L'arte è il luogo della perfetta libertà 3082 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
15/12/2018
A Milano, le case dei libri. Vendita, scambio e mostra, sul filo dell’arte
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci si aggiudica l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva GALLERIA ALTER EGO ​ Via Lugano 1 Ponte Tresa 6988

Ponte Tresa () - dal 10 al 17 febbraio 2013

L'arte è il luogo della perfetta libertà

L'arte è il luogo della perfetta libertà

 [Vedi la foto originale]
GALLERIA ALTER EGO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Lugano 1 (6988)
+41 0793572548 , +39 3495259573
contatti@alteregogallery.com
www.alteregogallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

L'introduzione al tema dell'Arte come luogo della perfetta Libertà è spunto di riflessione sulle opere degli 11 artisti in mostra,i cui lavori,realizzati con tecniche e materiali vari,convergono nella finalità di ritrovare il contatto fortemente lirico tra la materia plasmata e la loro sensibilità
orario: da martedì a sabato ore 11-18 e domenica ore 10:30-13
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 10 febbraio 2013. ore 18.00
curatori: Salvatore Misseri
autori: inamann, Verena Daldini, Claudia Frey Mangold, Francesca Giraudi, Gabriella Gottardo, Paola Grandi, Gloria Guidi Nobile, Devis Ponzellini, Valentina Romano, Jasmine Them Schmid, Mariangela Zambelli
patrocini: Comune di Ponte Tresa - Assessorato alla cultura
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
In merito al tema proposto si esprime così il curatore Salvatore Misseri:
“Libertà va cercando ch'è sì cara, come sa chi per lei vita rifiuta”: le parole del Sommo Poeta, sebbene per contesti diversi, ben si addicono agli artisti, i quali sono accomunati dal generale rifiuto delle convenzioni comuni e dei fattori spersonalizzanti della società contemporanea. Per quanto diversi possano essere i loro percorsi artistici, essi si chiudono, spesso volutamente, in una solitudine che nulla ha a che vedere con una splendida torre d'avorio, ben consapevoli che il flusso delle sensazioni e i lampi intuitivi provenienti da un universo non intelligibile per chi insegue falsi miti o persegue falsi bisogni, possono essere colti e trasferiti in modelli umani -tramite colori, note musicali o materiali di varia natura-, solo da uno spirito non condizionato da alcun clichè; e, in questa condizione di libertà interiore assoluta essi possono così rivelarsi e proporsi i continuatori della primordiale azione creativa rifiutando spesso una “normale” vita di relazione."
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram