Richard Sympson - Richard Sympson Richard Sympson 3125 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MURATCENTOVENTIDUE ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Gioacchino Murat 122b Bari 70123

Bari - dal 10 marzo al 15 aprile 2012

Richard Sympson - Richard Sympson Richard Sympson

Richard Sympson - Richard Sympson Richard Sympson
Richard Sympson Richard Sympson, 2011
 [Vedi la foto originale]
MURATCENTOVENTIDUE ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Gioacchino Murat 122b (70123)
+39 3938704029 , +39 3925985840
info@muratcentoventidue.com
www.muratcentoventidue.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La galleria Muratcentoventidue-Artecontemporanea prosegue il programma espositivo con una mostra personale, curata da Anna Saba Didonato, del duo Richard Sympson.
orario: 17-20
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 marzo 2012. ore 19.00
curatori: Anna Saba Didonato
autori: Richard Sympson
patrocini: Con il patrocinio della Regione Puglia
Con il patrocinio della Provincia Di Bari
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Muratcentoventidue-Artecontemporanea


Richard Sympson

Richard Sympson Richard Sympson

a cura di Anna Saba Didonato


La galleria Muratcentoventidue-Artecontemporanea prosegue il programma espositivo con una mostra personale, curata da Anna Saba Didonato, del duo Richard Sympson. Dietro questo nome si celano Marco Trinca Colonel e Cosimo Pichierri, due giovani artisti che dal 2006 portano avanti un progetto di ricerca comune.


Gioca sul doppio il titolo della mostra, facendo riferimento sia a un’opera in esposizione (Richard Sympson Richard Sympson, 2011) che alla duplice autorialità di una ricerca partita nel 2006 e qui presentata in alcuni passaggi. Sin dall’inizio, l’attenzione del duo artistico si focalizza sul “luogo comune”, inteso sia come entità fisica che linguistica. Partendo dalle declinazioni che esso assume in relazione a determinati eventi o oggetti, passando per le strutture linguistiche sottese e le espressioni didascaliche. Fino ad arrivare alla trascrizione fonetica delle parole che rappresenta quasi il grado zero di un percorso teso ad analizzare il significante, non il significato; il contenitore, non il contenuto.
Ghirlanda di alloro (2011) appartiene alla serie fotografica Il vuoto al centro ed è realizzata col processo Palmo a palmo, una serie di scatti zenitali che diventano tessere di un mosaico visivo da ricomporre in digitale, in una nuova immagine, resa in scala 1:1, dominata da una bidimensionalità schiacciante che esclude il punto di vista unico. Pragmatismo e utopia si modulano elevando all’ennesima potenza l’indicalità della fotografia che diventa semplice strumento di scansione, mentre il soggetto che scatta la foto è volutamente spersonalizzato. Anche Ipa Sheet (2011) non varca la soglia del significato, in quest’opera gli artisti trasformano la tabella rilasciata dall’International Phonetic Association in una scultura in cui le lettere-suono sono forate e i segni esplicativi sono incisi su un supporto in acciaio specchiante. Un suggerimento a riflettere sulla doppia essenza di parlante e ascoltante e su quale sia il nostro ruolo nel dare significato alle parole. In continuità con la ricerca in ambito fonetico, i due grandi wall drawing con la scritta della parola “abracadabra” (Abracadabra, 2012) che, disposta a spirale, attraversa come un vortice gli spazi della galleria. Priva di significato eppure carica di valenza esoterica, è la parola più diffusa a livello internazionale che non necessita di una traduzione linguistica. I Richard Sympson sottolineano ulteriormente questa dinamica topica, attraverso una serie di multipli in cartoncino, stencil che riproducono la scritta del wall drawing in scala ridotta e diffondono materialmente la parola oltre il perimetro della galleria. In tutto questo, nessun contenuto, nessun significato, se non quello che ciascuno vorrà riconoscere alla trascrizione fonetica della parola abracadabra, posta a forma di spirale su stencil in cartoncino disponibili presso la galleria Muratcentoventidue.

Anna Saba Didonato


Richard Sympson (2006) è composto da Cosimo Pichierri (Manduria (TA), 1976) e Marco Trinca Colonel (Tirano (SO), 1980). Nel 2004 Cosimo Pichierri si laurea in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Brera-Milano. Nel 2005 Marco Trinca Colonel si laurea in Fisica Teorica presso l’Università Statale di Milano-Bicocca. Nel 2006 si diplomano in Fotografia presso il Centro Riccardo Bauer-Milano e cominciano a collaborare. I due artisti vivono e lavorano a Milano.

Mostre

2012
Richard Sympson Richard Sympson, Galleria Murat122, curata da Anna Saba Didonato, Bari (I) (personale);
2011
*Beyond the dust, Fondation d’entreprise Ricard, curata da Francesca di Nardo e Lorenzo Benedetti, Paris(F);
Horizon(s), Istituto Italiano di Cultura di Parigi (F);
*Officine dell’Arte, VIaFarini, curata da Stefano Arienti, Milano (I);
2010
Beyond the dust, Fabbrica del Vapore, curata da Francesca di Nardo e Lorenzo Benedetti, Milano (I);
Beyond the dust, SBKM De Vleeshal, curata da Francesca di Nardo e Lorenzo Benedetti, Middelburg (NL);
*12a Biennale di Architettura 2010, People meet in Architecture, Venezia (I);
2009
*Pittoresk, MARTa, curatata da Thomas Niemeyer, Frank Maes e Steven Jacobs, Herford (D);
*Kaléidoscope d’Italie, Centre National de l’Audiovisuel, curata da Angela Madesani, Dudelange (L);
*Il cielo in una stanza, Galleria Comunale di Arte Contemporanea, curata da Andrea Bruciati, Monfalcone-GO (I);
*Beyond the Picturesque, SMAK(Stedelijk Museum of Contemporary Art) curata da Steven Jacobs e
Frank Maes, Gent (B);
*Terzo Paesaggio, MAGA (Museo Arte Gallarate), Gallarate-VA (I);
2008
Biennial of Image of Chiasso, Spazio Officina, Chiasso (CH);
Same democracy, Galleria Neon/campobase, Bologna (I);
*Erediatare il paesaggio, Museum of Territorio, Biella (I);
2007
*Festival Internazionale di Fotografia di Roma, Museo dell’Ara Pacis, Roma (I);
Racconto di un luogo, Museum of Contemporary Photography, Cinisello Balsamo, Milano (I);
*con catalogo

Pubblicazioni
Flash Art, n296 Anno XLIV, 2011, intervista di Francesca Mila Nemni;
Flash Art, n290 Anno XLIV, 2011;
Exibart Magazine, n68, 2010, intervista di Daniele Perra;
KLAT Magazine, n03, 2010, intervista di Francesca di Nardo;
Laboratorio Italia, Johan&Levi, 2009, curata da Marinella Paderni;
Future Images, Motta Editore, 2009, curata da Mario Cresci;
Flash Art, n270 Anno XLI, 2008. Viaggio in Italia curata da Elena Bordignon;
Punti di Fuga, Bulzoni Editore, 2008, curata da Daniele Fragapane e Sergio Giusti;
Cronache dell’Abitare, Bruno Mondadori, 2007, curata da Stefano Boeri;
Premi
Commissione pubblica del CNAP – Centre National des Arts Plastiques, per la realizzazione di un libro
d’artista, 2011;
Residenza della Dena Foundation for Contemporary Art presso il Centre International d’Accueil et
d’Echanges des Récollets of Parigi, con il supporto del Comune di Milano, 2009;
Vincitore del premi o nazionale Arti visive di Gallarate, 2009;
Vincitore del premio nazionale Riccardo Pezza, 2007;
Collezioni
Centre National des Arts Plastiques, Paris (F);
UBI Banca, Bergamo (I)
MAGA, Gallarate (I);
GEMMO, Vicenza (I);
Dena Foundation for Contemporary Art, Paris (F)



 
trovamostre
@exibart on instagram