Microcosmos 3078 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
In Germania, presso la Stadtgalerie Kiel, inaugurata la seconda tappa della mostra del Premio Fondazione Vaf
18/06/2019
Archy Art è il nuovo software per gestire gli archivi d’artista
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MARCA - MUSEO DELLE ARTI CATANZARO ​ Via Alessandro Turco 63 Catanzaro 88100

Catanzaro - dal 22 marzo al 14 aprile 2013

Microcosmos

Microcosmos
MARCA - MUSEO DELLE ARTI CATANZARO
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Alessandro Turco 63 (88100)
+39 0961746797
info@museomarca.com
www.museomarca.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il nuovo progetto del MARCA dimostra il costante impegno della nostra istituzione nel valorizzare la creatività e prosegue la linea di collaborazione iniziata nel 2011 con la Dena Foundation, una delle più importanti strutture internazionali impegnate nell’arte contemporanea a sostegno dei giovani artisti italiani all’estero in una prospettiva di scambi con gli altri paesi”, afferma Wanda Ferro, Presidente della Provincia di Catanzaro.
orario: da martedì a domenica 9,30-13; 16-20,30;
chiuso lunedì
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 3 euro
vernissage: 22 marzo 2013. ore 18.00
ufficio stampa: STUDIO ESSECI
curatori: Serena Carbone, Alberto Fiz
autori: Paola Ascone, Santo Alessandro Badolato, Leonardo Cannistrà, Roberta Mandoliti
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Venerdì 22 marzo alle ore 18.00 s’inaugura, nella sede del MARCA di Catanzaro, Microcosmos, una mostra che ha l’obiettivo di focalizzare l’attenzione sulle più innovative esperienze artistiche del territorio.
L’esposizione, organizzata dalla Provincia di Catanzaro in collaborazione con la Dena Foundation for Contemporary Art, a cura di Alberto Fiz e Serena Carbone, si può visitare sino al 14 aprile.
“Il nuovo progetto del MARCA dimostra il costante impegno della nostra istituzione nel valorizzare la creatività e prosegue la linea di collaborazione iniziata nel 2011 con la Dena Foundation, una delle più importanti strutture internazionali impegnate nell’arte contemporanea a sostegno dei giovani artisti italiani all’estero in una prospettiva di scambi con gli altri paesi”, afferma Wanda Ferro, Presidente della Provincia di Catanzaro.
Gli artisti scelti per questo viaggio nel microcosmo sono Santo Alessandro Badolato, in arte Bado, Paola Ascone, Leonardo Cannistrà e Roberta Mandoliti. Il primo, nel 2012, è stato il vincitore della II edizione del concorso per la Borsa di studio internazionale per un giovane artista calabrese e ha partecipato al Programmi di Residenza d'Artista della Dena Foundation presso l’Omi International Arts Center nello Stato di New York. Ascone, Cannistrà e Mandoliti, invece, sono stati finalisti del concorso.
Gli artisti, tutti con meno di trent’anni, si sono formati all'Accademia di Belle Arti di Catanzaro e questa loro provenienza consente di delineare i tratti comuni di una generazione dall'identità complessa e sfaccettata.
Come affermano Alberto Fiz e Serena Carbone “nella mostra al MARCA emerge una specifica attenzione verso le questioni più attuali dove lo spazio urbano, il sistema dell'usa e getta, la bulimia del possesso, la vita artificiale, sono trattati dagli artisti senza facili estetismi, a conferma di un rinnovato impegno dell’arte nei confronti della società.”
Ognuno degli artisti, infatti, ha scelto il proprio approccio alle problematiche della quotidianità, utilizzando, di volta in volta, linguaggi differenti, dall'installazione al video, dalla fotografia al disegno, sino alla performance, tutti rappresentati nell’inedito progetto del MARCA.
La ricerca di Bado si caratterizza per una riflessione critica e ironica sull'impatto che le nuove tecnologie hanno sulla vita quotidiana. In mostra viene presentato il progetto Urbanizzazioni che crea un vero e proprio cortocircuito tra il paesaggio e la rete digitale rendendo inscindibile le informazioni. Bado, inoltre, presenta due lavori realizzati durante la residenza ad Omi: Coperta per senza tetto, già esposta alla mostra Primavera presso la Galleria Immanence di Parigi e il video della performance European football championship dove un avvenimento gioioso come i campionati europei di calcio del 2012 sono l’occasione per denunciare il maltrattamento degli animali.
In Paola Ascone e Roberta Mandoliti, la logica del riciclo s’inserisce in una più ampia riflessione sulla società degli sprechi e dell'abbondanza. Ascone presenta, tra l’altro, il video Food Fiction e un ciclo di foto, Food, che hanno per soggetto un banchetto solitario ed un taciturno quanto falso consumo.
La ricerca di Mandoliti, invece, si indirizza verso la catena di mercificazione dell'oggetto-prodotto, con una particolare attenzione verso l'aspetto etologico ed ecologico. Raccolta Multimendiale risulta così un'installazione dal sapore giocoso che nasconde, sotto vivaci colori di superficie, le insidie che il meccanismo di serializzazione genera quando viene trasferito al mondo dell’arte e l'immaginazione stessa diviene oggetto di consumo.
Leonardo Cannistrà, infine, espone l'intero Fabbricazione Vite, un progetto che riflette sulle procedure della procreazione assistita. L’artista mette in scena la trafila per una richiesta di maternità senza svelare la sua vera natura e, in tal modo, evidenzia l’infinita burocrazia di un meccanismo che spesso esula dalle componenti umane e psicologiche facendo prevalere procedure farraginose e spesso inquietanti.

In occasione della presentazione di Microcosmos, verrà annunciata la terza edizione della Borsa di Studio Internazionale che nasce anche quest’anno dalla collaborazione tra il MARCA, la Dena Foundation for Contemporary Art e la Provincia di Catanzaro. Dopo Domenico Cordì e Santo Alessandro Badolato, il progetto consentirà ad un altro giovane artista l'accesso all'International Artists Residence, presso l'Omi International Arts Center dello Stato di New York per una fondamentale esperienza di formazione e di confronto.

Brevi note biografiche sugli artisti in mostra:

Paola Ascone nasce nel 1982 a Catanzaro, dove attualmente vive e lavora. Nel 2004 si Diploma in Scultura e nel 2007 si specializza in “Arti e discipline dello spettacolo”, presso l’Accademia di Belle Arti di Catanzaro.

Santo Alessandro Badolato, in arte Bado nasce nel 1985 a Catanzaro, dove vive e lavora. Frequenta l'Accademia di Belle Arti della sua città, e nel 2009 si specializza in Scultura. Nel 2012 ha vinto il premio Limen Arte III edizione nella sezione calabresi emergenti e la Borsa di studio per un giovane artista calabrese che gli ha consentito di accedere all’Omi, International Art Center.

Leonardo Cannistrà nasce nel 1989 a Catanzaro, vive e lavora a Fossato Serralta (CZ). Attualmente frequenta la Specializzazione di II livello in Pittura presso l'Accademia di Belle Arti di Catanzaro. Nel 2012 ha realizzato disegni, soggetto e scenografia per “Mimmo Rotella. Uno strappo alle regole”, pubblicazione realizzata dall'Associazione Mythos e dalla Regione Calabria.

Roberta Mandoliti nasce nel 1985 a Cosenza, attualmente vive e lavora a Roma. Dopo il diploma di Specializzazione in Scultura presso l'Accademia di Belle Arti di Catanzaro, nel 2012 ha conseguito il master in “Educazione all’immagine e pedagogia della lettura e della scrittura” all'Università UniRoma3.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram