Rachel Howard - Repetition is Truth. Via Dolorosa 3065 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
24/06/2019
Creare un'opera in galleria. A Parma il secondo appuntamento di ART in PROGRESS
24/06/2019
A Lucca torna LuBi, la Biennale internazionale della carta. Aperte le iscrizioni per partecipare all’evento
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dal 16 aprile al 4 luglio 2011

Rachel Howard - Repetition is Truth. Via Dolorosa

Rachel Howard - Repetition is Truth. Via Dolorosa
Rachel Howard
Study
 [Vedi la foto originale]
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

E' questa idea di illimitato che l'artista cerca di indurre nello spettatore: la credenza che la sofferenza umana non
avrà mai fine. Da qui, il titolo del lavoro: Repetition is Truth (la ripetizione è verità).
vernissage: 16 aprile 2011.
catalogo: in galleria.
ufficio stampa: pressroom@museomadre.it
curatori: Mario Codognato
autori: Rachel Howard
note: La mostra è stata realizzata interamente grazie alla generosità e al supporto di Blain|Southern.
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Via Dolorosa, dal latino “via crucis”, è il nome di una strada all'interno della Città Vecchia di Gerusalemme che si crede sia stata percorsa da Gesù, caricato della croce, lungo il tragitto verso il Golgota. E' altresì il nome delle 14 stazioni della Via Crucis che ricostruiscono le sue ultime ore di vita. Se il referimento dei 14 dipinti della Howard a La Passione è chiaro, la creazione della serie è stata originariamente influenzata da una delle fotografie più scioccanti scattate nel campo di prigionia a Abu Ghraib in Irak, dove i prigionieri subuivano regolamente torture e umiliazioni da parte dell'esercito Americano, così come riportato dai media. L'immagine in questione riproduce un prigioniero in piedi in una cassa, col capo coperto, legato con elettrodi. Pertanto, la cassa diviene l'equivalente moderno della Croce – strumento di umiliazione e tortura. I dipinti di Rachel Howard si presentano come fluidi, dando vita a un viaggio metafisico tra astrazione e figurazione; si offrono come strumento di riflessione dei reati contro l'universalità dei diritti umani e la capacità insita negli essere umani di infliggere crudeltà gli uni agli altri. Il critico e curatore Joachim Pissarro ha definito la serie “sublime”, in linea con la Critica del Giudizio kantiana: “Sublime è ciò in cui l'immaginazione viene dall'oggetto a tal punto estesa, che la misura usuale non è più sufficiente a comprenderlo”, eppure, come tale - è parte di una totalità . E' questa idea di illimitato che l'artista cerca di indurre nello spettatore: la credenza che la sofferenza umana non avrà mai fine. Da qui, il titolo del lavoro: Repetition is Truth (la ripetizione è verità). La mostra è stata realizzata interamente grazie alla generosità e al supporto di Blain|Southern. Note: Rachel Howard è nata nella Contea di Durham nel 1969 e si è diplomata al Goldsmiths College di Londra nel 1992. Mostre Personali: Still Life / Still Here, Rachel Howard, New Paintings, Sala Pelaires, Palma de Mallorca, Spagna, 2011; Human Shrapnel – oil drawings on paper, Other Criteria, Londra, 2010; Der Wald, Haunch of Venison, Zurigo, 2009; Portraits, Museum van Loon, Amsterdam; How to Disappear Completely, Haunch of Venison, Londra, 2008; Rachel Howard, New Paintings, Gagosian Gallery, Los Angeles; Fiction/Fear/Fact, Bohen Foundation, New York, 2007. I lavori di Rachel Howard sono stati acquisiti da numerosi collezioni publiche e private. Tra queste: Ackland Art Museum, Carolina del Nord; Museum van Loon, Amsterdam; Goss-Michael Foundation, Dallas; CCA Andratx, Spagna, La Collezione Murderme e la Collezione Hiscox.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram