Gianluigi Colin - Dei 3115 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
15/06/2019
David LaChapelle firma il calendario Lavazza 2020
14/06/2019
Tutti i segreti per un ritratto postmoderno. Mostra e talk alla RUFA
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA ​ Via Luigi Settembrini 79 Napoli 80139

Napoli - dal 22 settembre all'otto novembre 2011

Gianluigi Colin - Dei

Gianluigi Colin - Dei
MADRE - MUSEO D'ARTE DONNA REGINA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Luigi Settembrini 79 (80139)
+39 08119313016
www.museomadre.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'artista affronta il tema del dialogo tra storia della classicità e valori della contemporaneità
vernissage: 22 settembre 2011.
catalogo: in galleria.
editore: SKIRA
ufficio stampa: ELECTA NAPOLI
curatori: Barbara Rose
autori: Gianluigi Colin
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
GIANLUIGI COLIN

DÈI

a cura di : BARBARA ROSE

22 SETTEMBRE - 08 NOVEMBRE 2011

Catalogo: Skira editore, pagine 240
Con interventi di Gillo Dorfles, Vincenzo Trione, Matteo Collura, Eva Cantarella

Ufficio Stampa Electa: Ilaria Maggi

“I Miti mi dicono dove mi trovo”
Joseph Campbell

Il mito è un universo di frammenti, di storie e di illuminazioni. Quasi sempre é animato da esseri straordinari, irraggiungibili divinità
o più avvicinabili semidei, spesso da eroi, ma qualcuno, è anche un semplice e più terreno umano. Rivelatrice la battuta di Jung: “I
miti sono diventati malattie” per raccontare come il racconto del mito vive ancor oggi nella nostra quotidianità e condiziona i nostri modi d'essere, la nostra vita, i comportamenti sociali, culturali e politici.
E’ questo il tema della mostra di Gianluigi Colin al MADRE di Napoli, che affronta il tema del dialogo tra storia della classicità e valori della contemporaneità.
Il mito è un insieme di racconti fantastici che da sempre trova corrispondenza nella poesia, nella letteratura e nelle arti. Ma quali
sono oggi gli dei che (anche inconsapevolmente) veneriamo? Non parliamo sempre di potere, denaro bellezza? E non vediamo sulle pagine dei giornali sempre più titoli che ci parlano di guerra? Non viviamo in luoghi (fisici e mentali) nei quali ci perdiamo, non ci riconosciamo, manchiamo di identità? E questo, forse, proprio il labirinto del nostro esistere, nel quale ci sentiamo come Teseo alla disperata ricerca di un’Arianna che ci aiuti a trovare una via d'uscita. Una salvezza.
Il lavoro che viene presentato nella mostra DÈI al Madre, muove da una riflessione specifica: il mito è il racconto del mondo che rinasce in ogni uomo; è dentro di noi anche quando non lo riconosciamo.
Nel progetto si presentano alcune opere dedicate a una nuova rappresentazione del mito contemporaneo. Le opere evocano la presenza invasiva degli dèi pagani: sono divinità che superano barriere culturali e politiche e sono, forse, l' esempio di una vera globalizzazione invisibile, di una radicalizzazione culturale capace di superare frontiere, ideologie, religioni.
Per mettere in scena gli déi del nostro tempo, Colin, come ricorda Vincenzo Trione, sceglie a una strategia originale: “Per dar vita
ai suoi affreschi inesatti, imperfetti, sgrammaticati, ricorre a una tecnica complessa, fondata sull’incontro tra ricognizione e
reportage.
Dapprima, si sfogliano i quotidiani; poi, si prelevano pagine su cui appaiono immagini “rivelatrici”; poi, si accartocciamo quei fogli, con un gesto di intolleranza morale; poi, si fotografano questi “stropicciamenti”; poi, si stampa il file su carta di giornale, che viene appiccicata su un letto fatto a sua volta di sedimentazioni di carte di giornali (una sorta di “riscrittura” della tecnica classica
dell’imprimitura); infine, con impeto, si interviene con le mani su questo materiale, con ulteriori piegature. L’approdo. Un tessuto
increspato, che sta per strapparsi. Un mare agitato da onde. L’opera acquista un’inattesa consistenza plastica.
La mostra – interamente finanziata da sponsor privati - presenta 14 opere (prevalentemente di grande formato) toccando il tema di quattro divinità della mitologia classica e un luogo mitico: il labirinto.
Così ecco ARES/ MARTE, il dio della guerra nelle immagini di una pistola, di una scena di combattimento in Iraq o nella cartina di
un combattimento a Gaza.
AFRODITE/ VENERE Venere é presente tra noi in tutte le copertine di giornali, nella pubblicità, nella moda, nel cinema e nella pornografia. Il culto della bellezza non finisce mai. Né quello dell’ amore sospeso tra una visione idealizzata e sacrale e quello più terreno, pieno di profana umanità.
ERMES/MERCURIO E’ il messaggero degli dei. Ma é anche il dio del commercio e dei ladri. E’ dunque il potere contemporaneo della comunicazione ma soprattutto del denaro, della finanza, del profitto.
CRONO /SATURNO E’ il simbolo del potere fine a se stesso, implacabile e capace di ogni atrocità.
LABIRINTO Qual è il labirinto della nostra esistenza? Colin , come un archeologo del presente raccoglie frammenti della contemporaneità, parole, figure, segni e immagini mettendoli insieme in un gigantesco muro. Ecco dunque l’opera più monumentale che accoglie il visitatore: The Wall: un arsenale di icone impazzite, un’installazione caotica, impossibile da perimetrare., un’opera aperta fatta di materiali eterogenei. Un autoritratto notturno e perturbante.

MUSEO MADRE
Via Luigi Settembrini, 79 80139 Napoli – Italy
Tel: +39 081 19313016
www.museomadre.it
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram