Mustafa Sabbagh - 100mq 3112 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
18/06/2019
VALIE EXPORT vince il Roswitha Haftmann Prize 2019. Il premio alla sua ricerca coraggiosa
17/06/2019
Il documentario dei Beastie Boys realizzato per i 25 anni di “Ill Communication”
17/06/2019
Un bambino di tre anni ha distrutto un’opera di Katharina Fritsch ad Art Basel
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva CONTACT ZONE - CONTEMPORARY GALLERY ​ Via Pessina 8 Lugano 6900

Lugano - dal 20 novembre 2014 al 30 gennaio 2015

Mustafa Sabbagh - 100mq

Mustafa Sabbagh - 100mq

 [Vedi la foto originale]
CONTACT ZONE - CONTEMPORARY GALLERY
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Pessina 8 (6900)
+41 (0)79 845 2266
contactzonegallery@gmail.com
www.contactzonegalley.ch
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

“L’apparato emozionale di un uomo si estende in uno spazio infinito, al di sotto dello spazio - finito - del suo apparato epidermico. Nei miei due video, la santità di Giuda si rispecchia nell’umanità di Cristo. L’orizzonte del mare non ha confini, all’interno dei confini di un quadro”.
orario: dal martedi al venerdì ore 16 / 18 o su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 20 novembre 2014. ore 18.00
curatori: Guido Cabib
autori: Mustafa Sabbagh
genere: fotografia, arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

comunicato stampa
Contact Zone – Contemporary Art Gallery è lieta di presentare: “100 mq” , la prima personale di Mustafa Sabbagh a Lugano, a cura di Guido Cabib. Opening 20 Novembre 2014 ore 18.00 – 21.00.

Mustafa Sabbagh , presenta per la prima volta a Lugano , una sua personale , con opere di grande, medio e piccolo formato , di cui alcune inedite, appositamente prodotte per il suo solo show, accompagnate da due video.
Nell'identificare ciò che per noi è bellezza, ci è d'impedimento la parola stessa: “bellezza”. All'orecchio suona così languida, così inefficace, vezzosa ed eterea, così distante dalle drammatiche urgenze dell'anima. Nel nostro caso, la bellezza risiede proprio nell'opposto: energica, sgraziata e materica, pelle e pece, così vicina a noi esseri di carne ed ossa, alle nostre vite intrise di drammaticità, circondate da cose lasciate fuori al freddo, esposte all'oscurità. Ciascun oggetto, per definizione, viene gettato via prima di essere fabbricato; spazzatura e ciarpame senza vita, che derivano il loro valore esclusivamente dal nostro desiderio consumistico di possedere ed accumulare.
 
Ma, nell'oscurità che ci avvolge, risiedono Anima e Cuore; sta a noi risvegliarli, ed attraversare con loro questo mondo avvolto dall'orrendo che affascina. Corbin afferma che la modalità caratteristica del cuore non è il sentimento, bensì la Visione. L'amore appartiene allo spirito e rende l'anima reattiva alle sue immagini, che sono nel cuore. Questo, dunque, non è tanto il luogo del sentimento personale, quanto quello della “Imaginatio” vera, che riflette - nel suo microcosmo - un mondo immaginale Abbiamo bisogno di Visioni, per alzare la testa e pensare; dipende da noi, tenere illuminato il mondo.
 
Nell’osservare le immagini dei landscapes, dei notturni, delle spiagge, delle foreste, dei cieli, delle nebbie e dei nudi di Mustafa Sabbagh, spazi infiniti racchiusi nei 100mq della galleria, ci troviamo di fronte ad espressioni pure dell’assenza dell’Altro, ma anche a momenti di pura astrazione fisica e mentale, perché Mustafa si concentra su emozioni inconsce.
 
Si è tentati di qualificare il suo lavoro come autobiografico, date le numerose allusioni dell’artista alla propria vita, ma quest’idea appare incompleta. Nelle sue immagini, Mustafa Sabbagh non racconta la storia di un individuo ma quelle di una coppia, di una coabitazione amorosa. L’incontro e l’unione, la conoscenza dell’altro, la vita in comune e l’assenza, l’abbandono - che include tutte le immagini dei paesaggi. Nella sua globalità, le immagini di Mustafa Sabbagh si articolano proprio intorno a un progetto autobiografico, ma è un’autobiografia condivisa, che stimola in chi le osserva una relazione intima. Mustafa, attraverso un sapiente uso della ritrattistica e dei paesaggi, mette in scena un’etica creativa delle relazioni amorose.
 
Quando ci si trova di fronte alle immagini di Mustafa Sabbagh, la contemporaneità si appalesa in tutta la sua fragilità e violenza - con nostalgie, lacerazioni e drammi - ma ciò accade anche di fronte al desiderio dell’abbandono, del silenzio e della crescita interiore.

 
Nelle parole di Mustafa Sabbagh, a proposito di questa mostra: “L’apparato emozionale di un uomo si estende in uno spazio infinito, al di sotto dello spazio - finito - del suo apparato epidermico. Nei miei due video, la santità di Giuda si rispecchia nell’umanità di Cristo. L’orizzonte del mare non ha confini, all’interno dei confini di un quadro”.
 
“Le passioni umane, la santità e il peccato, l’orizzonte, spazi infiniti; tutto, in 100 metri quadri”.






Periodo: dal 20 Novembre al 16 Gennaio 2015
Opening : 20 novembre 2014 dalle ore 18.00 alle ore 21.00
Orari di apertura: dal martedi al venerdì ore 16 / 18 o su appuntamento
Indirizzo: Lugano, Via G.Pessina 8
email: contactzonegallery@gmail.com
Tel: +41 (0)79 845 2266
Website: www.contactzonegallery.ch
Follow us on Facebook, Twitter, Instagram and Pinterest
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram