Sentiments 3034 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STAZIONE LEOPOLDA ​ Piazza Francesco Domenico Guerrazzi Pisa 56125

Pisa - dal 28 gennaio al 5 febbraio 2012

Sentiments

Sentiments
STAZIONE LEOPOLDA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Francesco Domenico Guerrazzi (56125)
+39 05021531 , +39 0502207886 (fax)
info@leopolda.it
www.leopolda.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

In una vita sempre più frenetica e veloce, gli oggetti e le immagini del nostro tempo ci comunicano solo fugaci emozioni e spesso ci passano davanti senza lasciare alcuna traccia. Dobbiamo allora andare alla ricerca di un movimento di energia più forte, risvegliare i nostri stati d’animo, riscoprire i SENTIMENTS
orario: 10 – 19
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 28 gennaio 2012.
curatori: Nicola Domenici, Maurizio Marco Tozzi
autori: Alessandro Amaducci, Giovanna Ambrogi, Matteo Arfanotti, Paolo Bacci, David Bertolaso, Cristian Biasci, Yueh Bing Wen, Marta Buggiani, Marta Cadonici, Stefano Corsini, Federico Cosci, Rossano Di Cicco Morra, Sandra Di Marcantonio, Nicola Domenici, Sabina Feroci, shozo koike, Fabrizio Lavagna, Libero Maggini, Giuseppe Malfattore, Daniela Marchetti, Francesco Minniti, Sibylla Pasche, Marco Pavani, Vanda Pianini, Manfred Reinhart, Martin Rille, Cinzia Rossi Ghion, Marika Sartori, Maurizio Sassi, Sandra Stanzione Landi, Edoardo Stramacchia, Salvatore Torretti, Carlo Trevisan
patrocini: Provincia di Pisa e Comune di Pisa
genere: arte contemporanea, collettiva
email: assoculture.nm@gmail.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Casa della Città Leopolda, Piazza Guerrazzi, 56125 Pisa, tel. 050.21531, fax 050.2207886,
info@leopolda.it

Sentiments

Vernissage 28 gennaio 2012

Chiusura 5 febbraio 2012

In una vita sempre più frenetica e veloce, gli oggetti e le immagini del nostro tempo ci comunicano
solo fugaci emozioni e spesso ci passano davanti senza lasciare alcuna traccia. Dobbiamo allora
andare alla ricerca di un movimento di energia più forte, risvegliare i nostri stati d’animo,
riscoprire i SENTIMENTS. San Tommaso d'Aquino, nella sua Somma Theologica, ammette undici
SENTIMENTS: amore, odio, desiderio, avversione, gioia o diletto, dolore o tristezza, speranza,
disperazione, paura, audacia, ira.
Le opere di pittura, scultura e culture digitali, in esposizione dal 28 gennaio al 5 febbraio 2012
presso gli spazi della Stazione Leopolda di Pisa, saranno l’esemplificazione di questo elenco nato
dal pensiero del grande teologo.
La mostra, curata da Nicola Domenici e Maurizio Marco Tozzi, vede la partecipazione di 32 artisti
provenienti da Italia, Austria, Francia, Germania, Giappone, Svizzera e Taiwan, legati appunto
da questo grande filo conduttore. Special guest della manifestazione Alessandro Amaducci che
presenterà per la prima volta per intero la sua “Electric Self Anthology”, i cui episodi sono stati
esposti in tutto il mondo: “Electric Self Anthology è una serie di video, tutti commentati da brani
musicali realizzati da me – spiega Amaducci - che stanno formando un’antologia dall’omonimo
titolo. Il titolo indica la volontà di entrare in maniera diretta dentro una sorta di inconscio
elettronico, di caverna di ombre contaminate dalle nuove tecnologie, dove vivono o riemergono
fantasmi di immagini, forme archetipiche, ma anche “insospettabili” clichè del mondo di Internet,
personaggi stereotipati, modelli, figure che galleggiano nel mare della Rete e che noi cerchiamo
e scarichiamo sul nostro computer senza sapere il più delle volte il perché. L’ingresso nel mondo
dell’inconscio elettronico è un viaggio oscuro, denso di ferite, dove si incontrano personaggi
femminili, corpi che incarnano in qualche modo alcuni temi che ossessivamente si rincorrono,
come la vita , la morte, il desiderio, il voyeurismo, la trasformazione del mondo in spettacolo, e
l’inossidabile potenza fascinatoria della forma umana, del corpo inteso come luogo esoterico, come
spazio simbolico . Entrare nell’inconscio elettronico significa anche ri-scoprire la propria ombra
infantile, quel momento in cui la dimensione della morte e della vita sono confuse, e con le quali si
può giocare anche in maniera crudele, in cui la bellezza e la mostruosità possono convivere, dove la
paura è necessaria perché foriera di emozioni. Nell’inconscio tecnologico si danza sempre volentieri
con la Morte”.

Orario 10 – 19

Ingresso Libero

Per info:

http://sentiments-pisa.blogspot.com
assoculture.nm@gmail.com

3288856600
3356633100
 
trovamostre
@exibart on instagram