Il fotografo fotografato. Fotografie, immagini, documenti dall’Ottocento ai nostri giorni. 3076 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Gian Battista Bertossi Pordenone 33170

Pordenone - dal 28 maggio al 18 settembre 2011

Il fotografo fotografato. Fotografie, immagini, documenti dall’Ottocento ai nostri giorni.

Il fotografo fotografato. Fotografie, immagini, documenti dall’Ottocento ai nostri giorni.

 [Vedi la foto originale]
MUSEO D'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gian Battista Bertossi (33170)
+39 0434 392916
info@artemodernapordenone.it
www.artemodernapordenone.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mostra e catalogo nascono da un’idea finora mai realizzata: costruire, dal punto di vista storico e soprattutto iconografico, una storia della Fotografia dall’Ottocento ai nostri giorni in modo trasversale, concentrandosi su come sia stato fotografato, disegnato, dipinto, rappresentato nel cinema e in molti altri ambiti il “personaggio fotografo” con la sua attrezzatura, i suoi atteggiamenti, le sue smorfie, le sue specificità.
orario: lunedì-venerdì: 15,30-19,00 - sabato e domenica: 10,00-20,00.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 28 maggio 2011.
editore: SILVANA EDITORIALE
curatori: Guido Cecere
autori: Alinari, Gabriele Basilico, Gianni Berengo Gardin, Gino Boccasile, Margaret Bourke White, Renato Casaro, Elio Ciol, Cesare Colombo, Guido Crepax, Mario Cresci, Mario De Biasi, Giulio De Vita, Marcello Dudovich, Giovanni Gastel, Mario Giacomelli, Peter Gowland, Mario Gros, Philippe Halsmann, Robert Mapplethorpe, Tina Modotti, Stephen Shore, Oliviero Toscani, Weegee
genere: fotografia, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La mostra e il libro catalogo (Silvana Editoriale, Milano, 200 pagine) nascono da un’idea finora mai realizzata: costruire, dal punto di vista storico e soprattutto iconografico, una storia della Fotografia dall’Ottocento ai nostri giorni in modo trasversale, concentrandosi su come sia stato fotografato, disegnato, dipinto, rappresentato nel cinema e in molti altri ambiti il “personaggio fotografo” con la sua attrezzatura, i suoi atteggiamenti, le sue smorfie, le sue specificità.
Il progetto si articola in diciotto differenti sezioni, dalla fotografia militare alla pubblicità, dal cinema all’infanzia, dall’eros ai fumetti con una ricchissima iconografia di oltre cinquecento immagini fra le quali spiccano opere fotografiche di autori di fama mondiale come Alinari, Mario Giacomelli, Weegee, Gianni Berengo Gardin, Oliviero Toscani, Margaret Bourke White, Philippe Halsmann, Stephen Shore, Mario De Biasi, Tina Modotti, Cesare Colombo, Mario Cresci, Elio Ciol,
Peter Gowland, Giovanni Gastel, Robert Mapplethorpe, Gabriele Basilico e tanti altri, ai quali si affiancano le opere di artisti del cartellonismo e disegnatori quali Marcello Dudovich, Gino Boccasile, Mario Gros, Guido Crepax, Renato Casaro, Giulio De Vita e altri ancora.
La sezione dedicata alla figura del fotografo nel cinema comprende i poster originali di tutti i principali film sull’argomento come Blow Up, Gli occhi di Laura Mars, Professione reporter,
Occhio indiscreto, Sotto tiro, Fur, I paparazzi, One hour photo e tanti altri.
Una saletta video permetterà di visionare un audiovisivo con brani significativi tratti da questi lavori cinematografici.
Ricchissima l’esposizione delle cartoline postali dedicate a questa tematica, oltre duecento, fra cui pezzi davvero unici e rari, affiancata ad un settore dedicato alla Fotografia nella filatelia e nella storia postale. “Piccante”, ma non volgare, la scelta di immagini in cui s’intrecciano Fotografia ed erotismo, anche questa dall’Ottocento ai nostri giorni, e sicuramente divertente la selezione di fumetti in cui compare il personaggio fotografo nelle vesti dei più famosi personaggi dei comics.
Le opere esposte in mostra sono tutte originali e vintage, molte delle quali inedite.
Provengono da collezioni private, da archivi storici e alcune dal Museo Alinari di Firenze.
Infine anche edizioni originali d’epoca, riviste, oggetti, statuine ornamentali e giocattoli, sempre legati alla rappresentazione del personaggio fotografo.
Verranno esposte anche le fotografie vincitrici del concorso, sulla stessa tematica, indetto fra gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Venezia, premiate con tre Borse di studio offerte da Friuladria Crédit Agricole.
In ultima analisi una mostra e un volume che accontentano tutti i gusti, dallo storico al bambino, dal curioso al collezionista, dal professionista al fotoamatore, non solo per gli addetti ai lavori, ma per un pubblico eterogeneo che non mancherà di trovare argomenti d’interesse.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram