Coazione a ripetere. Plusvalore e resto 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/02/2019
La Reggia di Versailles come non l'avevate ancora vista. In 3D
15/02/2019
Tutte le poesie di Kandinskij, in un nuovo volume a colori
14/02/2019
Tecnologia in gioco, per l’arte. Una conversazione all’Accademia di Verona
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva AMY D ​ Via Lovanio 6 Milano 20124

Milano - dal 26 maggio al 19 giugno 2011

Coazione a ripetere. Plusvalore e resto

Coazione a ripetere. Plusvalore e resto
Lorena Pedemonte Tarodo
 [Vedi la foto originale]
AMY D
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Lovanio 6 (20124)
+39 02654872
info@amyd.it
www.amyd.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La presente collettiva è il nuovo progetto di Amy-d Arte Spazio. Al centro dell'attenzione il tema dell'ossessione e quello della coazione a ripetere, declinati dalle diverse sensibilità dei cinque artisti. La collettiva fa parte di econom_Art, il progetto artistico che sta alla base di Amy-d.
orario: da lunedì a venerdì ore 9-12 e 14:30-19; sabato e domenica su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 26 maggio 2011. ore 18:30
curatori: Anna d'Ambrosio, Vittorio Schieroni
autori: Isobel Blank, Vincent De Hoe, Claudio Fasoli, Maurizio Galimberti, Lorena Pedemonte Tarodo, Silvia Santinelli
note: Performance di Isobel Blank giovedì 26 maggio alle ore 19:00
genere: fotografia, arte contemporanea, performance - happening, giovane arte, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
La collettiva esplora una delle modalità più complesse di creare Arte: quella della coazione a ripetere, imprescindibile dall’imprinting e dal vissuto personale dell’artista. I concetti di “plusvalore” e “resto” delle opere determinano “l’equazione personale” dell’artista.
Nella coazione a ripetere la dinamica del desiderio è guidata dalla logica della mancanza, che si manifesta negativamente col sintomo sul registro del reale, mentre sul registro immaginario e artistico in senso positivo.
La scoperta del registro simbolico, come afferma Lacan, segue leggi di tipo strutturale simili a quelle poste in evidenza da F. de Saussure per la linguistica e da C. Lévi-Strauss per l’antropologia. La performance di Isobel Blank, ad apertura mostra, rappresenta la ripetizione ossessiva dei gesti quotidiani.
Il primato simbolico consente di impostare con rigore matematico lo studio dell’arte come linguaggio; in tal modo la logica della mancanza o dell’incompletezza si trasforma nella logica delle catene simboliche. All’inizio della catena c’è, secondo la Santinelli, “l’aspirante-vincitore-mago”, sosia e gemello con un buco da colmare, perché proprio non ce la fa a sopportare l’assenza di quel qualcosa o di quel qualcuno. Nell’arte di Lorena Pedemonte Tarodo il segno strutturato come un alfabeto della memoria si duplica in infinite alterazioni che si clonano, diversamente rispetto a se stesse, creando un’identità nell’uguaglianza differente.
Così la ripetizione si carica di quell’universo di significazioni. Non si assiste ad una programmaticità, ma, nell’inconsapevolezza cosciente, un segno le lascia chiamare un altro, un altro ancora e così via. Il lavoro che si compone risulta essere quasi una lotta emotivamente incontrollabile, una tensione dicotomica tra opposti reciproci. Gli scatti/ lampo di Fasoli rimandano a uno iato… varco… fuga alla ricerca di un equilibrio nella imprevedibilità.
Per Maurizio Galimberti la ripetizione è Polaroid, perché significa “istantaneità” e “istinto”. La fotografia è il mezzo per avere il controllo e la sicurezza. Attraverso il ritmo, il movimento e il dinamismo Galimberti “scansiona” matematicamente il soggetto e arriva al lirismo dell’opera. La sua è una scomposizione lenta e ritmica da vivisezione.
Per Vincent De Hoe il concetto di coazione è riconducibile al “perturbante” come perpetuo ritorno dell’eguale per indicare l’identificazione del sosia, fino al punto di un “raddoppiamento” dell’Io, di una permuta dell’Io. Ciò che è perturbante è perfino demoniaco.
Il concetto di coazione a ripetere rinvia soprattutto all’archetipo, al modello istintuale preesistente, ossia il pattern of behaviour. In arte la ripetizione non è mai mera copia e sempre si crea “Resto”. È il Resto (differenza nell’uguaglianza ripetitiva) il “Plusvalore” economico del lavoro artistico. Il Resto per l’artista è la cosa, das Ding per Lacan, è l’altro all’interno del medesimo… nella vertigine dell’illimitato.
Questa collettiva rientra nel progetto econom_Art, il cui prossimo tema sarà “arte puttana e committenza”.

Collaborazioni:
Testo critico Alessandro Trabucco
Press Vittorio Schieroni
Relazioni esterne Nila Shabnam Bonetti
Tecnico video Giovanni Freri
Kubo Effetti Speciali di Daniele Franzi
Allestimenti Bonsai Piccin
Senzatempo di F. Rossi
Casting Nicola F. Torcoli
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram