Giovanni Martinelli - Pittore di Montevarchi. Maestro del Seicento fiorentino 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AUDITORIUM COMUNALE ​ Via Marzia 94 Montevarchi 52025

Montevarchi (AR) - dal 19 marzo al 19 giugno 2011

Giovanni Martinelli - Pittore di Montevarchi. Maestro del Seicento fiorentino

Giovanni Martinelli - Pittore di Montevarchi. Maestro del Seicento fiorentino
Giovanni Martinelli, La Samaritana al Pozzo, olio su tela,
Chiesa di Santa Maria, Terranuova Bracciolini (Arezzo)

 [Vedi la foto originale]
AUDITORIUM COMUNALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Marzia 94 (52025)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La città degli Uffizi dedica la prima mostra monografica a una delle figure più affascinanti ed enigmatiche della pittura del Seicento fiorentino
orario: giovedì – domenica ore 10/13 – 15/19
sabato orario continuato ore10/19
chiuso 1 maggio 2011
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero € 3,00
ridotto € 2,00: minori di 18 anni, soci Coop, Arci, gruppi minimo 10 persone
gratuito under 6 anni e sopra 65, ecc.
CARD € 4,00 con visita mostra Martinelli + Cassero per la scultura + Museo di Arte Sacra + agevolazioni presso esercizi convenzionati in città
vernissage: 19 marzo 2011. ore 16.30
catalogo: in galleria.
editore: ARTOUT-MASCHIETTO
ufficio stampa: AMBRA NEPI
curatori: Andrea Baldinotti, Bruno Santi, Riccardo Spinelli
autori: Giovanni Martinelli
telefono evento: +39 055982786
note: Enti Promotori Mostra
Galleria degli Uffizi
Comune di Montevarchi

Enti sostenitori
Regione Toscana
Provincia di Arezzo
Ente Casa di Risparmio di Firenze
genere: arte antica, personale
web: www.lacittadegliuffizi.org

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La città degli Uffizi dedica la prima mostra monografica a una delle figure più affascinanti ed enigmatiche della pittura del Seicento fiorentino

GIOVANNI MARTINELLI PITTORE DI MONTEVARCHI
MAESTRO DEL SEICENTO FIORENTINO
Montevarchi (Ar), Auditorium Comunale, 19 marzo – 19 giugno 2011

La Galleria degli Uffizi con la sua collana di mostre “La città degli Uffizi” - ideata da Antonio Natali, direttore del museo fiorentino – e Il Comune di Montevarchi, Assessorato alla Cultura, con il sostegno della Regione Toscana e della Provincia di Arezzo e dell’Ente Cassa di Risparmio di Firenze, nell’ambito delle iniziative del SEICENTO IN VALDARNO, presentano la mostra: GIOVANNI MARTINELLI PITTORE DI MONTEVARCHI, MAESTRO DEL SEICENTO FIORENTINO che si terrà nella città natale dell’artista, dal 19 marzo al 19 giugno 2011. Curata da Andrea Baldinotti, Bruno Santi e Riccardo Spinelli, è la prima esposizione monografica dedicata a Giovanni Martinelli, una delle figure più affascinanti ed enigmatiche della pittura del Seicento fiorentino, ma allo stesso tempo, se si esclude la ristretta cerchia degli specialisti, una delle meno conosciute.
Una sorte avversa sembra essersi accanita ingiustamente su Giovanni Martinelli condannandolo per lungo tempo all’oblio. Il silenzio dei biografi, a partire da Filippo Baldinucci che non gli dedica un profilo nelle sue Vite. Pochi i dipinti datati e quelli ricordati dalle fonti dispersi o distrutti. Una fama di uomo difficile, litigioso, spesso inadempiente nella consegna dei quadri, è il ritratto che emerge dai registri dell’Accademia del Disegno a Firenze dove Martinelli compare coinvolto in più di venticinque cause, tra il 1621 e il 1659, anno della sua morte. L’esposizione odierna è dunque l’occasione per una grande riscoperta.
In mostra una selezione di trentacinque capolavori, ventisette dipinti e otto disegni, provenienti sia da musei che da prestigiose collezioni private, presentati secondo un ordine cronologico e tematico. L’esposizione, come per le precedenti della Città degli Uffizi, ruota attorno ad un’opera cardine conservata nella Galleria fiorentina in grado di restituire in maniera emblematica la personalità e la poetica dell’artista: il Convito di Baldassarre, considerato da molti il capolavoro del Martinelli. Un dipinto che rappresenta una vicenda biblica dalle forti connotazioni morali, concepita come una “favola teatrale in azione”, dove la resa straordinaria degli oggetti manifesta un insopprimibile amore per la natura morta.
La mostra si apre con le opere connesse all’esperienza romana e al luminismo caravaggesco: dal Miracolo della Mula, il primo dipinto conosciuto dell’artista, firmato e datato 1632, al San Leonardo di Caposelvi, scoperto recentemente. Seguono le raffigurazioni allegoriche, alcune delle più affascinanti e misteriose opere del Martinelli, tra cui: Le Arti e il tentativo di corruzione operato dalla megera della collezione Caripistoia e le quattro Allegorie della Galleria degli Uffizi.
L’altro grande filone del Martinelli, la pittura di soggetto religioso, è rappresentato da opere quali la straordinaria Samaritana al pozzo di Terranuova Bracciolini, l’Ecce Home della Galleria degli Uffizi, la Maddalena (collezione Cariprato), Sant’Agnese (collezione Luzzetti) o la Madonna con bambino e San Giovannino (collezione Pratesi). Il tema della Natura morta, così caro al Martinelli, ha tra le opere in mostra Rose, asparagi, peonie e garofani dal Museo della Natura Morta a Poggio a Caiano e la stupenda Pala di Pozzolatico.
Tra il nucleo di disegni in mostra, spicca un autoritratto del Martinelli, mai visto prima d’ora, una copia settecentesca del pittore John Brown tratta dal perduto affresco del Martinelli in Santa Cecilia a Firenze, dove si era ritratto. Il disegno, scoperto da Giovanni Pagliarulo nella collezione del Gabinetto di Disegni e Stampe degli Uffizi, ci mostra un Martinelli con il volto semi nascosto da un mantello e da un grande cappello calato sulla fronte.

La mostra rientra tra le iniziative previste per il SEICENTO IN VALDARNO a cui si affianca un ITINERARIO nel territorio alla scoperta delle opere del Seicento, oltre cento, tra cui un’inedita Annunciazione del Martinelli scoperta a Terranuova Bracciolini. Accompagna la mostra un catalogo dal titolo “Giovanni Martinelli pittore di Montevarchi, Maestro del Seicento fiorentino”, pubblicato da Maschietto Editore, con prefazione di Antonio Natali, a cura di Andrea Baldinotti, Bruno Santi e Riccardo Spinelli.

Chiarito definitivamente il luogo natale, a lungo ritenuto Firenze, Giovanni Martinelli nasce a Montevarchi quasi sicuramente nel 1600. Formatosi a Firenze nella bottega del Ligozzi, dove è documentato fino al 1625, Martinelli non ebbe inizialmente, ma forse mai, vita facile in città, dove mancò di ogni appoggio e di importanti patroni. Anche se, tra le sue opere di esordio, andate perdute, compare un committente d’eccezione: fra Francesco dell’Antella, lo stesso del Caravaggio a Malta. Dopo la rottura con il Ligozzi se ne perdono le tracce documentarie fino al 1636, quando lo troviamo iscritto all’Accademia del Disegno a Firenze e l’anno seguente divenuto Accademico, apre una propria bottega in via degli Avelli. Dieci anni di silenzio durante i quali avrebbe soggiornato, per la maggior parte del tempo, a Roma dove ebbe a vedere dal vero la pittura del Caravaggio e fu in contatto con i caravaggeschi, guardando soprattutto ai francesi Vouet e Valentin. Questa tesi è supportata su base stilistica da opere come lo splendido Miracolo della Mula, il primo dipinto conosciuto del Martinelli, firmato e datato 1632, oggi nella chiesa di San Francesco a Pescia, ma originariamente a Montevarchi, come scoperto recentemente. L’opera mostra un’adesione profonda del Martinelli alla lezione caravaggesca nell’aspetto naturalistico e luministico, e una conoscenza del prototipo del Cigoli a Cortona. Il Martinelli morirà nel 1659, ancora relativamente giovane, lasciandoci tuttavia un catalogo di opere di grande livello che la storiografia gli ha riconosciuto negli ultimi cinquant’anni. Un silenzio assordante calerà sulla sua figura fino alla riscoperta negli anni ’50 del Novecento con il fondamentale contributo di Fiorella Scricchia Santoro e successivamente con la grande mostra sul Seicento fiorentino del 1986, in Palazzo Strozzi a Firenze, a cura di Piero Bigongiari e Mina Gregori, che lo traghetterà tra i grandi dei Seicento; fino agli studi più recenti di Chiara D’Afflitto, a cui, in suo ricordo, è dedicata la mostra.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram