Giuseppe Chiari - Quit Classic Music 3040 utenti online in questo momento
exibart.com
 
community
Express
19/01/2019
David Bowie è stato nominato dal pubblico del Regno Unito il più grande entertainer del XX secolo
19/01/2019
L’Urlo di Munch in bianco e nero, arriva a Londra
18/01/2019
Daniel Pennac non è gradito a Empoli: polemica per l'invito dello scrittore francese che difese Cesare Battisti
+ archivio express
Exibart.segnala
Blog
recensioni
rubriche

arte contemporanea, collettiva MUSEO DIOTTI ​ Via Aldo Formis 17 Casalmaggiore 26041

Casalmaggiore (CR) - dal 20 giugno al 26 luglio 2015

Giuseppe Chiari - Quit Classic Music

Giuseppe Chiari - Quit Classic Music

 [Vedi la foto originale]
MUSEO DIOTTI
vai alla scheda di questa sede
Exibart.alert - tieni d'occhio questa sede
Via Aldo Formis 17 (26041)
+39 0375200416 , +39 0375284428
info@museodiotti.it
www.museodiotti.it
individua sulla mappa Exisat
individua sullo stradario MapQuest
Stampa questa scheda
Eventi in corso nei dintorni

Presso il Museo Diotti di Casalmaggiore (CR), in contemporanea con il 19° Casalmaggiore International Music Festival e parallelamente al programma di Musica Contemporanea (CIME – Contemporary International Musical Exchange) coordinato da Megumi Masaki, concertista e docente presso l’Università di Brandon, Manitoba – Canada, si terrà una mostra/omaggio al Maestro Giuseppe Chiari (1926-2007), uno dei massimi artisti contemporanei italiani che ha fatto parte del Movimento Artistico della Neo-Avanguardia Internazionale ‘Fluxus’, che ha esplorato e rinnovato il linguaggio della musica, dell’arte visiva e della performance, inventando la ‘Musica d’Azione’ e la ‘Musica Visiva’
orario: da martedì a venerdì 8,00 – 13,00, sabato e festivi 15,30 – 18,30
(possono variare, verificare sempre via telefono)
biglietti: 3 euro
vernissage: 20 giugno 2015. h 18
catalogo: in galleria. testi di Anna Vergine e Gabriele Fallini, curatori, e di Vittorio Rizzi, musicologo
curatori: Gabriele Fallini, Anna Vergine
autori: Giuseppe Chiari
genere: arte contemporanea, personale
email: anna.vergine@virgilio.it

segnala l'evento ad un amico

mittente:
e-mail mittente:
e-mail destinatario:
messaggio:

individua sulla mappa

 
comunicato stampa
Presso il Museo Diotti della Città di Casalmaggiore (CR), dal 20 giugno al 26 luglio 2015, in contemporanea con il 19° Casalmaggiore International Music Festival e parallelamente al programma di Musica Contemporanea (CIME – Contemporary International Musical Exchange) coordinato da Megumi Masaki, concertista e docente presso l’Università di Brandon, Manitoba – Canada, si terrà una mostra/omaggio al Maestro Giuseppe Chiari (1926-2007), uno dei massimi artisti contemporanei italiani che ha fatto parte del Movimento Artistico della Neo-Avanguardia Internazionale ‘Fluxus’, che ha esplorato e rinnovato il linguaggio della musica, dell’arte visiva e della performance, inventando la ‘Musica d’Azione’ e la ‘Musica Visiva’. Sono le stesse parole di Giuseppe Chiari a definire l’opera di Giuseppe Chiari, descrivendo l’happening: “la musica, la scrittura, la pittura, le figurazioni gestuali, la propria voce, sono i veicoli della comunicazione creativa: un’arte vissuta più che guardata.” Parole che sostengono la certezza di come arte e musica siano forme espressive di necessità primaria del vivere umano, proprie della natura umana, come sensibilità alla conoscenza per esperienza diretta e gestuale, di azione sulle e delle cose. Diviene necessario riconsiderare anche un ‘senso nuovo’ del linguaggio, nella definizione della parola rispetto al canto, del rumore rispetto al suono, rumore che è anche suono, così come lo è il silenzio. Poiché la vita è il tempo che si svolge nel carattere dinamico di pausa e azione. Arte e musica sono azione gestuale. Una forma di spazialità, un modo di ridimensionare conferendo la ‘dimensione vera’, anche allargata, alle attività creative che sono parte dell’uomo. Arte e scienza hanno dimostrato come la bellezza sia nelle cose semplici - in sé, come nei loro legami - e di come nei processi di comunicazione fra materia ed energia stia lo scambio di una certa qualità dell’informazione, utile quando costruttiva. A questo proposito, fra le affermazioni di Giuseppe Chiari, esemplare è “ART IS EASY”, “l’arte è facile”. E in tale principio si concretizza la potenzialità creativa del fare arte nel concetto di indeterminazione attuato liberamente con grande rigore. Dall’azione apparentemente dissacrante dell’artista sugli oggetti-strumenti ‘suonati’ nell’opera (che possono apparire come aggrediti e brutalizzati, congelati nella loro funzione isolata dal nastro adesivo o contaminata dal colore ad indicare l’interazione anche interdisciplinare di un qualcosa che non deve essere necessariamente per addetti ai lavori) emerge la risonanza intellettuale dell’intervento esterno dell’artista come esperienza di bellezza segnica. Una ricerca che rafforza l’idea stessa della musica ed evidenzia un’intenzionalità dell’azione in cui il corpo – dell’oggetto-strumento come dell’artista che ha agito, così come del chi guarda l’opera – interviene come elemento di fisicità necessaria e diretta. L’oggetto, lo strumento musicale come lo spartito, non è mai solo. Vive dell’azione di chi lo suona, di chi lo osserva da un punto di vista formale ed estetico, oltre che musicale. È una questione di fisicità del suono comunicata sul corpo del suono. Attraverso ciò che, nell’opera, rimane del gesto sulla e nella materia. Sulla musica, in forma radicale, vissuta e pura. Anna Vergine e Gabriele Fallini
 
Il navigatore dell'arte
trovamostre
@exibart on instagram