David Pizzigoni - Guardiani 3070 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO BAGATTI VALSECCHI ​ Via Gesù 5 Milano 20121

Milano - dal 24 novembre 2011 al 5 febbraio 2012

David Pizzigoni - Guardiani

David Pizzigoni - Guardiani
MUSEO BAGATTI VALSECCHI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gesù 5 (20121)
+39 0276006132 , +39 0276014859 (fax)
info@museobagattivalsecchi.org
www.museobagattivalsecchi.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In mostra presso il Museo Bagatti Valsecchi una selezione di immagini fotografiche tratte dal lavoro di Davide Pizzigoni dedicato ai custodi di musei. Artista eclettico, Davide Pizzigoni (Milano, 1955) è attivo, oltre che come pittore, quale scenografo e designer; in questi ambiti vanta collaborazioni prestigiose sia con importanti istituzioni europee quali il Teatro dell'Opera di Zurigo e lo Staatsoper di Vienna, che con marchi prestigiosi del mondo della moda e del design.
orario: da martedì a domenica, dalle 13,00 alle 17,45. Lunedì chiuso Chiuso per festività: 7-8 dicembre, 25-26 dicembre, 1 e 6 gennaio
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: euro 8; ridotto euro 4
vernissage: 24 novembre 2011. h 11.30 per la stampa
editore: ALLEMANDI
autori: David Pizzigoni
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In mostra presso il Museo Bagatti Valsecchi una selezione di immagini fotografiche tratte dal lavoro di Davide Pizzigoni dedicato ai custodi di musei. Artista eclettico, Davide Pizzigoni (Milano, 1955) è attivo, oltre che come pittore, quale scenografo e designer; in questi ambiti vanta collaborazioni prestigiose sia con importanti istituzioni europee quali il Teatro dell’Opera di Zurigo e lo Staatsoper di Vienna, che con marchi prestigiosi del mondo della moda e del design.
La mostra si articola attraverso le stanze del Museo Bagatti Valsecchi: lo scenario sontuosamente domestico della dimora di via Gesù, anch’essa oggetto del lavoro fotografico di Davide Pizzigoni, offre uno sfondo suggestivo a immagini che raffigurano musei, ma vissuti e abitati nella prolungata consuetudine del quotidiano. Questo gioco di specchi tra il luogo ospitante e le fotografie esposte viene ribadito dalla presenza in mostra di alcune immagini grandi al vero in uno spiazzante e suggestivo dialogo tra lo spazio reale e fotografato.

Le immagini in mostra presso il Museo Bagatti Valsecchi sono il frutto di un lavoro fotografico che questo artista ha realizzato dal 2008 in numerosi musei di Francia, Inghilterra, Russia, Brasile e Italia; al centro di questa ricerca, i guardiani raffigurati sul loro luogo di lavoro, ripresi in grandi istituzioni di fama internazionale o in piccole realtà, tra opere d’arte, animali impagliati, interni decorati o istallazioni contemporanee. Tra gli scopi della ricerca vi è il desiderio di individuare le relazioni che si stabiliscono tra i soggetti fotografati e il particolare contesto in cui abitano durante la loro giornata lavorativa. Emergono così, talvolta, veri e propri casi di mimetismo, se non addirittura di camaleontismo e cioè non solo di imitazione/adeguamento al contesto, ma anche una volontà di risultare invisibili al pubblico: quel pubblico che comunque non nasconde di guardare i guardiani stessi come se fossero trasparenti. Più in generale l’indagine di Davide Pizzigoni rappresenta uno sguardo di grande originalità sui musei e sulle collezioni, approdando a una riflessione sugli esseri umani, sul loro rapporto con l’arte, sul dialogo misterioso e sempre affascinante tra luoghi, cose e persone.

Il catalogo della mostra edito da Allemandi è arricchito dalla prefazione di Pierre Rosenberg e da un saggio di Marco Vallora
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram