Roberto Floreani - La Pietra e il Cerchio 3100 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
25/06/2019
Quattro residenze per il nuovo bando di CURA 2020
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO TE ​ Viale Te 19 Mantova 46100

Mantova - dal 9 marzo al 7 aprile 2013

Roberto Floreani - La Pietra e il Cerchio

Roberto Floreani - La Pietra e il Cerchio
PALAZZO TE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Viale Te 19 (46100)
+39 0376365886 , +39 0376220943 (fax)
segreteria@centropalazzote.it
www.centropalazzote.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

La Pietra e il Cerchio è il progetto espositivo a cura di Carlo Micheli, promosso dalla Città di Mantova e dal Centro Internazionale d'Arte e di Cultura di Palazzo Te, che Roberto Floreani ha ideato appositamente per questi spazi, in continuità con le personali Aurora Occidentale (Biennale di Venezia - Padiglione Italia, 2009 ) e Alchemica (Museo MaGa - Gallarate, 2011).
La Città di Mantova ha presentato recentemente il progetto al VTO di Londra, inserendolo nelle iniziative culturali per la promozione di Mantova capitale europea della cultura 2019
vernissage: 9 marzo 2013. ore 18. 00
editore: PUBLI PAOLINI
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Carlo Micheli
autori: Roberto Floreani
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa

La Pietra e il Cerchio è il progetto espositivo a cura di Carlo Micheli, promosso dalla Città di Mantova e dal Centro Internazionale d'Arte e di Cultura di Palazzo Te, che Roberto Floreani ha ideato appositamente per questi spazi, in continuità con le personali Aurora Occidentale (Biennale di Venezia - Padiglione Italia, 2009 ) e Alchemica (Museo MaGa - Gallarate, 2011).
La Città di Mantova ha presentato recentemente il progetto al VTO di Londra, inserendolo nelle iniziative culturali per la promozione di Mantova capitale europea della cultura 2019

La Pietra e il Cerchio è un progetto espositivo composto da oltre 50 opere su tela, anche di grande formato e 5 sculture ubicate nelle sei sale tematiche che Roberto Floreani ha concepito prendendo spunto dai concetti principali della sua ricerca: l'indagine sulla memoria (storica e individuale) e quella sulla circolarità (intesa sia come risoluzione formale dei suoi "Concentrici", sia come principio filosofico). Il Concentrico, riferimento il più delle volte caratterizzante nelle sue opere, presentato per la prima volta nel 2003 in una personale al Museo Revoltella di Trieste, diviene quindi una sorta di ponte che collega le due esperienze dell'artista: da un lato la sua formazione culturale e artistica legata all'Occidente e dall'altro l'ormai quarantennale pratica marziale legata all'Oriente. E' quindi una forte motivazione che alimenta la ricerca pittorica dell'artista, considerato oggi uno dei più convincenti e maturi astrattisti della sua generazione, che ribadisce la possibilità d'intendere l'opera d'arte anche come messaggio di natura spirituale. L'aspetto pittorico che forse appare più interno a questa ricerca è quello legato ai tempi lunghi e minuziosi della realizzazione stratificata dell'opera e alle superfici che sembrano vibrare dall'interno: una sorta di colore-non colore ricavato facendo assorbire ad una superficie bianca, attraverso un procedimento quasi alchemico, le componenti cromatiche delle basi sottostanti trattate in precedenza. Il risultato finale sembra quasi alimentare un baluginio, procurare una sorta di luce interna all'opera, arricchito dalla fisicità materica della superficie e dal bilanciamento dei rilievi geometrici.

Completa la mostra un catalogo della collana del museo con un testo di Carlo Micheli, uno dell'autore e un'intervista di Beatrice Buscaroli.

Roberto Floreani ha tenuto oltre sessanta mostre personali sia in Italia che all'estero. Tra le mostre personali in spazi pubblici e museali, oltre alla Quadriennale di Roma nel 2005, e alla Biennale di Venezia (Padiglione Italia) nel 2009, si ricordano: "La casa e il tempo", 1994-95 (Musei Civici di Como, Pinacoteca di Ravenna, Museo d'Arte Contemporanea di Zagabria); "Antologica 1986-1997"; 1997 (Casa dei Carraresi, Treviso); "Opere recenti", 1999 (LAMeC, Basilica Palladiana, Vicenza);"Memoria", 1999 (Galleria del Credito Valtellinese- Le Stelline, Milano); "Roberto Floreani", 2001 (Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea, Repubblica di San Marino); "Ritorno all'Angelo", 2003 (Museo Revoltella, Trieste); "Opere scelte 1998-2006", 2006 (Fondazione Palazzo Pretorio, Cittadella), "Selected Works 1997-2007" (Palazzo Ducale, Mantova ; Kunstverein Aschaffenburg, Stadtmuseum Gelsenkirchen; Mestna Galerija, Lubiana), 2007, "Alchemica", Museo MaGa, Gallarate, 2011, "Composizioni astratte", MAG-(Museo Alto Garda), Arco (Tn), 2012.

Sue opere sono presenti in collezioni museali (PAC-Padiglione d'Arte Contemporanea, Milano; Galleria d'Arte Moderna e Contemporanea,Bologna; Musei di Stato della Rep. di San Marino; MART, Rovereto; Museo di Ca' Pesaro (Acquisizione Fondazione Bevilacqua La Masa), Venezia; Kunstverein Aschaffenburg; Stadtmuseum Gelsenkirchen, MaGa, Gallarate (Va); Museo Casabianca-Malo (Vi), Fondazione Palazzo Pretorio-Cittadella (Pd); Musei Civici di Padova, Palazzo Sarcinelli-Conegliano (Tv) e pubbliche (Università degli studi-Bologna; Banca Commerciale Italiana; Credito Valtellinese-Sondrio; ING Bank, Milano; Fondazione Cassamarca-Treviso; Associazione Industriali- Vicenza).
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram