Trieste Liberty 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SALONE DEGLI INCANTI - EX PESCHERIA CENTRALE ​ Riva Nazario Sauro 1 Trieste 34123

Trieste - dal 12 marzo al 19 giugno 2011

Trieste Liberty

Trieste Liberty
SALONE DEGLI INCANTI - EX PESCHERIA CENTRALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Riva Nazario Sauro 1 (34123)
info_expescheria@comune.trieste.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra illustra il carattere urbano e gli aneliti modernisti di Trieste all'alba del Novecento.
orario: tutti i giorni orario 10-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Biglietto unico: euro 3, gratuito fino ai 14 anni
vernissage: 12 marzo 2011. ore 19
catalogo: edito dal Comune di Trieste, a cura di Federica Rovello con Michela Messina e Lorenza Resciniti.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
autori: Augusto Bachschmidt, Josip Costaperaria, Romeo Depaoli, Luigi Dompieri, Nicolò Drioli, Max Fabiani, Umberto Fonda, Giovanni Maria Mosco, Giuseppe Sommaruga, Giovanni Widmer, Giacomo Zammattio, Giorgio Zaninovich
patrocini: Regione Friuli Venezia Giulia, Provincia di Trieste, Fondazione CRTrieste, Fondazione Foremann Casali, Gasnatural, Assicurazioni Generali, Fondazione Antonveneta, Unicredit, Autovie Venete, Trieste Marine Terminal, Greensisam, T.O. Delta, GSI Logistic, Silos, Tbs Group, Banca di credito cooperativo di Staranzano, Pasta Zara, Trieste Trasporti, Siot e Esatto.
note: MOSTRA PROMOSSA E REALIZZATA
Comune di Trieste
Assessorato alla Cultura
Direzione Area Cultura
Civici Musei di Storia ed Arte

IN COLLABORAZIONE CON
Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti
e Conservatori della provincia di Trieste

ASSESSORE ALLA CULTURA
Massimo Greco

DIRETTORE AREA CULTURA
Adriano Dugulin

A CURA DI
Federica Rovello
Michela Messina, Lorenza Resciniti (CMSA)

COORDINAMENTO AMMINISTRATIVO
Francesca Locci

PROGETTO GRAFICO
Matteo Bartoli

IMMAGINI FOTOGRAFICHE
Marco Covi


Con il sostegno di:
Regione Friuli Venezia Giulia e Provincia di Trieste
Fondazione CRTrieste, Fondazione Antonveneta, Fondazione Foreman Casali
Gasnatural, Assicurazioni Generali
Unicredit, Autovie Venete, Trieste Marine Terminal, Greensisam, T.O. Delta, GSI Logistic, Silos, Tbs Group, Banca di Credito Cooperativo di Staranzano e Villesse, Pasta Zara, Trieste Trasporti e Siot
Sponsor tecnico:
Esatto
genere: documentaria, architettura, fotografia, collettiva, disegno e grafica, arte moderna
web: www.triestecultura.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra organizzata dal Comune di Trieste - Assessorato alla Cultura - Direzione Area Cultura - Civici Musei di Storia ed Arte, illustra il carattere urbano e gli aneliti modernisti di Trieste all'alba del Novecento.
La corposa serie di materiali documentali e di fonti archivistiche alle quali si è attinto e che compaiono in mostra in versione originale e, nella maggior parte dei casi, per la prima volta mostrati al pubblico, evidenzia la doppia accezione del "costruire" e dell'"abitare" illustrando con un approccio mirato al tema della residenza e del progetto architettonico di tipi edilizi i caratteri, gli aspetti salienti e i dettagli di un periodo di grande interesse e fino ad oggi poco indagato.
All'interno dell'ampio ambito espositivo, museo nel museo ascrivibile al periodo, la Pescheria costruita nel 1911, si raccontano le tre anime dell'esposizione: la prima 'COSTRUIRE' attraverso le sezioni "Microstorie architettoniche", ""Tasselli urbani" e "Liberty effimero", quindi 'ABITARE' con la sezione "Mobilieri a Trieste" integrate da ulteriori sezioni di approfondimento sulla "Formazione e la cultura" progettuale di progettisti e maestranze e la "Materia e tecnica" frutto di inedite e ardite sperimentazioni. Ad illustrare la terza 'L'ALBA DEL NOVECENTO', i principali eventi storici, politici, economici, scientifici e artistici che si avvicendano nell'arco di un ampio decennio in Europa, in Italia e a Trieste, attraverso un articolato inquadramento storico, vi è l'accompagnamento e la proiezione di circa 200 immagini d'epoca.
I documenti esposti provengono da una decina di archivi e istituzioni culturali, tra i quali l'archivio tecnico disegni e l'archivio generale del Comune di Trieste, l'archivio del Museo teatrale, l'archivio di Stato, la fototeca dei Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste, alcune biblioteche civiche e numerosi collezionisti privati.
E tra disegni, fotografie, documenti scritti, pubblicazioni, album, tavole, litografie ed elementi d'arredo si arriva al cospicuo numero di circa 500 pezzi esposti, quasi tutti mostrati per la prima volta al pubblico.
Il progetto di allestimento ha previsto l'esposizione di questi preziosi elaborati su sessanta tavoli e una ventina di pannelli verticali a comporre una fitta selva di architetture e di percorsi urbani che articolano il grande spazio del Salone degli Incanti. Vengono ricostruiti, inoltre, tre ambienti abitativi completati da alcuni esempi di vetrate al tempo appartenenti all'Excelsior Palace Hotel.

Ad accompagnare la ponderosa e ricca esposizione di materiali iconografici è stata impostata una mappatura di più di 150 edifici che, nel loro complesso o per la presenza di parti significative (portoni, balconi e ferri battuti, apparati decorativi), possono essere ascritti al periodo indagato.
Di questi è stata fatta una selezione di eccellenze, circa una quarantina, che illustrano la presenza di professionisti noti e meno noti sulla scena urbana triestina di cui vengono mostrati i disegni autografi accompagnati da un centinaio di fotografie contemporanee che ne dettagliano i caratteri formali e costruttivi, consentendo un interessante confronto tra elaborati grafici d'epoca e stato attuale.

La grande mostra, promossa dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Trieste, curata da Federica Rovello dell'Università degli Studi di Trieste con la collaborazione di Michela Messina e Lorenza Resciniti (Civici Musei di Storia ed Arte di Trieste) e dell'Ordine degli architetti della Provincia di Trieste per il progetto di allestimento, sarà visitabile nell'ex Pescheria - Salone degli Incanti dal 13 marzo al 19 giugno 2011.
Il catalogo, edito dal Comune di Trieste, sarà a cura di Federica Rovello con Michela Messina e Lorenza Resciniti.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram