Copyright Italia. Brevetti marchi prodotti 1948-1970 3073 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ACS - ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO ​ Piazzale Degli Archivi 27 Roma 00144

Roma - dal 25 marzo al 3 luglio 2011

Copyright Italia. Brevetti marchi prodotti 1948-1970

Copyright Italia. Brevetti marchi prodotti 1948-1970
Roberto Capucci 1965 Parigi C. Primangeli
 [Vedi la foto originale]
ACS - ARCHIVIO CENTRALE DELLO STATO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazzale Degli Archivi 27 (00144)
+39 0654548568
acs@archivi.beniculturali.it
www.archivi.beniculturali.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra ripercorre gli anni della ricostruzione e dello sviluppo economico e scientifico dell'Italia.
vernissage: 25 marzo 2011.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
note: organizzata in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia e promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per gli Archivi e dall'Archivio Centrale dello Stato in collaborazione con l’Università Bocconi e l’ISTAT.
genere: documentaria

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Why luminescence in fashion?” – da LIFE del 1965 – risponde Roberto Capucci nella mostra“Copyright Italia. Brevetti, marchi, prodotti 1948-1970”


Dal 25 marzo al 3 luglio 2011 l’Archivio Centrale dello Stato a Roma in Piazzale degli Archivi 27, ospita la mostra “Copyright Italia. Brevetti, marchi, prodotti 1948-1970”, organizzata in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’Unità d’Italia e promossa dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali Direzione Generale per gli Archivi e dall'Archivio Centrale dello Stato in collaborazione con l’Università Bocconi e l’ISTAT. L’arco di tempo fra il 1948 e il 1970 costituisce un periodo ricco di avvenimenti importanti, che hanno segnato lo sviluppo della nostra identità nazionale e lo sviluppo sociale del nostro Paese. La mostra illustra la creatività e le innovazioni nate dalla ricerca, dall’intuito e dalla capacità imprenditoriale dei singoli e delle istituzioni, racconta quello che a breve sarebbe diventato il made in Italy, accogliendo 14 oggetti che simboleggiano ambiti di innovazione specificatamente italiani.

Roberto Capucci ha fornito il suo personalissimo contributo a questa esposizione che esalta il concetto di copyright italiano, partecipando con - dichiara il maestro - «due particolarissime creazioni che generano uno speciale effetto visivo reso attraverso un materiale semplice e inusuale, le perline in plastica fosforescente dei rosari – aggiungendo - assistetti casualmente ad una processione notturna che mi suggerì l'idea». Gli abiti esposti a Roma fanno parte di un gruppo di quattro modelli, provengono dall’Archivio della Fondazione Roberto Capucci e sono stati scelti per l’unicità dell’idea creativa, per l’originalità, per la carica innovativa. Gli altri due pezzi sono esposti attualmente a Philadelphia, nell’ambito della mostra antologica "Roberto Capucci: Art into Fashion", organizzata presso il Philadelphia Museum of Art dal 16 marzo al 5 giugno 2011. Le quattro creazioni realizzate nel 1965, furono presentate per la prima volta a Parigi nell'atelier di Rue Cambon. Approfittando degli scioperi dell'energia elettrica che affliggevano la città, Capucci ideò un geniale coup d’effet, le luci nel salone della presentazione vennero spente improvvisamente e gli abiti uscirono in passerella al buio, suscitando grande interesse e curiosità. L'evento fu riportato dalla stampa di tutto il mondo e la rivista LIFE gli dedicò una copertina dal titolo “Why luminescence in fashion?”.

La mostra “Copyright Italia. Brevetti, marchi, prodotti 1948-1970” è curata da un gruppo di studiosi dell’Università Bocconi di Milano e dell’Università IUAV di Venezia, con la collaborazione dell’Istituto dell’Enciclopedia Italiana Treccani, dell’Università Federico II di Napoli, dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, dell’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano e dell’Accademia dei Lincei.

Roma, 18 marzo 2011
Fondazione Roberto Capucci
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram