Riapertura Museo di Villa del Principe 3093 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva VILLA DEL PRINCIPE - DORIA PAMPHILJ ​ Piazza Del Principe 4 Genova 16126

Genova - sab 5 marzo 2011

Riapertura Museo di Villa del Principe

Riapertura Museo di Villa del Principe

 [Vedi la foto originale]
VILLA DEL PRINCIPE - DORIA PAMPHILJ
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Del Principe 4 (16126)
+39 010255509 , +39 0108376374 (fax)
info@palazzodelprincipe.it
www.dopart.it/genova
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Riapre al pubblico Villa del Principe, la più sontuosa dimora nobiliare di Genova e il Palazzo dell'unico "Principe" che Genova abbia mai avuto.
orario: dalle 10:00 alle 17:00
Ultimo ingresso ore 16.15
Chiuso lunedì e martedì salvo in caso di mostre temporanee
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 9 euro Ridotto: 7 euro
vernissage: 5 marzo 2011.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
genere: inaugurazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Riapre al pubblico Villa del Principe, la più sontuosa dimora nobiliare di Genova e il Palazzo dell'unico "Principe" che la nostra città abbia mai avuto. Era il 1521 quando Andrea Doria, valente ammiraglio e uomo d'armi leggendario, diede il via ai lavori di quello che sarebbe diventato il luogo di pace al rientro dai suoi innumerevoli viaggi e la dimora prescelta dai suoi successori: la famiglia Doria Pamphilj. Oggi la Villa del Principe è un luogo monumentale pieno di tesori nascosti come scoprirete percorrendo le sue stanze, ammirando i suoi affreschi ed arazzi o passeggiando tra le fontane del suo giardino cinquecentesco. In occasione della riapertura del museo per la stagione 2011 (5 marzo-20 ottobre) si segnalano le nuove iniziative intraprese al fine di valorizzare il mirabile patrimonio artistico ancora conservatosi. Oltre allo splendido ciclo di affreschi cinquecenteschi di Perin del Vaga, all'inestimabile collezione di arazzi antichi ancora di proprietà della famiglia e alla galleria dei ritratti dei membri dell'illustre casato, dall'Andrea Doria di Sebastiano del Piombo al Giannettino Doria di Francesco Salviati, da quest'anno saranno visitabili gli appartamenti privati utilizzati dai principi Doria Pamphilj durante i loro soggiorni genovesi. Si potranno ammirare nuove sale decorate a fine Cinquecento con raffinati motivi mitologici e storici da Marcello Sparzo, stuccatore urbinate a lungo attivo per i Doria e nella città di Genova. Inoltre è stato preparato un percorso didattico in giardino per rendere la visita di questa parte del complesso ancora più interessante ed affascinate per il visitatore. Andrea Doria si occupò di dotare il suo Palazzo di giardini all'italiana adeguati all'importanza della dimora, a sud affacciati sul mare, a nord articolati in una serie di terrazze che risalivano la ripida collina di Granarolo. Il giardino meridionale terminava con una loggia protesa verso il litorale e ospitava una splendida uccelliera, entrambe edificate dal suo successore Giovanni Andrea I Doria che fece assumere la fisionomia definitiva al complesso monumentale. Gli eventi bellici, nel corso del '900, rappresentarono un momento di forte degrado. Il recupero del giardino, la sua ricostruzione topografica e il progetto di ripristino hanno voluto per quanto possibile proporre l'assetto tardo cinquecentesco. Oggi l'impianto della vegetazione desidera evocare le sistemazioni orticole del periodo a cavallo tra XVI e XVII secolo. Si sono privilegiati gli accostamenti di specie da fiore con piante aromatiche (la rosa con il mirto, il garofano con il rosmarino e così via), si è enfatizzata l'importanza delle piante "coronarie" (con le quali si usava formare ghirlande, corone e mazzi decorativi) e si sono incluse specie importate proprio nel Cinquecento dal Nuovo Mondo, assai apprezzate e diffuse nei giardini italiani. In occasione di Euroflora 2011 è stato attivato un percorso di approfondimento sulle trasformazioni apportate al parco durante i suoi quasi cinquecento anni di vita, sulla ricostruzione topografica dell'impianto tardo cinquecentesco e le varietà vegetali ora coltivate. La sezione didattica di Villa del Principe organizza visite guidate e laboratori didattici incentrati sulla storia del giardino e sulle sistemazioni orticole in collaborazione con la prima giardiniera del Palazzo.
Sarà possibile raggiungere la dimora anche via mare, ammirando da un'affascinante prospettiva la città di Genova. Fedele ricostruzione di un'imbarcazione del XVI secolo, tra le numerose realmente appartenute alla famiglia Doria, la Fregata Argo ti aspetta al Porto Antico di Genova per accompagnarti alla scoperta di Villa del Principe e dei suoi giardini. Il servizio è disponibile solo in primavera e in estate con partenza a richiesta.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram