Rankle / Reynolds / Savi - Astrazione ed Empatia 3088 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION ​ Via Ur Strdón 11 Cademario 6936

Cademario () - dal 22 ottobre al 26 novembre 2011

Rankle / Reynolds / Savi - Astrazione ed Empatia

Rankle / Reynolds / Savi - Astrazione ed Empatia
Rankle & Reynolds
 [Vedi la foto originale]
NELLIMYA: LIGHT ART EXHIBITION
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ur Strdón 11 (6936)
+41 0919118809
info@nellimya-exhibition.ch
www.nellimya-exhibition.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Tripla personale in collaborazione con Federico Rui Arte Contemporanea
orario: Ma. Me. Ve. 15_19, Gio. 15_21, Sa. 10_17
o su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 22 ottobre 2011. dalle ore 18:00
catalogo: in galleria. a cura di Federico Rui
curatori: Emanuele Beluffi
autori: Rankle Reynolds, Enrico Savi
genere: arte contemporanea, doppia personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Empatia e astrazione. Rankle & Reynolds + Savi

di Emanuele Beluffi


Il riferimento è illustre. Astrazione ed empatia è il libro con cui lo storico dell’arte Wilhelm Worringer diede un forte impulso agli studi novecenteschi di Estetica tematizzando la genesi dell’opera d’arte come incontro/scontro del soggetto col mondo esterno. E noi si è presa la licenza poetica d’invertirne i termini per illustrare questo nuovo esperimento di fusione - si veda il precedente testo critico, Fused, redatto in occasione della mostra milanese di Alan Rankle & Kirsten Reynolds - fra artisti di diversa formazione accomunati da una medesima relazione estetica con la realtà. Il fulcro di questa mostra è l’ottundimento del reale, cui danno forma l’alienazione del mondo nel caso del sodalizio artistico Rankle & Reynolds - nello specifico attraverso una rilettura della pittura di paesaggio - e il nascondimento di aspetti del reale a opera di Enrico Savi - qui il mezzo fotografico è il terminus ad quem dell’oscuramento dettagliato della raffigurazione. Entrambe le ricerche artistiche generano un al di là del visibile, non in termini metafisici - non v’è l’urgenza di indagare oltre il fenomeno percepibile -, bensì restando ancorati alla terra ferma, esperienza estetica che nella fattispecie prende più la forma di un’iconografia della relazione propriocettiva del soggetto col mondo esterno. Ma il riferimento ad Astrazione ed empatia di Worringer non è solo di natura concettuale. Come si suol dire, invertendo l’ordine degli addendi il risultato non cambia: Empatia e astrazione. Rankle & Reynolds + Savi significa due cose sostanzialmente: innanzitutto la straordinaria armonizzazione di opere che, muovendo da esigenze differenti e differenti mezzi espressivi, ottengono il medesimo impatto estetico a livello del visibilismo più puro. E, last but not least, la coordinazione di differenti gradi d’astrazione rispetto alla realtà. Se da un lato Enrico Savi, specialmente in occasione di questa sua nuova produzione, Obscured, orienta la propria ricerca sul nascondimento della realtà attraverso l’oscuramento di alcune particolarità del soggetto, andando quindi in certo senso ad astrarre il nascondimento rendendolo visibile rispetto a un’apparenza multisfaccettata, dall’altro Alan Rankle & Kirsten Reynolds, accordando pittura e fotografia rispettivamente in un unico processo creativo, reinterpretano il paesaggio attraverso ciò che precedentemente avevo definito come un vedere interstiziale delle cose, condizione in cui gli oggetti si vedono solo parzialmente, abbastanza per renderci consci che c’è qualcosa, ma non abbastanza per definirli senza il soccorso dell’esperienza, dando forma al mistero della Natura. La natura ama nascondersi, recita il verso di Eraclito (fusis filei kruptein). E nulla, per esemplificare visivamente tale verità, è più efficace di queste produzioni artistiche in mirabile accordo spontaneo, dove la realtà sembra proprio nascondersi in un gioco di astrazione ed empatia col soggetto.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram