Monica Renzi - Desiderata Equisita n°5 - Diagnosi riservata 3071 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
A Roma riapre al pubblico il Ninfeo degli Specchi al Palatino
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ACCADEMIA DI BELLE ARTI ​ Via Leonardo Da Vinci L'Aquila 67100

L'Aquila - dal 30 marzo al 18 aprile 2012

Monica Renzi - Desiderata Equisita n°5 - Diagnosi riservata

Monica Renzi - Desiderata Equisita n°5 - Diagnosi riservata
Monica Renzi, Diagnosi riservata
 [Vedi la foto originale]
ACCADEMIA DI BELLE ARTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Leonardo Da Vinci (67100)
+36 0862317360-80 , +39 0862317360 (fax)
info@accademiabellearti.laquila.it
www.accademiabellearti.laquila.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Monica Renzi allestisce uno spazio che lei stessa definisce “estremamente bianco”, volutamente asettico e destinato a ospitare il rito privato di un pasto desiderato e impossibile: il suo.
orario: Tutti i mercoledì dalle 12,00 alle 18,00 oppure su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 30 marzo 2012. ore 12
curatori: Anna Maiorano, Cristina Reggio
autori: Monica Renzi
patrocini: MIUR
genere: arte contemporanea, performance - happening, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Monica Renzi realizza un’installazione nell’ambito del work-in-progress Desiderata Exquisita, allestendo, all’interno della MICROGalleria, uno spazio che lei stessa definisce “estremamente bianco”, volutamente asettico e destinato a ospitare il rito privato di un pasto desiderato e impossibile: il suo. Per Monica, affetta da morbo celiaco, da dieci anni la tavola è come un campo minato, che necessita di una decontaminazione per consentirle di alimentarsi. Il muro perimetrale della MG isola e protegge l’intimità di questo rito dallo spazio pubblico del terzo piano dell’accademia, accessibile e visibile a tutti, “anche a coloro che sono semplicemente di passaggio”, e a ognuno di loro Monica offre in assaggio una personale, inedita, “ricetta
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram