Franco Cervi - Logos 3095 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
20/11/2018
Addio a Eimuntas Nekrosiu, maestro di teatro dalla visione innovativa e potente
20/11/2018
Tutto pronto per la settima edizione del Premio Fabbri. Sabato i vincitori
20/11/2018
Una grande mostra dedicata a Frida Kahlo inaugurerà al Brooklyn Museum di New York
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva EFFEARTE ​ Via Ponte Vetero 13 Milano 20121

Milano - dal 19 marzo al 15 maggio 2015

Franco Cervi - Logos

Franco Cervi - Logos
Franco Cervi, One (2), 2014, serigrafia artistica a due colori su carta accoppiata con lastra di alluminio, 120x120 cm, Ed. di 5 + 1 p.a.
 [Vedi la foto originale]
EFFEARTE
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Ponte Vetero 13 (20121)
+39 0239198484 , +39 0240700945 (fax)
info@effeartegallery.com
www.effeartegallery.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Milano, 19 marzo 2015. La galleria Effearte è lieta di presentare la mostra personale di Franco Cervi dal titolo Logos.
orario: da lunedì a venerdì ore 10-13 e 14-19, sabato su appuntamento
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 19 marzo 2015. ore 18.30
autori: Franco Cervi
genere: arte contemporanea, personale

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Nell'oceano sterminato della letteratura mistico-filosofica occidentale non è raro constatare la moltitudine di significati che autori diversi, nel corso dei secoli, hanno attribuito al termine antico Logos: scegliere, raccontare, enumerare, relazione, legame, proporzione, misura, ragion d'essere, causa, ragionamento, ragione e addirittura disegno. Sembrerebbe però emergere un significato predominante: l'azione di definire qualcosa per mezzo di un discorso rigoroso e coerente. La ricerca di Franco Cervi nasce da una sintesi risolutiva tra concetto e forma e si rivolge ai fondamenti del pensiero esistenziale: Dio, Uomo, Vita, Morte. Che cosa esprimono esattamente queste parole?
Il suo lavoro è volontà di decodifica, un tentativo di "mappatura genetica" dell'infinito.

A livello formale la scelta del minimalismo radicale si basa sul rigore e sulla perfezione della geometria pitagorica e platonica secondo le quali il numero e la geometria forniscono la chiave di accesso alla struttura intima dell'universo e quindi alla comprensione del suo creatore. Nascono così invisibili ma intuibili costruzioni geometriche, talvolta di particolare complessità. La ricerca della proporzione perfetta e dell'armonia assoluta deriva dall’analisi del rapporto tra pieni e vuoti. Le interazioni tra soggetto e spazio sono matematicamente esatte, quindi il soggetto non può situarsi in posizioni diverse da quelle date così come non può assumere diverse dimensioni o proporzioni interne senza alterare l'intera architettura costruttiva.

Le rare cromie sono selezionate con la logica di risultare distinguibili le une dalle altre, ogni elemento cromatico estraneo al rigore concettuale è bandito dalla composizione. Tendenzialmente ci sono un numero massimo di tre colori compresenti, sempre su superficie neutra, che si riferiscono rispettivamente alla triade costitutiva dell'essere umano nella visione comune alle religioni monoteiste: il nero o il bianco rappresentano il corpo, il rosso l’anima e l’azzurro lo spirito.

Sovente l'opera nasce da un elemento scritto, una parola chiave che ne riassume il senso e ne diventa la didascalia. L’elemento tipografico è centrale nel suo lavoro: Helvetica, classico carattere della tipografia internazionale, e Base, sua progettazione, ricorrono in quasi tutti i lavori in mostra. Quest’ultimo nasce dalla stessa matrice geometrica utilizzata per strutturare l’intera opera.

La ricerca di Franco Cervi si è sempre collocata al confine disciplinare tra graphic design e arte pura. Una figura di grande ispirazione è stata quella del graphic designer Wim Crouwel, di cui l’artista ha sempre amato le forme tipografiche astratte ("New Alphabet") per poi aderire alle sperimentazioni sulle matrici geometriche e sui rapporti matematici (ricerca che oggi è, per lui, più che mai vitale nonché densa di contenuti filosofici).
I suoi riferimenti nascono da quel graphic design considerato nella sua accezione più intellettuale, radicale e sperimentale (Malevic, El Lissitzky, Gabo, Bauhaus, per cominciare) passando per le avanguardie artistiche dell’arte cinetica, della Op-art (Albers, Riley, Vasarely), dei movimenti dell’arte minimalista e Neo-Geo (Flavin, Serra, Judd, Palermo, Turrell, Irwin, Mihich, Halley).

Durante la Milano Design Week 2015, Effearte parteciperà al progetto Le 5 Vie Art+Design presentando la mostra Abitare i Materiali dello studio Baldessari e Baldessari.
Per quest’occasione la galleria sarà aperta anche le giornate di sabato 18 e domenica 19 aprile.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram