Cavie 3146 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MONDRIAN SUITE ​ Via Dei Piceni 41/43 Roma 00185

Roma - dom 15 febbraio 2015

Cavie

Cavie

 [Vedi la foto originale]
MONDRIAN SUITE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Dei Piceni 41/43 (00185)
+39 3477853260
mondriansuite@libero.it
www.mondriansuite.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Cavie nel linguaggio comune è sinonimo di animale da esperimento. Esso esprime la dicotomia sofferenza/benessere. Poche cavie soffrono (e non per propria scelta) per offrire un ipotetico benessere ai molti. Dal superamento di questa dicotomia nasce il concept Cavie: cavie da performance.
orario: 19-23
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 15 febbraio 2015. 19
curatori: Klaus Mondrian, Maria Manuela Pochetti
autori: Marta Alessio, Daniele Contavalli, Laura Della Gatta, Luciano Fabale, Francesca Fini, Cristina Meloro, Christian Nix, Ivan Paduano, Maria Manuela Pochetti, Sabrina Rigoni
genere: arte contemporanea, performance - happening, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Cavie (concept)
Elucubrazioni di Luciano Fabale
Cavie nel linguaggio comune è sinonimo di animale da esperimento. Esso esprime la dicotomia sofferenza/benessere. Poche cavie soffrono (e non per propria scelta) per offrire un ipotetico benessere ai molti. Dal superamento di questa dicotomia nasce il concept Cavie: cavie da performance.
Le arti performative e la videoarte vengono proposte in questo evento come laboratorio di sperimentazione e ricerca nell’ottica di offrire un benessere ai molti. Ma in questo laboratorio l’accezione Cavie è positiva/propositiva, frutto del libero arbitrio. Vuole palesare la sofferenza (volontaria) di chi desidera far emergere le proprie/oggettive verità per il reale bene comune, e per questo scopo combatte il bigottismo istituzionalizzato, il luogo comune, il falso cosiddetto “bene comune”. Ma per raggiungere questo obiettivo l’artista/cavia/performer deve utilizzare i linguaggi dell’arte meno istituzionalizzati: propri delle arti performative e della videoarte.
La cavia/performer per raggiungere il suo scopo deve ingannare il censore. Nella sua azione l’artista mette in atto un’operazione psicologica di tipo freudiano: per far emergere alla coscienza le nevrosi inconsce deve superare il controllo di un preconscio (censore) vestendo il significato con un significante accettabile/plausibile oppure con un significante non convenzionale. Per questo scopo le arti performative contemporanee sono efficaci; esse esprimendosi con linguaggi poco convenzionali possono essere censurate con difficoltà. Questa difficoltà di censura ne determina la loro forza e le rende estremamente attuali; capaci di far emergere le nevrosi della nostra società con immediatezza (basta saper decifrare il messaggio) e di superare facilmente gli ostacoli che potrebbe frapporgli il censore/conservatore (che non comprendendo o fraintendendo lascia passare).
Per concludere, il laboratorio performativo Cavie è positivo in quanto libero e propositivo in quanto offre a tutti i frutti della propria libertà d’espressione, di ricerca formale e culturale in totale contrapposizione al laboratorio coatto dell’arte istituzionalizzata.
 
trovamostre
@exibart on instagram