Francesco Vezzoli - Self-portrait as Hemperor Hadrian Loving Antinous 3110 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
25/06/2019
Bill Murray riceverà da Wes Anderson il Premio alla carriera alla Festa del Cinema di Roma
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO ARCHEOLOGICO DI VILLA ADRIANA ​ Via Villa Adriana 204 Tivoli 00019

Tivoli (RM) - dal 5 ottobre al 4 novembre 2012

Francesco Vezzoli - Self-portrait as Hemperor Hadrian Loving Antinous

Francesco Vezzoli - Self-portrait as Hemperor Hadrian Loving Antinous
FRANCESCO VEZZOLI
Self-portrait as Emperor Hadrian Loving Antinous
2012
2 parti | 2 parts
XVIII secolo busto di Antinoo in marmo di Carrara | 18th century Carrara marble Antinous bust
Busto in marmo dell’ imperatore Adriano | statuary marble Emperor Hadrian bust
Busto di Antinoo | Antinous bust: 46 x 39 x 20 cm; plinth 115 x 50 x 50 cm
Busto dell’imperatore Adriano | Emperor Hadrian bust:
 [Vedi la foto originale]
MUSEO ARCHEOLOGICO DI VILLA ADRIANA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Villa Adriana 204 (00019)
+39 0774530203
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

personale
vernissage: 5 ottobre 2012. h 11
autori: Francesco Vezzoli
telefono evento: +39 338 3429581
genere: arte contemporanea, personale
email: Silvia.macchetto@gmail.com

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
In occasione della mostra “Antinoo. Il fascino della bellezza.” in corso fino al 4 novembre all’Antiquario del Canopo di Villa Adriana, Francesco Vezzoli presenta in dialogo con Gianfranco Maraniello “Self-portrait as Hemperor Hadrian Loving Antinous”.
L’opera è il risultato di una profonda ricerca artistica sulla scultura classica, finalizzata al dialogo con personaggi dell’iconografia del passato, riappropriandosi idealmente della loro identità, reinterpretandola.
Questo tema è ampiamente presente in alcuni dei lavori più celebrati di Vezzoli: dal “falso” trailer del “Caligola” di Gore Vidal, alla reinterpretazione di tre capolavori della scultura Venere del Trono Ludovisi - Paolina Borghese del Canova – Santa Teresa del Bernini, riprodotte con le sembianze dell’attrice Hollywoodiana Eva Mendes. L’artista gioca con i miti della classicità rendendoli pop e contemporanei.
Dopo essersi cimentato con varie forme artistiche, ricamo, video, scultura, performance, l’artista cede all’eternità delle forme plastiche e alla bellezza del marmo.
In “Self-portrait as Hemperor Hadrian Loving Antinous” Francesco Vezzoli prende le sembianze dell’imperatore Adriano che guarda con amore Antinoo, il suo giovane amante e compagno. Dopo la sua morte, nel 130 d.C. la sua immagine fu scolpita nel marmo innumerevoli volte conservando le sue fattezze in eterno e divinizzando, di fatto, la sua memoria e la sua immagine.
IL FASCINO DELLA BELLEZZA
Direzione Regionale per i Beni Culturali
e Paesaggistici del Lazio
Soprintendenza per i Beni Archeologici del Lazio
Il busto di Antinoo utilizzato per questo gruppo scultoreo risale agli inizi del XVIII ed è una copia di quello del Belvedere: il marmo bianco porta i segni del tempo e sottolinea, per contrasto, l’immagine di Adriano realizzata nel 2012, in marmo statuario puro. L’imperatore presenta le fattezze dell’artista, il quale ironicamente si “intromette” e dialoga con la Storia.
L’installazione presenta volutamente uno sbilanciamento nel rapporto di potere tra i due protagonisti: Antinoo, vera e propria star della classicità, sovrasta il suo imperatore dall’alto della sua condizione di umano divinizzato.
La presenza dell’opera a Villa Adriana, dove Vezzoli stesso ha cercato e trovato ispirazione, è quasi un ritorno alle origini della storia dei due protagonisti. In questo contesto l’originale e la copia si esaltano attraverso il confronto con l’ambiente circostante e i resti della magnifica residenza imperiale, cornice naturale dell’installazione.
L’opera sarà esposta all’Antiquarium del Canopo a Villa Adriana, all’interno della mostra “Antinoo. Il Fascino della Bellezza”, fino al 4 novembre 2012, e sarà aperta tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.15 e dalle 14.15 alle 18.00. L’accesso alla mostra è compreso nel biglietto di ingresso a Villa Adriana.
È stato organizzato un servizio di navetta stampa da Stazione Termini con partenza alle ore 9.30 e rientro a Roma alle ore 13.30 circa. Posti limitati si prega di confermare entro e non oltre il 4 ottobre.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram