Minimalia 3080 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
14/12/2018
L’universo in bottiglia. Ilaria Vinci vince l’ottava edizione del Menabrea Art Prize
14/12/2018
La casa sull'albero progettata dall'architetto Will Beilharz
13/12/2018
Milano da bere? No, “Milano da Vinci”. Apre il concorso dedicato alla città di Leonardo
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva STUDIO GUASTALLA ​ Via Senato 24 Milano 20121

Milano - dal 27 maggio al 3 ottobre 2015

Minimalia

Minimalia - -
Turi Simeti, Un ovale rosso, 2014, cm 50x50
 [Vedi la foto originale]
STUDIO GUASTALLA
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Senato 24 (20121)
+39 02780918 , +39 02780918 (fax)
info@guastalla.com
www.guastalla.com
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Circa trenta opere che illustrano l'approccio minimalista nei confronti dell’arte di artisti quali Agnetti, Aubertin, Boetti, Calzolari, Dadamaino, Griffa, Isgrò, Melotti, Nevelson, Pinelli, Pistoletto, Scheggi, Simeti, Uncini.
orario: dal martedì al sabato, 10-13 15-19
(chiusura dal 2 al 24 agosto)
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: free admittance
vernissage: 27 maggio 2015. ore 18
curatori: Ettore Guastalla, Silvia Guastalla
autori: Vincenzo Agnetti, Bernard Aubertin, Alighiero Boetti, Pier Paolo Calzolari, Dadamaino, Giorgio Griffa, Emilio Isgrò, Fausto Melotti, Louise Nevelson, Pino Pinelli, Michelangelo Pistoletto, Paolo Scheggi, Turi Simeti, Giuseppe Uncini
genere: arte contemporanea, collettiva

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Rigore, controllo, modularità, sottrazione, riduzione alla purezza della struttura, analisi, monocromia, ritmo. C’è un filo rosso che collega le ricerche di molti artisti tra la fine degli anni ’50 e i ’70, alla ricerca di un nuovo inizio rispetto al passato rappresentato dall’informale. In opposizione al concetto di arte come attività liberatoria, non controllata, soggettiva, e di fusione tra arte e vita, questa generazione concepisce l’arte come un’attività autonoma, controllata attraverso l’analisi del linguaggio, verificabile, ripetibile, modulare. Un’arte che tende all’essenzialità, cosciente della peculiarità del linguaggio artistico, della distanza tra arte e vita. Un’arte che addirittura preesiste rispetto all’opera, la quale perde l’aura di unicità e di prodotto di un gesto trascendente, sciamanico, per diventare un oggetto ripetibile, vicino al design. Zero, Nul, Azimuth, i nomi dei gruppi e delle riviste cui alcuni di questi artisti appartengono, sottolineano la tensione verso la purezza, la semplificazione, l’esattezza. Una zona di silenzio e di possibilità pure, un nuovo inizio, una visione positiva del futuro e delle possibilità illimitate dell’arte. In questo orizzonte, che non è limitato a un periodo storico o a determinati gruppi, ma si estende concettualmente alla produzione di tanti artisti, si collocano Dadamaino e Scheggi, Simeti, Agnetti, Aubertin, Calzolari, Boetti, ma anche Melotti con le sue sculture in cui lo spazio è scandito ritmicamente e gli elementi sembrano partiture di ideogrammi; Griffa, la cui pittura analitica torna agli elementi primari del linguaggio, segni e colori; Isgrò, con la Cancellatura che è una forma di “igiene del linguaggio”; Pistoletto, i cui quadri specchianti attirano lo spettatore all’interno dell’opera, riducendone l’aura di sacralità e di immutabilità, Uncini, le cui opere sono basate su una ricerca geometrico-spaziale che pone in primo piano il principio costruttivo e architettonico.
Con MINIMALIA Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea presenta circa trenta opere che illustrano questo approccio nei confronti dell’arte.
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram