Mario Vespasiani - Silentium Aurum Est 3103 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
26/06/2019
Il Ninfeo degli Specchi torna alla luce, con zampilli e scherzi d'acqua
26/06/2019
Ecco il nuovo motore di ricerca per chi non ricorda i titoli dei film
25/06/2019
Un manifesto per l’arte attiva. Al MAXXI, la prima bozza di Art Thinking
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva ALVIANI ART SPACE ​ Via Francesco Ferdinando D'avalos Pescara 65126

Pescara - dal 18 maggio al 29 giugno 2014

Mario Vespasiani - Silentium Aurum Est

Mario Vespasiani - Silentium Aurum Est
Silentium Aurum Est
 [Vedi la foto originale]
ALVIANI ART SPACE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Francesco Ferdinando D'Avalos (65126)
+39 320 0231937 , +39 085 4549508
www.alviani-artspace.net
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Il viaggio è il protagonista della seconda mostra dell’Alviani ArtSpace: lo spettatore sarà guidato in un’esperienza che conduce alle porte dell’infinito in un cammino che richiede il silenzio necessario al raggiungimento della conoscenza di sé stessi e dell’universo. Mario Vespasiani, rinnova la pe
orario: Dal Martedì alla Domenica dalle 15,30 alle 19,30 | lunedì chiuso
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 18 maggio 2014. dalle 18 alle 21,30
curatori: Lucia Zappacosta
autori: Mario Vespasiani
patrocini: Comune di Pescara Assessorato alla Cultura
genere: arte contemporanea, giovane arte, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
La seconda mostra della seconda stagione espositiva dell’Alviani ArtSpace, spazio di ricerca e sperimentazione sul contemporaneo all’interno dell’Aurum di Pescara, è dedicata all’opera di Mario Vespasiani, uno dei più imprevedibili talenti dell’arte italiana. La mostra, curata da Lucia Zappacosta, presenta gli ultimi lavori di questo affermato artista marchigiano che ispirato dal misticismo, dall’alchimia e dalla magia, ci propone un viaggio etereo che richiede il silenzio necessario al raggiungimento della conoscenza di sé stessi e dell’universo.
Vespasiani rinnova la percezione del viaggio mistico attraverso la ricerca di strumenti di lettura e di interpretazione dell’esistenza personale e universale. Le antiche cartine geografiche e i paesaggi astratti diventano quindi inaspettati strumenti di orientamento: nuove mappe terrestri e celesti che si incarnano in oggetti e contenitori magici. Pietre, borse ed altri oggetti acquistano nuove funzioni, indipendenti dalla loro natura e divengono immuni al passaggio del tempo. Mappe, bagagli e personaggi sono parte di un viaggio per riformulare la storia, censire i luoghi dello spirito e metter da parte la conoscenza necessaria ad attraversare il luogo fisico verso un altrove metafisico.
Lo spettatore è guidato in un’esperienza che conduce alle porte dell’infinito: attraverso la partecipazione al gesto creativo, gli si offre la possibilità di astrarsi dalla sua condizione, dalla fragile realtà, e di dirigersi verso l’energia cosmica di conoscenza dell’universo. Al centro di questo viaggio silenzioso emerge la ricerca della parte essenziale di ogni essere umano e della totalità che ci avvolge tutti, che i platonici chiamavano Anima mundi che non è altro che la vitalità della natura, intesa come un'unica forza vivente, come un'unica volontà di vita.
Questa mostra è dunque una metafora della vita umana, in cui l’illuminazione si trova in un cortocircuito di equilibrio, trasformazione e movimento. Rappresenta un’esperienza che attraversa luoghi e relazioni, che riflette sui simboli magici, sulle geometrie delle forme e sul loro movimento. E’ una mostra che ci invita a guardare in profondità dentro di noi poiché rappresenta un cammino alla ricerca dell’anima, parte essenziale di ogni essere umano, attraverso la dimensione trascendente del viaggio, che trasfigura la realtà (Lucia Zappacosta).

Mario Vespasiani, un’imprevedibile talento dell’arte italiana, nasce nel 1978, vive e lavora a Ripatransone, nelle Marche. La sua ricerca si muove dentro alcuni grandi interrogativi dell’umanità, come la concezione di spazio e tempo e il rapporto tra umano e divino. Utilizza un linguaggio simbolico ed evocativo e la sua pittura parla di un complesso itinerario dell’anima che porta lo spettatore a vagare nella memoria, in una mappa scandita da tappe precise: silenzio, mistero, contemplazione.
Nel 2008, a dieci anni dalla prima personale, realizza la mostra che avvia il progetto denominato “La quarta dimensione” attraverso il quale propone un dialogo con alcuni grandi maestri dell'arte italiana a lui particolarmente vicini in un determinato momento della ricerca: Mario Schifano, Osvaldo Licini, Lorenzo Lotto. A 27 anni vince il primo Premio Pagine Bianche d'Autore, nel 2011 viene invitato al Padiglione Italia della 45° Biennale di Venezia e figura nel libro Fragili eroi di Roberto Gramiccia dedicato ai più interessanti artisti italiani del futurismo ad oggi. Dal 1998 sono circa trenta le mostre personali documentate con volumi prodotti in serie limitata, arricchiti da testi critici, interviste e da testimonianze trasversali. Del suo lavoro se ne sono occupati oltre agli storici e ai critici d'arte, anche filosofi, scrittori, antropologi e teologi, tra cui Marco Vannini, Giuseppe Chiaretti, Luca Beatrice, Padre Giuseppe Santarelli, Maurizio Sciaccaluga.


FINO al 29 GIUGNO
Dal Martedì alla Domenica dalle 15,30 alle 19,30 | lunedì chiuso
ALVIANI ARTSPACE | AURUM | PESCARA
INGRESSO GRATUITO

 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram