Tina Modotti - Un nuovo sguardo 3056 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/07/2019
Banksy è ufficialmente l’artista più amato di tutti i tempi dagli inglesi
18/07/2019
Un uomo ha appiccato un incendio in uno studio di animazione giapponese. Almeno 20 morti
17/07/2019
Per il compleanno di Frida Kahlo, regalati la sua nuova collezione beauty
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DUCALE ​ Piazza Giacomo Matteotti 9 Genova 16123

Genova - dal 15 marzo al 21 aprile 2013

Tina Modotti - Un nuovo sguardo

Tina Modotti - Un nuovo sguardo

 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DUCALE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Piazza Giacomo Matteotti 9 (16123)
+39 0105574000 , +39 0105574001
palazzoducale@palazzoducale.genova.it
www.palazzoducale.genova.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ospiterà – dal 16 marzo al 21 aprile - gli scatti di Tina Modotti, attrice, fotografa e musa di grandi poeti sudamericani.
Una selezione di 26 immagini, scattate tra il 1923 e il 1927 soprattutto in
Messico, paese di cui la fotografa e rivoluzionaria friulana del XX secolo coglie – tra documento e simbolo – particolari legati alla quotidianità osservata con uno
sguardo innovativo.
orario: da martedì a venerdì ore 15-19, sabato e domenica ore 10-13/15-19, lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 marzo 2013.
autori: Tina Modotti
note: Spazio 42 Rosso – Cortile Maggiore – Palazzo Ducale, Genova
genere: fotografia, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura ospiterà – dal 16 marzo al 21 aprile - gli scatti di Tina Modotti, attrice, fotografa e musa di grandi poeti sudamericani.
Una selezione di 26 immagini, scattate tra il 1923 e il 1927 soprattutto in
Messico, paese di cui la fotografa e rivoluzionaria friulana del XX secolo coglie – tra documento e simbolo – particolari legati alla quotidianità osservata con uno
sguardo innovativo. A poco a poco inizia ad elaborare un certo tipo di reportage fotografico, dal grande contenuto estetico nella forma e dal gran simbolismo ideologico nel suo referente. Ma la fotografia per Modotti non costituisce soltanto un modo di vita, ma anche l’impegno politico che la rende utile e legittima la sua emergente proiezione artistica.
In mostra accanto alle immagini di poveri, donne e bambini sono esposte fotografie note, come quelle di particolari di mani che lavorano, o i suoi ritratti. Tra gli altri, quelli di Edward Weston, il maggior fotografo americano dell’epoca, che l’amò e ne fece la sua musa, Vittorio Vidali e Julio Antonio Mella, dirigente studentesco cubano col quale convisse e che fu assassinato mentre passeggiavano mano nella mano. Tina Modotti fu una donna fuori dagli schemi tanto che la qualità formale del suo lavoro si intreccia con il “personaggio”.

Nata a Udine nel 1896 da una famiglia operaia aderente al socialismo di fine ottocento, sedicenne lascia l’Italia per raggiungere a Los Angeles il padre e la sorella. Lì comincia a frequentare i circoli culturali, il teatro e diviene modella e assistente di Edward Weston; con lui decide di trasferirsi in Messico, entrambi attratti dal fervore culturale del Paese. Viaggiano e fotografano moltissimo.
La sua casa diventa il ritrovo dei più famosi artisti, Diego Rivera, Frida Kahlo, David Alvaro Siquieros sono solo tre dei nomi delle sue più assidue frequentazioni.


Nel 1927 la bellissima Tina aderisce al Partito Comunista, continuando a frequentare in Messico l’estrema sinistra fino a che, dopo l’attentato al presidente Pascual Ortiz Rubio, è espulsa perché ritenuta sospetta e pericolosa.
Da quel momento erra per l’Europa – Polonia, Francia, Russia – fino ad arrivare in Spagna, dove si iscrive al Soccorso Rosso Internazionale come infermiera nella
Guerra Civile spagnola e, poco dopo, inizia a far uso dello pseudonimo Maria abbandonando la fotografia. Scrive in una lettera a Weston “non fotografo più, ho troppo lavoro da fare”.
Mai più, però, ritroverà la “luce messicana” che aveva ispirato le sue migliori fotografie. Pubblicate da Creative Art negli Stati Uniti, dall’Agfa Paper di Praga, da Varietés a Bruxelles, dal British Journal of Photography a Londra, apriranno il cammino al reportage sociale che più avanti Robert Capa, David Seymour, Gerta Taro codificheranno come genere. Seymour inutilmente tenterà di convincere Tina a riprendere l’attività fotografica, per lei documentare le atrocità non è più sufficiente, la sua camera Graflex non bastava più ad aiutare i poveri della terra, servono nuovi strumenti, serve l’azione sul campo.
Fino a quando il nuovo presidente messicano, Lázaro Cárdenas del Río, non annulla la sua espulsione e la riammette di nuovo in Messico. Lì lavora per i rifugiati politici e incontra il piemontese Mario Montagnana, dell’associazione antifascista Garibaldi, a cui confesserà di volere rivedere Udine un’ultima volta, quasi presagendo vicina la morte.
Nella notte del 5 gennaio 1942, dopo una cena con amici a casa dell’architetto Hannes Mayer, Tina Modotti muore, dentro a un taxi che la sta riportando a casa.

La mostra è organizzata da Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura con l’Ambasciata del Messico in Italia e la Fondazione Casa America di Genova.

Orari: da martedì a venerdì ore 15-19, sabato e domenica ore 10-13/15-19, lunedì chiuso
Ingresso gratuito
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram