Pierre Pellegrini - Pensieri nel tempo 3072 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
22/05/2019
Storie di gioielli. Pompei e le Cicladi scoprono i loro tesori
21/05/2019
Mibac: c'è il via agli elenchi dei professionisti dei beni culturali
21/05/2019
Stanco e malinconico. Il secondo ritratto di Leonardo da Vinci in mostra a Buckingham Palace
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PHOTOGRAPHICA FINE ART ​ Via Cantonale 9 Lugano 6900

Lugano - dal 9 al 26 maggio 2012

Pierre Pellegrini - Pensieri nel tempo

Pierre Pellegrini - Pensieri nel tempo
Autunno, 2009, stampa digitale su carta Hahnemühle, cm 60x60.
 [Vedi la foto originale]
PHOTOGRAPHICA FINE ART
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Cantonale 9 (6900)
+41 919239657 , +41 919210807 (fax)
mail@photographicafineart.com
www.photographicafineart.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Mercoledì 9 maggio 2012 Photographica FineArt di Lugano ha il piacere di inaugurare l’esposizione personale del fotografo svizzero Pierre Pellegrini.
orario: martedì - venederdì 9.00-12.30/14.00-18.00
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 maggio 2012. h 18.00
autori: Pierre Pellegrini
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Mercoledì 9 maggio 2012 Photographica FineArt di Lugano ha il piacere di inaugurare l’esposizione personale del fotografo svizzero Pierre Pellegrini.

Le immagini del progetto di Pierre Pellegrini sono il risultato di diversi anni di lavoro e sperimentazione nel campo della fotografia a lunga esposizione. Attraverso le immagini, Pellegrini ha l’opportunità di raccontare, non tanto della tecnica o della scelta dei vari soggetti, ma del perché è attratto da questo genere di fotografia.
Siamo consapevoli che la fotografia, oltre ad inquadrare una determinata porzione di spazio, racchiude in se anche una sottile porzione di tempo. In questo progetto lo scorrere del tempo viene immortalato, convogliato e racchiuso in una sola, singola, immagine. “Mentre assaporo quel momento e la macchina registra, l'immagine che ne scaturisce risulta sempre un’inaspettata sorpresa. Con l'esperienza è possibile immaginarsi come apparirà, ma sarà impossibile prevederne il risultato finale. Non ci sono regole precise, le variabili possono essere imprevedibili”.
E’ luogo comune immaginare la fotografia come riproduzione fedele della realtà, nello stesso tempo però attraverso di lei la realtà viene in parte trasformata. Quanto è vero che alcuni elementi vengono riprodotti così come sono, è altresì vero che altri - come per esempio quelli che hanno la capacità di passare da uno stato fisico all’altro come l’acqua e le nuvole - appaiono in una veste nuova, distaccandosi dalla realtà visiva. A dipendenza della direzione e della forza del vento, dei cambiamenti di luce, i disegni che troviamo impressi sull'immagine non saranno mai come li vediamo con i nostri occhi o come ce li immaginiamo. Le condizioni atmosferiche di quel momento, passeggero e quindi unico, sono trasformate attraverso la fotografia in un fenomeno magico ed evocativo, quasi come se la realtà nel tempo fosse invisibile ai nostri occhi. E allora bisogna imparare a guardare con il cuore, con le emozioni. Un mondo diverso dove la dinamicità del cielo viene ancor più enfatizzata in contrapposizione con il moto perpetuo dell’acqua che è invece congelato e “stirato” come un vestito di seta. La tecnica utilizzata da Pellegrini impone ritmi diversi nei quali il fattore tempo diventa l’elemento essenziale. Ci si prende del tempo per la composizione; inoltre, nel tempo che intercorre tra uno scatto e l’altro si ha il momento per vivere e assaporare l’atmosfera di quell’istante, di pensare alle cose più profonde e nel contempo studiare la prossima inquadratura. Da qui prende forma il nome del suo progetto “Pensieri nel tempo”, un modo per evadere dalla realtà e mostrare un mondo che ai nostri occhi sarebbe impossibile vedere. Un mondo diverso che si avvicina di più ai pensieri del fotografo ticinese.

La mostra, che si inaugura mercoledì 9 maggio dalle 18.00, resterà aperta al pubblico fino al 26 maggio, da martedì a venerdì dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.00 alle 18.00. Il sabato visite su appuntamento.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram