Sandro Visca - Un cuore rosso sul Gran Sasso 3107 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
27/06/2019
Wes Anderson e Juman Malouf portano il sarcofago di Spitzmaus alla Fondazione Prada
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva OPIFICIO - SALA DEI CONCERTI ​ Via sotto gli Archi Santo Stefano Di Sessanio 67020

Santo Stefano Di Sessanio (AQ) - ven 5 agosto 2011

Sandro Visca - Un cuore rosso sul Gran Sasso

Sandro Visca - Un cuore rosso sul Gran Sasso

 [Vedi la foto originale]
OPIFICIO - SALA DEI CONCERTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Sotto Gli Archi (67020)
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nella località di Santo Stefano di Sessanio (Aq), venerdì 5 agosto, alle ore 19.00, presso “L'Opificio Sotto gli Archi – Albergo Diffuso Sextantio”, alla presenza del Sindaco del Comune di Santo Stefano di Sessanio Antonio D’Aloisio, dell’Assessore alla cultura della Regione Abruzzo Luigi De Fanis, dell’Assessore alle Politiche del Turismo e dell’Ambiente della Regione Abruzzo Mauro Di Dalmazio, del Direttore del Padiglione Italia Vittorio Sgarbi, di Umberto Palestini, coordinatore del Padiglione Italia/Abruzzo e dell'Autore, sarà presentata per la prima volta l’opera cinematografica realizzata nel 1975 da Sandro Visca dal titolo “Un cuore rosso sul Gran Sasso”.
vernissage: 5 agosto 2011. h 19
autori: Sandro Visca
genere: presentazione

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Nella località di Santo Stefano di Sessanio (Aq), venerdì 5 agosto, alle ore 19.00, presso “L'Opificio Sotto gli Archi – Albergo Diffuso Sextantio”, alla presenza del Sindaco del Comune di Santo Stefano di Sessanio Antonio D’Aloisio, dell’Assessore alla cultura della Regione Abruzzo Luigi De Fanis, dell’Assessore alle Politiche del Turismo e dell’Ambiente della Regione Abruzzo Mauro Di Dalmazio, del Direttore del Padiglione Italia Vittorio Sgarbi, di Umberto Palestini, coordinatore del Padiglione Italia/Abruzzo e dell'Autore, sarà presentata per la prima volta l’opera cinematografica realizzata nel 1975 da Sandro Visca dal titolo “Un cuore rosso sul Gran Sasso”.

Il lavoro dell'artista aveva lo scopo di tracciare un segno forte dell’immaginario, un grande cuore rosso, che portato sul Gran Sasso (come recita una formula dell’autore), voleva superare il mero significato di un gesto eclatante, ma indicare invece un luogo da salvare e ritrovare in esso un insostituibile patrimonio di memorie. Questo prezioso documento è stato restaurato attraverso una complessa tecnica di colorazione digitale sui singoli fotogrammi: solo dove compare, il cuore sarà colorato di rosso, creando così una versione completamente inedita del filmato.
“Un cuore rosso sul Gran Sasso” è l’opera poetica di un artista che ha declinato una profonda attenzione per la sua terra e il suo straordinario territorio, anticipando anche molte delle contemporanee problematiche ambientali di scottante attualità.

Il film, editato con il fondamentale apporto dell’Associazione Culturale Altair, è accompagnato da un volume di alto pregio editoriale, curato da Umberto Palestini e pubblicato dalla Casa Editrice Textus. Il volume, che contiene al suo interno testi dello stesso Palestini, di Sandro Visca, di Annunziata Taraschi, di Diego Carpitella ed un disegno inedito di Andrea Pazienza, è stato realizzato con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia dell’Aquila, dell’Assessorato alle Politiche del Turismo e dell’Ambiente della Regione Abruzzo e da Naca Arte.
Una collaborazione di particolare rilievo per la presentazione del film e del volume, nella sala conferenze del suo Albergo Diffuso Sextantio, l’Opificio Sotto gli Archi, è stata offerta da Daniele Kihlgren.
Il fatto che il curatore del Padiglione Italia, Vittorio Sgarbi, abbia inserito l’opera come Evento Speciale all’interno della 54. Biennale di Venezia, testimonia l’assoluta qualità artistica del progetto ed il suo intrinseco valore culturale.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram