Mimmo Rotella - Artypo 3087 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PINACOTECA DELL'ACCADEMIA DEI CONCORDI - PALAZZO ROVERELLA ​ Via Giuseppe Laurenti 8/10 Rovigo 45100

Rovigo - dal 29 maggio all'undici luglio 2004

Mimmo Rotella - Artypo

Mimmo Rotella - Artypo
PINACOTECA DELL'ACCADEMIA DEI CONCORDI - PALAZZO ROVERELLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Giuseppe Laurenti 8/10 (45100)
+39 0425460093 , +39 042527993 (fax), +39 3483964685
info@palazzoroverella.com
www.palazzoroverella.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La mostra prende le mosse dai réportages, immagini fotografiche riportate su tela. E a questo proposito Rotella ha scritto all'inizio degli anni Sessanta: "Le mie nuove opere non sono più décollages ma réportages, per meglio dire riporti di immagini su tela a colori o in bianco e nero".
orario: 10.00-12.30; 16.00-20.00 (chiuso il lunedì)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 5, 00 euro compresa visita Pinacoteca Accademia dei Concordi
vernissage: 29 maggio 2004. ore 18.00
catalogo: Umberto Allemandi
editore: ALLEMANDI
autori: Mimmo Rotella
telefono evento: +39 0425474751
note: La mostra è allestita anche presso: Banca di Credito Cooperativo Padana Orientale San Marco - via Casalini, 10 Rovigo
genere: arte contemporanea, personale
email: hydrostudio@dada.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Sabato 29 maggio alle ore 18 s'inuagura a Rovigo, nelle sale dell'Accademia dei Concordi,
Mimmo Rotella Artypo , espressamente dedicata ad un aspetto fondamentale della produzione dell'artista, non ancora sufficientemente indagata.

La rassegna, a cura di Alberto Fiz, in collaborazione con Piero Mascitti, direttore della Fondazione Mimmo Rotella e Antonio Romagnolo, direttore della Pinacoteca dell'Accademia e organizzata dalla Dadadopo di Rovigo, presenta, sino all'11 luglio, una selezione di 30 opere realizzate tra il 1963 e il 1975 che documenta l'arte fotomeccanica di Rotella dove l'appropriazione diretta dell'immagine consente d'indagare la modernità con uno sguardo nuovo. Non a caso è stato proprio Rotella a coniare, nel 1965, il termine Mec-Art sottolineando le caratteristiche di un'arte meccanica che instaura un rapporto diretto con le nuove tecniche e sostituisce l'arte da cavalletto.

L'iniziativa proposta a Rovigo va collocata all'interno dell'ampia riconsiderazione critica che negli ultimi anni ha interessato la ricerca di Rotella, uno dei più significativi protagonisti dell'arte italiana. Proprio il 12 maggio l'Università di Architettura di Reggio Calabria gli conferisce la laurea honoris causa in Architettura. Se l'attenzione si è soffermata prevalentemente sui décollage, non meno significativa e ricca di conseguenze sui recenti sviluppi dell'estetica, appare l'arte fotomeccanica analizzata dalla mostra ma anche dalla monografia-catalogo sugli artypo edita da Allemandi.

Il volume, curato da Alberto Fiz, che viene presentato in questa circostanza, propone oltre 150 lavori di arte fotomeccanica e rappresenta la più esaustiva pubblicazione realizzata sino ad ora su questo argomento.

Non va, poi, dimenticato che l'esposizione all'Accademia dei Concordi viene affiancata da un'altra rassegna selezionata di artypo allestita a Palazzo Casalini di Rovigo, sede della Banca di Credito Cooperativo.

Se il décollage, inventato da Rotella nel 1953, rappresenta una vera e propria lacerazione del sistema formale per giungere ad una nuova riappropriazione critica e consapevole, l'arte fotomeccanica nasce dall'esigenza di reintegrare, sovrapponendoli, i frammenti di realtà.

La mostra prende le mosse dai réportages, immagini fotografiche riportate su tela. E a questo proposito Rotella ha scritto all'inizio degli anni Sessanta: "Le mie nuove opere non sono più décollages ma réportages, per meglio dire riporti di immagini su tela a colori o in bianco e nero".

Dopo queste premesse, si giunge agli artypo (letteralmente arte tipografica) esposti per la prima volta al Teatro La Fenice di Venezia nel 1966. Sono opere che nascono direttamente dalla tipografia utilizzando le prove di stampa su cui lo stampatore controlla la qualità delle immagini e dei colori. "Sono invenzioni trovate e selezionate che venivano incollate su tela e facevano parte delle nuove invenzioni pittoriche", ha affermato Rotella. Un'intervento, insomma, solo in apparenza neutro ma ricco di profondi significati dal momento che l'artista s'impossessa delle tecniche industriali e tecnologiche per farne uno strumento d'indagine del tutto autonomo. E, soprattutto, innesca un meccansimo virtuoso che parte dal riutilizzo dei prodotti di scarto, dal momento che ciò che interessa a Rotella è proprio l'errore, la prova di stampa non riuscita.

"La mostra proposta a Rovigo permette di analizzare un'esperienza fortemente sperimentale che pone Rotella e la Mec-Art in relazione con la pop art americana e in particolare con i
combine- painting di Robert Rauschenberg e le serigrafie di Andy Warhol. Ma non va dimenticato che le opere fotomeccaniche costituiscono un punto di riferimento importante anche per le recenti esperienze fotografiche videoinstallative e virtuali", spiega Alberto Fiz.

Gli artypo che hanno come argomento la pubblicità, il cinema o la stessa cronaca quotidiana (in mostra sono esposti, tra l'altro, Smile, 1966;
Con cento lire al giorno è vostra, 1966; Frutti siciliani , 1966;
Provatela anche così , 1966;
Wrangler , 1975,
A forma di bottiglia, 1977), sono opere prevalentemente astratte dove la realtà emerge nella sua continua trasformazione in un blob visivo ricco di conseguenze.

"L'immagine, acquista un'allucinante tensione, più fredda nel processo , ma appunto per questo più spettrale nei tagli, nel potere evocativo, nella dinamica che sconvolge i fuochi compositivi, nel riferimento all'assurdo meccanico della vita", ha sottolineato Guido Ballo in occasione di una mostra di Rotella alla galleria Il Naviglio che si è svolta nel 1966. L'anno dopo viene organizzata al Van Abee Museum di Eindhoven in Olanda una mostra intitolata Artypo che ha per tempo le diverse forme di arte tipografica realizzata da artisti e poeti. Vi partecipa, ovviamente, anche Rotella che da quell'esperienza trarrà lo spunto per battezzare i suoi artypo in grado di modificare la nostra percezione del reale.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram