Maria Semmer - Crepuscular 3077 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/06/2019
Sull’isola di Than Hussein Clark con Catherine David. Talk da KURA
20/06/2019
Le proiezioni sui monumenti di Londra per promuovere il nuovo album di Thom Yorke
20/06/2019
La pistola con cui si uccise Vincent van Gogh è stata venduta all'asta
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSPAC - MUSEO SPERIMENTALE D'ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Paganica 17 L'aquila 67100

L'Aquila - dal 15 al 29 gennaio 2012

Maria Semmer - Crepuscular

Maria Semmer - Crepuscular
Maria Semmer - Crepuscular
 [Vedi la foto originale]
MUSPAC - MUSEO SPERIMENTALE D'ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Paganica 17 (67100)
+39 0862410505 , +39 0862410505 (fax)
museosperimentale@libero.it
www.museomuspac.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Per l’occasione l’artista ha sapientemente selezionato una serie di foto (a colori e in bianco e nero) che provengono da una ricerca artistica sviluppata nel corso di diversi anni e incentrata principalmente sul tema del corpo in rapporto con lo spazio e con la natura.
orario: da martedì a sabato ore 11-13 e 17-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 gennaio 2012. ore 18,00
curatori: Martina Sconci
autori: Maria Semmer
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Domenica 15 gennaio 2012 alle 18,00 presso la sede del MU.SP.A.C., sarà inaugurata la mostra di Maria Semmer dal titolo “Crepuscular”, a cura di Martina Sconci.
Per l’occasione l’artista ha sapientemente selezionato una serie di foto (a colori e in bianco e nero) che provengono da una ricerca artistica sviluppata nel corso di diversi anni e incentrata principalmente sul tema del corpo in rapporto con lo spazio e con la natura.
Le foto di Maria Semmer sono delle visioni; mostrano un mondo interiore parallelo, una dimensione “altra”, perturbante, perfettamente speculare a quella reale: un metalinguaggio che scompone e ricompone materiali letterali, teatrali e cinematografici.
Osservandole attentamente, possiamo scoprire il lato oscuro della mente dell’artista da cui nascono e si definiscono vere e proprie “messe in scena”, tableaux vivants che lei stessa allestisce per concretizzare i suoi sogni e per esplicitarli con maggiore chiarezza, in un gioco fatto di ambienti, simboli e allegorie.
In ogni foto predomina un certo silenzio, vero e proprio varco attraverso il quale si riesce ad accedere a una realtà altra, a una diversa topografia delle sensazioni. In questa dimensione spazio-temporale spesso indecifrabile, corpi nudi e fragili di giovani donne si confondono con gli interni e le architetture di luoghi indefiniti, si nascondono in angoli di stanze vuote, sembrano assorbiti dalle radici di alberi secolari, dalla terra e dal mare, diventando parte stessa della natura.
Spesso è l’artista stessa ad essere oggetto e soggetto della foto, immergendosi in una profonda indagine introspettiva e intessendo un serrato dialogo con il proprio corpo.

Maria Semmer è nata nel 1979 a Rothenburg ob der Tauber, in Germania.
Group exhibitions: 2006 Photokina Köln / 2007 "Artigianato in Calabria" old train station, Cosenza/Italy, curated by Co.Se.R Calabria / 2008 rgb46, Rome, curated by Stamperia del Tevere / 2008 Stamperia del Tevere, Rome / 2008 "Beata-Remix" Palazzo d`Avalos, Vasto/Italy, curated by Davide W. Pairone / Solo exhibitions: 2006 Kulturbrauhaus Rothenburg ob der Tauber, curated by Waldemar Olesch / 2007 Villa Mirafiori, Rome, curated by Lorenzo Cataldi and Daniele Puletto / 2007 Libreria "tra le righe", Rome, curated by Lorenzo Cataldi and Daniele Puletto / 2007 Isola Tiberina, Rome, curated by Stamperia del Tevere / 2007 Stamperia del Tevere, Rome / Refugium 2 gallery, Berlin.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram