Kenro Izu - Viaggio in Asia 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DUCALE ​ Via Francesco Carrara 1 Lucca 55100

Lucca - dal 19 novembre 2011 al 29 gennaio 2012

Kenro Izu - Viaggio in Asia

Kenro Izu - Viaggio in Asia

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DUCALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Francesco Carrara 1 (55100)
+39 05834171 , +39 0583417326 (fax)
info@palazzoducale.lucca.it
www.palazzoducale.lucca.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Un’ampia retrospettiva di fotografie che ripercorre l’infinto, appassionato viaggio di Kenro Izu nei luoghi sacri del continente, iniziato nel 1979. Per Izu la fotografia: “non è mera forma d’arte, bensì una ricerca costante nella propria vita, per trovare il significato più recondito dell’esistenza stessa”.
vernissage: 19 novembre 2011.
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Enrico Stefanelli
autori: Kenro Izu
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
“Era il 1979, quando per la prima volta mi sono recato in Egitto per fotografare le Piramidi. Sono stato profondamente influenzato dal senso di maestosità e dall’atmosfera intensa e unica di quel luogo.Ma, fu soltanto dopo aver fotografato molti altri siti di culto negli anni seguenti, che mi resi conto di come fosse importante per me, per trovare me stesso e l’essenza della vita.

Ispirato da una stampa al platino di Paul Strand, ho iniziato a realizzare stampe a contatto al platino, procedimento che rende perfettamente la morbidezza, le sfumature più lievi, utilizzando una macchina 14 x 20, pollici appositamente realizzata per trasmettere appieno l’atmosfera dei luoghi sacri.

Da allora ho esplorato l’Inghilterra, la Scozia, il Messico, la Siria, la Giordania, l’Egitto, l’Isola di Pasqua, la Francia e il Perù.

Quando ho fotografato il tempio di Angkor in Cambogia nel 1993, ho voluto denunciare la precarietà delle rovine che lentamente stanno per essere inghiottite dalla terra. La giungla invadente che s’intreccia alle vestigi archeologiche mi ha profondamente colpito e indotto a riflettere sul valore della vita.

Da allora, ho trascorso gran parte del mio tempo proprio nei luoghi sacri dell’Asia.

Il fascino di questi posti in cui s’intersecano buddismo, induismo e islamismo, sta non soltanto nella loro bellezza, bensì nel fatto che rivelano l’essenza stessa della cultura e della storia dell’Asia.

Ho fotografato in Cambogia, Tailandia, Laos, Indonesia, Vietnam, Birmania, Tibet, Cina, Nepal, Bhutan e più recentemente ho trascorso vari anni in India.

La fotografia secondo me, non è una mera forma di arte, bensì un percorso di ricerca costante nella vita, per trovare il significato più recondito dell’esistenza stessa.

Per questo considero ogni fotografia come la mia orma lasciata su un sentiero, talvolta sono orme nette e profonde, altre volte indefinite e superficiali.

Oltre alle fotografie, realizzate negli ultimi 30 anni, ho avuto, soprattutto, la fortuna di aver vissuto esperienze, visto luoghi e incontrato persone che mi hanno insegnato cosa siano l’amore e la felicità.”
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram