Invisibile 3048 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/05/2019
Addio a Vittorio Zucconi, storica firma del giornalismo italiano
25/05/2019
Il viaggio di Arca Collective inizia dalla sede di Fondazione Romaeuropa
25/05/2019
Leica celebra il centenario Bauhaus con una fotocamera da collezione
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva PALAZZO DELLE PAPESSE - CENTRO ARTE CONTEMPORANEA ​ Via Di Città 126 Siena 53100

Siena - dal 9 ottobre 2004 al 9 gennaio 2005

Invisibile
[leggi la recensione]


 [Vedi la foto originale]
PALAZZO DELLE PAPESSE - CENTRO ARTE CONTEMPORANEA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Di Città 126 (53100)
+39 057722071 , +39 057722071 (fax)
info@papesse.org
www.papesse.org
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Invisibile, a cura di Emanuele Quinz, è un’esposizione di opere interattive che nasce da un’idea ben precisa dello spazio espositivo, il secondo piano del Palazzo: quest’ultimo non è occupato da oggetti, ma apparentemente vuoto.
orario: 12.00-19.00. Chiuso il lunedi
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: Intero: 5 euro
Ridotto: 3,50 euro
vernissage: 9 ottobre 2004. ore 18
catalogo: Gli Ori editori contemporanei, Prato
editore: GLI ORI
ufficio stampa: Carlo Simula
T + 39 0577 220721
F + 39 0577 42039
stampa.papesse@comune.siena.it
curatori: Emanuele Quinz
autori: Jean-Louis Boissier, Olafur Eliasson, HeHe.org, Akitsugu Maebayashi, Chris Mendoza, Marcos Novak, David Rokeby, Antoine Schmitt, Jeffrey Shaw
genere: arte contemporanea

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Palazzo delle Papesse apre il terzo ciclo espositivo dell’anno presentando due nuovi appuntamenti, cui viene dedicato un piano ciascuno. A ciò si aggiunge l’ottava edizione del progetto Caveau più un progetto speciale site-specific di Olafur Eliasson.

Invisibile, a cura di Emanuele Quinz, è un’esposizione di opere interattive che nasce da un’idea ben precisa dello spazio espositivo, il secondo piano del Palazzo: quest’ultimo non è occupato da oggetti, ma apparentemente vuoto. Le opere di Invisibile non mettono in scena oggetti, ma segni, istanze, apparenze, architetture materiali e non, spazi semantici.
Ambienti nei quali lo spettatore entra ed agisce: ogni sala è pertanto un ambiente sensibile e interattivo, che percepisce e reagisce in presenza degli spettatori. Sollecitando la partecipazione sensoriale e l’implicazione diretta dello spettatore nell’attivazione del sistema, Invisibile propone una definizione dell’opera sia come ambiente ed esperienza, sia come gioco e relazione.

Invisibile propone da un lato installazioni storiche raramente esposte in Italia, quali VNS di David Rokeby e The Golden Calf di Jeffrey Shaw - quest’ultima inedita nel nostro paese - e dall’altro un nucleo di opere di giovani artisti.
A confronto la generazione dei pionieri (Jeffrey Shaw, David Rokeby, Jean-Louis Boissier, Marcos Novak) e quella degli artisti emergenti (Antoine Schmitt, Akitsugu Maebayashi, Chris Mendoza, HeHe.org, ESC).

Come tradizione del Palazzo delle Papesse, accanto ad opere storiche ci saranno progetti realizzati appositamente per gli spazi del Palazzo in occasione di Invisibile.
All’interno di Invisibile, inoltre, verrà presentato un progetto speciale inedito di Olafur Eliasson, The Uncertain Museum, realizzato appositamente per gli spazi del Palazzo.

Nello spazio sotterraneo della ex-Banca d’Italia si apre la ottava edizione del progetto Caveau con un’opera di Petulia Mattioli e Russell Mills.

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram