Emilio Oreste Brunati - (1883-1968) Lo sguardo oltre il ritratto 3103 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA CANTONALE GIOVANNI ZUST ​ Via Pinacoteca Züst Rancate 6862

Rancate () - dal 14 maggio al 21 agosto 2011

Emilio Oreste Brunati - (1883-1968) Lo sguardo oltre il ritratto

Emilio Oreste Brunati - (1883-1968) Lo sguardo oltre il ritratto
PINACOTECA CANTONALE GIOVANNI ZUST
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pinacoteca Züst (6862)
+41 0916464565 , +41 0916464565 (fax)
www.ti.ch/zuest
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra offre l’occasione di ripercorrere le tappe salienti del percorso di Brunati attraverso un’ampia selezione di opere provenienti da musei e collezioni private
orario: Da marzo a giugno: da martedì a domenica 9-12 / 14-17. Luglio e agosto: da martedì a domenica 14-18. Chiuso: lunedì. Aperto: 13 giugno, primo e 15 agosto
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: Fr. 8 / € 6. Ridotto (pensionati, studenti,
comitive): Fr.6 / € 4,50. Gratuito per le scuole ticinesi.
Visite guidate su prenotazione, anche fuori orario.
vernissage: 14 maggio 2011. ore 17
catalogo: in galleria. testo critico di Giuseppe Curonici
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Simona Ostinelli
autori: Emilio Oreste Brunati
genere: arte moderna e contemporanea, personale
email: decs-pinacoteca.zuest@ti.ch

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Vi sono artisti che inspiegabilmente rimangono impigliati nelle maglie della Storia, come il pittore e scultore Emilio Oreste Brunati (1883–1968): questa è la prima retrospettiva che gli viene dedicata. Nato a Milano ma trasferitosi giovanissimo a Lugano con la famiglia, Brunati studia fra Coira, Milano e Lugano ed è allievo di Giuseppe Mentessi, Antonio Barzaghi Cattaneo e dello scultore Luigi Vassalli.

La mostra offre l’occasione di ripercorrere le tappe salienti del percorso di Brunati attraverso un’ampia selezione di opere provenienti da musei e collezioni private.

Maestro nella tecnica del pastello, dopo una prima fase legata alla pittura di storia e al verismo ottocentesco, nei primi anni del Novecento diviene celebre come ritrattista della borghesia locale. Nel suo lungo percorso dipinge anche nature morte e paesaggi, trovando riferimenti tra gli epigoni di Cesare Tallone. Col passare degli anni la sua maniera si fa sempre più libera e la tavolozza diventa sempre più accesa. Come scultore, Brunati è influenzato da un verismo a volte ingentilito da accenti liberty ed esegue bassorilievi, busti e medaglioni, oltre a numerosi monumenti commemorativi e funerari, molti dei quali ancora visibili al Cimitero di Lugano. Esposta anche una selezione di sculture di piccolo e medio formato in bronzo e in gesso, fra i quali spiccano il Busto di Ambrogio Brunati e il Ritratto dell’aviatore Pierino Primavesi. La rassegna, curata da Simona Ostinelli, si avvale di un testo di Giuseppe Curonici e della preziosa collaborazione di Alida Brunati, figlia dell’artista.

Il catalogo che la accompagna documenta per la prima volta l’intera vicenda di Emilio Oreste Brunati, offrendo al contempo una ricostruzione del suo percorso espositivo, dalle mostre ticinesi alle occasioni internazionali a Zurigo, Ginevra, Milano e Venezia. L'artista intrattenne legami di amicizia con medici e consiglieri dell'Ospedale Italiano di Lugano, che portarono a numerose commissioni di opere: in ricordo di questo circolo di conoscenze l'Associazione Ospedale Italiano di Lugano ha concesso il proprio contributo alla mostra.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram