Gianni Romano - 40 mq 3136 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva SOUNDTOWN ​ Via Claudio Luigi Berthollet 25 Torino 10125

Torino - dal 9 giugno al 3 luglio 2004

Gianni Romano - 40 mq

Gianni Romano - 40 mq

 [Vedi la foto originale]
SOUNDTOWN
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Claudio Luigi Berthollet 25 (10125)
+39 0116696331 , +39 0116696331 (fax)
soundtown@soundtown.it
www.soundtown.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Gianni Romano osserva un se stesso aggirarsi solitario nel suo appartamentino da scapolo. La fotocamera prende il posto del lampadario e scruta l'essere umano immerso nell'implacabile succedersi quotidiano di gesti casalinghi sempre uguali.
orario: lun - ven: dalle 11.00 a.m. alle 01.00 a.m.
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 9 giugno 2004. ore 19.00
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Un centro culturale, un bar virtuale per visionari e una rivista on line: da questo cocktail nasce la rassegna fotografica Lampi fuori nei locali del Centro di Cooperazione Culturale "Soundtown" per tutta la stagione da dicembre 2003 a giugno 2004.
La selezione e presentazione degli autori è curata dal gestore del Mocambo, Fulvio Bortolozzo, già impegnato nel mantenere vivo un bar virtuale in una delle tante periferie della rete all'indirizzo:
www.bortolozzo.net/mocambo.html

"Gianni Romano osserva un se stesso aggirarsi solitario nel suo appartamentino da scapolo. La fotocamera prende il posto del lampadario e scruta l'essere umano immerso nell'implacabile succedersi quotidiano di gesti casalinghi sempre uguali. Una coppia di ciabatte seguono il padrone nelle varie stanze e situazioni, come animaletti fedeli. L'anonimo svolgersi delle azioni in un piccolo spazio d'abitazione riduce ancor più le dimensioni della figura protagonista, dando all'osservatore un'illusione gulliveriana. Effetto di potenza che distanzia e nello stesso tempo muove a compassione. Gianni Romano diviene così marionetta di un teatrino esistenziale. Situazione forse triste da osservare, ma certamente non disperante da vivere. Nelle immagini si osserva difatti un'anima che non è in pena, ma, anzi, se ne sta comodamente affondata nel suo essere crisalide. Senza che dal bozzolo possa mai pensare di voler uscire veramente."

Fulvio Bortolozzo


Gianni Romano

Gianni Romano, milanese, stampatore di fotografia in bianco e nero. Nell'ambito
della sua attività professionale porta avanti sperimentazioni sulle tecniche di stampa. Ha esposto in diverse sedi le ricerche fotografiche svolte dal 2001 insieme al gruppo di Milano "La Macelleria dei Perdenti".
 
trovamostre
@exibart on instagram