Anne e Patrick Poirier - Il giardino della memoria 3064 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dal 2 aprile al 5 settembre 2011

Anne e Patrick Poirier - Il giardino della memoria

Anne e Patrick Poirier - Il giardino della memoria
POIRIER-Giardino della Memoria-Plastico e Planimetria-2009-2010
 [Vedi la foto originale]
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il progetto espositivo già ospitato nei mesi scorsi nel Palazzo Pirola a Gorgonzola (Milano), rivela al pubblico, attraverso disegni, rendering e plastici, la struttura del futuro cimitero della città di Gorgonzola inteso come “necropoli contemporanea”, come opera d’arte.
vernissage: 2 aprile 2011. ore 19
catalogo: in galleria. con testi di Walter Baldi, Luca Molinari, Anne e Patrick Poirier (2010)
editore: SKIRA
ufficio stampa: LUCIA CRESPI
curatori: Gaspare Luigi Marcone
autori: Anne e Patrick Poirier
note: Si ringrazia: Massimo Valsecchi, AR.CH.IT Luca Cipelletti e associati, Liguigli Fine Arts Service s.a.s.
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Il progetto espositivo già ospitato nei mesi scorsi nel Palazzo Pirola a Gorgonzola (Milano), rivela al pubblico, attraverso disegni, rendering e plastici, la struttura del futuro cimitero della città di Gorgonzola inteso come “necropoli contemporanea”, come opera d’arte. L’opera è quasi la sintesi delle ricerche dei Poirier che da circa quarant’anni riflettono sull’idea della memoria usando materiali e soluzioni formali eterogenee: calchi, erbarî, fotografie, installazioni architettoniche di utopiche città o di siti archeologici visitati durante numerosi viaggi. Gli artisti, che hanno partecipato a manifestazioni artistiche come la Biennale di Venezia (1976,1980,1984) e Documenta di Kassel (1977), analizzano la fragilità della cultura e dell’arte minacciate dal trascorrere del tempo e dalla storia. Il nuovo cimitero di Gorgonzola sarà un giardino, un nuovo Eden, felice luogo d’incontro tra i vivi e i loro cari, avrà una superficie di oltre 16.000 m2, e sorgerà in un’area verde ancora più estesa; la planimetria avrà la forma di foglia di quercia, pianta che simboleggia forza ed eternità e le sue radici, il tronco e i rami rappresentano rispettivamente il mondo sotterraneo, il mondo terreno e il mondo ultraterreno. Le venature della foglia si trasformano nei viali del cimitero, ognuno dei quali avrà il nome di una costellazione; il viale principale, la Via Lattea, in asse con un anfiteatro per commemorazioni pubbliche, sarà costeggiato da piante e verdi colline che proteggeranno e occulteranno le sepolture disposte nelle zone più periferiche del monumento. Alcune di queste colline potranno diventare sepolture private, riprendendo la struttura degli antichi ipogei italici. L’ingresso avrà la forma di un enorme arco di cerchio (12,50 x 81 metri) realizzato con tessere vitree di Murano di colore blu intervallate da inserti dorati per simboleggiare una spettacolare volta celeste. L’arco d’ingresso ospiterà, oltre ai luoghi logistici, anche una cappella a forma di nave rovesciata, candida struttura bianca con un taglio di luce sul soffitto; un luogo laico, senza simboli religiosi caratteristici, che esprime il comune destino di tutti gli uomini davanti al mistero della morte. Sulle pareti vi saranno nomi dorati di pensatori che hanno meditato sul mistero divino. Oltre alle sue qualità estetiche Il giardino della memoria soddisfa tutti i requisiti tecnici richiesti dalla committenza comunale, e potrà diventare un simbolo positivo di “edificio pubblico”. Per il progetto è stato realizzato un catalogo edito da Skira con testi di Walter Baldi, Luca Molinari, Anne e Patrick Poirier (2010).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram