Daniel Buren - Voir. Se Voir. Savoir. / Vedere. Vedersi. Sapere. Lavori situati 2005 / Law... 3084 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/07/2019
Partecipa all'edizione 2019 di Fuori Fuoco Moak e racconta il caffè in tutte le sue forme
22/07/2019
Da Noto, in partenza per la Luna, con Photology Air
22/07/2019
Addio a Ilaria Occhini, volto gentile e notissimo di cinema, teatro e tv
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva BUCHMANN GALERIE ​ Via Gamee 6 Collina D'oro 6927

Collina D'Oro () - dal 24 settembre 2011 al 31 gennaio 2012

Daniel Buren - Voir. Se Voir. Savoir. / Vedere. Vedersi. Sapere. Lavori situati 2005 / Lawrence Carroll - Another life

Daniel Buren - Voir. Se Voir. Savoir. / Vedere. Vedersi. Sapere. Lavori situati 2005 / Lawrence Carroll - Another life
BUCHMANN GALERIE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gamee 6 (6927)
+41 919800830 , +41 919800832 (fax)
buchmann.lugano@bluewin.ch
www.buchmanngalerie.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Nei lavori situati – complessivamente sei opere in specchio, di forma quadrata, la cui dimensione massima arriva a 350 x 350 cm – Daniel Buren (nato nel 1938 a Boulogne-Billancourt) si concentra su quello che è il tema centrale della sua personale ricerca e che caratterizza la sua produzione fin dagli anni sessanta, ovvero le strisce verticali bianche larghe 8,7 cm. Nello spazio esterno della Buchmann Galerie di Agra (Lugano) Lawrence Carroll (nato nel 1954 a Melbourne) presenta la sua prima scultura in vetro. Realizzata a Murano nel 2009, another life è stata esposta nella mostra Glasstress durante l’ultima edizione della Biennale di Venezia.
orario: su appuntamento.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
vernissage: 24 settembre 2011. dalle ore 15.00 alle 18.00
autori: Daniel Buren, Lawrence Carroll
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa

DANIEL BUREN Voir. Se Voir. Savoir / Vedere. Vedersi. Sapere. Lavori situati 2005
Nei lavori situati – complessivamente sei opere in specchio, di forma quadrata, la cui dimensione massima arriva a 350 x 350 cm – Daniel Buren (nato nel 1938 a Boulogne-Billancourt) si concentra su quello che è il tema centrale della sua personale ricerca e che caratterizza la sua produzione fin dagli anni sessanta, ovvero le strisce verticali bianche larghe 8,7 cm.
Attraverso l’utilizzo di specchi e fogli di vinile, i lavori presentati alla Buchmann Galerie di Agra (Lugano) assumono non solo una valenza simbolica artistica e un ritorno funzionale dell’immagine ma anche un’apparente dematerializzazione dell’oggetto nella topologia dello spazio vuoto di una galleria. Quest’area espositiva vuota viene allargata visivamente e gli specchi offrono all’osservatore una rinnovata possibilità di vedere e comunicare con l’ambiente. Attraverso una personale esplorazione, chi osserva può diventare il soggetto visuale e il riflesso di una mutata percezione della continuità dell’immagine. In questo modo all’osservatore viene offerta la possibilità di confrontarsi con un approccio mutato dello spazio.
Daniel Buren ha ricevuto nel 1986 il Leone d’Oro per il padiglione francese alla Biennale di Venezia e nel 2007 è stato insignito con il Praemium Imperiale del Giappone. Le significative esposizioni personali degli ultimi anni (per es. Centre Georges Pompidou di Parigi nel 2003; Palais de Tokyo di Parigi nel 2004; The Guggenheim Museum New York nel 2005; Art Circus Yokohama Triennale nel 2005 e la più recente al Centre Pompidou-Metz) hanno conferito all’artista una crescente attenzione a livello internazionale.

LAWRENCE CARROLL another life
Nello spazio esterno della Buchmann Galerie di Agra (Lugano) Lawrence Carroll (nato nel 1954 a Melbourne) presenta la sua prima scultura in vetro. Realizzata a Murano nel 2009, another life è stata esposta nella mostra Glasstress durante l’ultima edizione della Biennale di Venezia.
Della nascita di questa particolare opera Lawrence Carroll scrive: “My work for the last 25 years has been exploring the possibility that ideas can have another life, that nothing is truly exhausted, and that ideas can unfold in time in the hands of the artist or later in the hands of another and new meaning can form. I wanted to give the pozzo another life, to awaken something that has been sleeping and lying dormant for years. I wanted the pozzo to have a purpose and meaning again and to stand as a symbol for Venice. A Venice that could once again be vital and open to possibilities. That art can be one of these vehicles for possibilities that can awaken Venice. Just like the pozzo, I wish for a Venice that is more than a decoration.”
Il lavoro di Lawrence Carroll ha trovato spazio, fra l’altro, alla documenta 9; allo Städtisches Museum Abteiberg Mönchengladbach, al Museum Folkwang Essen, alla Galerie der Stadt Stuttgart e al Museo Correr di Venezia. Prossimamente Lawrence Carroll sarà all’Hôtel des Arts di Tolone mentre è previsto un’importante personale alla Dublin City Gallery The Hugh Lane nella primavera 2012.

La Buchmann Galerie è lieta di segnalare la sua partecipazione alla FIAC di Parigi (Stand B 44, Grand Palais) dal 20 al 23 ottobre.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram