Giuseppe Pautiero - Squarci meccanici 3097 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO MINIMO ​ Via Detta San Vincenzo 3 Napoli 80125

Napoli - dall'otto aprile al 7 maggio 2011

Giuseppe Pautiero - Squarci meccanici

Giuseppe Pautiero - Squarci meccanici - -
Basso suono inarticolato
 [Vedi la foto originale]
MUSEO MINIMO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Detta San Vincenzo 3 (80125)
+39 081621170 , +39 081621170 (fax)
museominimo@virgilio.it
www.museominimo.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

"...L’artista sembra voler strappare il “tessuto d’inganno” nel quale i media ci avvolgono, non per urlare la sua verità, ma solo per distruggere una menzogna.”
orario: lunedì, mercoledì ore 15-18/
martedì, giovedì e venerdì 9-12 / o appuntamento

(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 8 aprile 2011. ore 18
curatori: Roberto Sanchez
autori: Giuseppe Pautiero
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
”L’arte, dall’intuizione della prospettiva fino ai giorni nostri, sembra essere attraversata dalla necessità di confrontarsi con la realtà, o per mimesis (modello e imitazione) o per poiesis (fare artistico).
Nella serie squarci meccanici, iniziata nel 1996, alla realtà che prescinde da ogni estetica, morale, religione, Pautiero unisce un desiderio di verità e una buona dose d’ironia: la tela, superficie pronta ad accogliere forme e colori, si anima di tagli, squarci, dai quali fuoriescono asettici circuiti elettrici che sembrano voler evidenziare la natura ormai standardizzata della realtà."
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram