Loredana Müller Donadini - Partiture cromatiche 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SPAZIO D'ARTE STELLANOVE ​ Via Stella 9 Mendrisio 6850

Mendrisio - dal 5 giugno al 17 luglio 2011

Loredana Müller Donadini - Partiture cromatiche

Loredana Müller Donadini - Partiture cromatiche
"Sogno di Sol o passaggio in Sol" 2010 100x150cm carte a mano tinte a radice di ginestra, su tela di cotone
con gialli di piombo e acqua di calce-bianco di San Giovanni, verde d'aspargo e pastello a zinco.

 [Vedi la foto originale]
SPAZIO D'ARTE STELLANOVE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Stella 9 (6850)
+41 793867556
dominiquerondez@bluewin.ch
www.stellanove.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Si inaugura la mostra dell’artista ticinese Loredana Müller Donadini con opere recenti dal titolo “partiture cromatiche”, carte a mano, tempere magre e grasse e pastelli. Sarà presentato un libro d’artista con incisione di Loredana Müller Donadini, testo di Gilberto Isella e tipi di Josef Weiss.
orario: giovedi 15-19
sabato 10-17
domenica 10-14
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 5 giugno 2011. ore 11.00
autori: Loredana Müller Donadini
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
„Colori, luce, segni, hanno una cifra riconoscibile nell'opera di Loredana Müller, ma anche il loro supporto, i materiali.
Materiali vegetali: carte sottili, artigianali, create dalla stessa mano dell'artista. Corre un filo conduttore essenziale tra l'immagine dipinta e il suo supporto: un passaggio segreto tra l'anima e il corpo, in un certo senso, parti inscindibili di un insieme organico, con la sua fisicità e la sua spiritualità. E vi è molta proiezione dell'artista, in questo procedere sul crinale di territori complementari, individuando le energie nascoste, il loro sorgere e rivelarsi, il loro addensarsi nella forma definitiva. Quella forma che Loredana Müller plasma usando colori originali, vegetali a loro volta; oppure inchiostrando le carte, memore di un'antica ritualità arcaica, estesa al moderno, di cui ha profonda consapevolezza. Nel suo operare s'intravede l'intensità di una partecipazione a tutto campo: ora leggera, come il pensiero che la soccorre; ora meditabonda, come le inquietudini che l'assillano; spesso, per dar voce a questa misura dell'esistere, l'artista ricorre al segno: una grafia poeticamente nervosa, spiritualmente seducente, ci inoltra nelle zone misteriose del suo e del nostro mondo interiore, passionale, esposto: specchio del sé.“ Claudio Nembrini

Loredana Müller, originaria di Thun, è nata a Mendrisio, il 1 luglio 1964. Ha studiato allo CSIA di Lugano, grafica ed arti applicate. Allieva di Massimo Cavalli, Max Huber e Bruno Monguzzi. Nel 1984 frequenta l’Accademia di Macerata con Remo Brindisi e Magdalo Mussio; in quell’anno riceve una Borsa di Studio dalla Svizzera. Nel 1985 si trasferisce all’Accademia di Belle Arti di Roma, cattedra di pittura del maestro Enzo Brunori. Si diploma a Roma nel 1988, con la tesi di storia dell’arte: Movimento vita colore - Paul Klee e Morandi, il dialogo tra due maestri e un’epoca. Conosce nell’ambiente romano Nato Frascà, Achille Pace del Gruppo Uno, Guido Strazza, Lorenza Trucchi, Piero Dorazio, Achille Perilli. A Roma, si occupa anche di ceramica, fonda una scuola di Arti Applicate MP e l’Associazione Artistico Culturale L.I.A Laboratori Incontri d’Arte a Villa Borghese, ancora attiva oggi. Ha avuto mostre personali e ha partecipato a collettive in varie città europee. Rientra in Ticino alla fine del 1999; nascono altre mostre personali, l’associazione Art Werk con laboratori di incisione, pittura e fotografia nel proprio studio a Massagno. Nell’estate del 2002 trasferisce casa e studio a Camorino e apre un piccolo spazio espositivo Pangeart, nel Centro Piazza Grande a Bellinzona. Nel 2004 Pangeart diviene una Galleria, a Loredana si affiancano Franca Verda Hunziker e Claudio Nembrini. Nel 2006 cura le cartelle calcografiche “Omaggi e confronti” contenenti lavori dei trenta artisti presentati alla Galleria Pangeart. Avvia nel 2006 la Scuola Pangeart di Arti Applicate a Camorino. Nel 2007 il Progetto Pangeart si unisce a AR Officina d’Arte Contemporanea a Milano-Gorgonzola; nel 2008 Loredana cura le cartelle calcografiche AR tra Gorgonzola e Camorino. Nascono piccole Edizioni Pangeart in collaborazione con artisti, poeti e gallerie. Nel 2009 fonda la piccola casa editrice "ramo radice" con M. Rosaria Valentini. Dal 2010 collabora saltuariamente con Dominique Rondez, Spazio d’arte Stellanove. Nascono collaborazioni con altri poeti, Gilberto Isella, Marco Vitale, Alberto Nessi. (www.pangeart.ch), (www.loredanamueller.com)

In Via Stella 5 sarà visibile una piccola vetrina VISARTE, dove sotto la dicitura ELEMENTAL saranno esposte pagine dal pentagramma, piccoli studi tra grafite e colore attorno a soggetti-oggetti naturali.
Nella vetrina Ex-Jelmoli, Piazza del Ponte a Mendrisio, viene esposte la pubblicazione Primavera laica. Radici intellettuali delle libertà dei moderni, Edizioni Club Plinio Verda/ Salvioni Editore, 2010, accompagnata da una cartella di incisioni calcografiche (riprodotte nel volume) realizzata da Loredana Müller Donadini in ventidue esemplari.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram