venezia.
orario: da martedì a venerdì: 15-19, sabato e domenica: 10-19 lunedì chiuso.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 16 febbraio 2011. ore 16 introduzione critica a cura del Comitato regionale per il centenario.
Seguirà alle ore 18.00 la visita alla mostra con i curatori
catalogo: a cura di Carlo Sala e Nico Stringa, con testi di Marzio Favero, Carlo Sala e Andrea Zanzotto
editore: ALLEMANDI
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Carlo Sala, Nico Stringa
autori: Toni Benetton
note: Promossa da: Regione del Veneto e Comitato regionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Toni Benetton, con il supporto di: Provincia di Treviso e Comune di Treviso. Progettazione e realizzazione allestimento: Emozioni.com srl. Multivisione: Il Parallelo Multivisioni .
genere: arte contemporanea, personale
web: www.museotonibenetton.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il 16 febbraio del 1910 nasceva Toni Benetton. Giusto a conclusione del centenario, Treviso, la sua città, gli dedica una importante retrospettiva che fa seguito all'omaggio che negli scorsi mesi gli ha tributato la Biennale di Venezia.

L'esposizione, ospitata da Palazzo dei Trecento dal 16 febbraio al 24 aprile, è ideata da Marzio Favero e curata da Carlo Sala e Nico Stringa. A promuoverla sono il Comitato regionale per le celebrazioni del centenario della nascita di Toni Benetton e la Regione del Veneto con il supporto della Provincia di Treviso e del Comune di Treviso.

Il medioevale Palazzo simbolo dell'antica municipalità di Treviso, diviene affascinante, scabro scenario di alcuni cicli di lavori di Benetton.

Ad essere privilegiato è il filone di ricerca che indaga i rapporti tra arte, architettura e paesaggio. In mostra bozzetti, sculture, disegni e un percorso fotografico che visualizza il profondo dialogo tra le creazioni di Benetton e l'ambiente per cui sono state pensate e nel quale sono state create.

Tra i vari momenti creativi esposti spiccano i "Vivibili", lavori che vogliono creare una relazionalità diffusa: il semplice spettatore è chiamato ad essere fruitore attivo in empatia con l'opera. Un rapporto metaforico con la scultura, ma anche fisico vista la possibilità di avvicinarvisi, e scrutarla nelle sue sfaccettature.

Di rilievo anche il ciclo dei "Semoventi" connotati da forme armoniche e leggere: il metallo si pone in relazione con elementi naturali quali il vento e rende di sé un'immagine flessibile.

Il corpus delle "Linee generatrici", è composto da opere in dichiarata relazione con l'ambiente e complessivamente dominate da un vuoto frastagliato fatto di luci e trasparenze. Un filone che prelude al ciclo dei "Townscapes" indagato alla Biennale e al quale è stata dedicata la recente monografia edita da Allemandi. Questi sono il punto più avanzato e di massima sintesi delle riflessioni compiute dall'artista circa il rapporto tra arte e urbanistica L'autore, nell'ideare questi lavori, non sviluppa una semplice speculazione estetica, ma si pone delle problematiche di tipo architettonico. Le opere, destinate a contesti urbani mai realizzate nella realtà, sono strutture nate dallo sviluppo di forme geometriche basilari che si ergono in senso verticale. Solidi che devono dialogare con un ambiente metropolitano in evoluzione, riferendosi allo skyline delle grandi città.

Proprio perché in mostra sono esposti bozzetti e studi di lavori destinati ai contesti cittadini e collettivi in genere, l'allestimento curato da Emozioni.com ricrea, all'interno dell'antico palazzo, l'idea di piazza fatta di elementi rigorosi e al tempo stesso stratificati.

In mostra ricerche accomunate della volontà di non essere solo atti formali, ma di portare con sé riflessioni di carattere sociale, legate alla persona e al territorio in cui sono collocate.

In occasione della mostra verrà realizzato un catalogo che documenta il percorso espositivo edito da Umberto Allemandi & C. Il catalogo, a cura di Carlo Sala e Nico Stringa, conterrà testi di Marzio Favero, Carlo Sala e Andrea Zanzotto.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram