Mustafa Sabbagh - Memorie Liquide 3079 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
15/06/2019
Libri, film, interviste. A Milano, Gucci punta tutto su Harmony Korine
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PAC - PALAZZO MASSARI ​ Corso Porta Mare 5 Ferrara 44100

Ferrara - dal 19 maggio al 30 settembre 2012

Mustafa Sabbagh - Memorie Liquide

Mustafa Sabbagh - Memorie Liquide
PAC - PALAZZO MASSARI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Corso Porta Mare 5 (44100)
+39 0532244949 , +39 0532203064
diamanti@comune.fe.it
www.artecultura.fe.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

come nostalgiche vestigia di un mondo lontanissimo.
La seconda installazione consiste in due stampe di grande formato retroilluminate che replicano le vedute del giardino su cui affacciano le finestre di una delle sale. In essa s'indaga il rapporto tra spazio interno-esterno e la proiezione di questi nella dimensione fittizia dell'opera d'arte.
orario: da martedì a domenica, 9.30-13 / 15-18
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: intero euro 6 / ridotto euro 3 / gratuito fino a 18 anni
vernissage: 19 maggio 2012. h 18
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Barbara Guidi, Maria Luisa Pacelli
autori: Mustafa Sabbagh
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
come nostalgiche vestigia di un mondo lontanissimo.
La seconda installazione consiste in due stampe di grande formato retroilluminate che replicano le vedute del giardino su cui affacciano le finestre di una delle sale. In essa s'indaga il rapporto tra spazio interno-esterno e la proiezione di questi nella dimensione fittizia dell'opera d'arte.

La selezione di fotografie, presentate lungo il percorso del museo, ritraggono modelli celati dietro maschere feticcio composte di oggetti disparati, come forchette, parrucche, paraocchi, elmetti, velette, uccelli impagliati, realizzate da Simone Valsecchi, dress designer che ha collaborato con artisti quali Luca Ronconi e Peter Greenaway. Singole, o appaiate in dittici di cupa bellezza, in cui le figure sono accostate a paesaggi notturni, queste immagini sono composte con estrema raffinatezza e cura ossessiva per il dettaglio tecnico e compositivo e alludono a un immaginario di costrizione e tortura.

Con una tecnica sapiente, Sabbagh cattura il soggetto, lo staglia su fondali antracite e cobalto, bloccandolo in pose ieratiche, frontalmente o di profilo, come fosse inciso su antiche medaglie. Nella finzione del travestimento, lo sguardo, tramite di vita, è schermato dalla maschera, espressione della simulazione, ma al contempo veicolo di rivelazione del sé e delle proprie pulsioni. Matrone e cavalieri del XXI secolo, dandy elegantissimi in giacche di pelle, veneri malate, costrette in scomode guaine e rigidi corsetti, restano congelati nell'attimo stesso del loro effimero apparire, offrendosi allo sguardo come moderne vanitas, indifferenti al tempo che svanisce come il fumo delle loro sigarette.

In queste icone, la cui algida apparenza è esaltata dalla precisione e dall'estremo realismo del mezzo fotografico, Sabbagh restituisce la propria visione di un'epoca assetata di protagonismo, in cui l'apparenza è centrale nell'affermazione del sé. Non è un caso che l'italo-giordano abbia alle spalle un'importante carriera nel campo della fotografia di moda, esperienza da cui muove per indagare ciò che si cela dietro la ricerca dell'immagine manierata ed artefatta e dentro l'ossessione dell'immutabile perfezione del proprio apparire. Irriverenti e malinconiche, le sue effigi dissacrano un'idea di violenta quanto banale sensualità che viene oggi offerta allo sguardo dell'osservatore. È in questo aspetto che i modelli di Sabbagh dialogano con i ritratti di Boldini, entrando in risonanza con l'opera del pittore che a Parigi, con impareggiabile virtuosismo, oltre un secolo fa, ha raffigurato l'estrema eleganza, spinta talvolta ai limiti del parossismo, di principesse e demi-mondaine di un'epoca complessa e controversa, la fin de siècle, giungendo ad imporre un vero e proprio modello di moda e costume.

Parente prossimo di quell'era, il nostro tempo viene interpretato dalla moderna ritrattistica di Sabbagh in una delle sue manifestazioni più pervasive ed eclatanti. Per sua stessa natura, il ritratto è celebrazione, ma anche testimonianza dei modelli sociali ed esistenziali di un'epoca. È un atto creativo che nasce dall'interazione tra la personalità dell'artista e quella dell'effigiato, prodotto dell'occhio che osserva e sceglie come ritrarre e, al contempo, frutto del desiderio del modello, ed è, infine, l'espressione artistica con la quale da sempre vengono consegnate alla posterità le tracce della nostra esistenza.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram